In Piemonte entra in funzione la videochat di supporto alle chiamate di emergenza

No comments

Il Piemonte è la prima regione in Italia a sperimentare una brillante forma di innovazione per quanto concerne il soccorso: oggi è infatti presentato presso la centrale unica di risposta del 112 di Saluzzo, in provincia di Cuneo, il servizio di videochiamata per assistere tutti coloro che chiedono soccorso.

Si tratta di un’importantissima evoluzione del servizio di soccorso che è in grado di mettere in contatto video chi chiede aiuto e l’operatore tramite smartphone: così facendo l’operatore è in grado di monitorare in tempo reale la situazione e la sua evoluzione fino dal primo minuto.

Il funzionamento è piuttosto lineare: una volta ricevuta la chiamata ed accertato lo stato di emergenza, l’operatore in servizio della centrale di emergenza invia un link tramite messaggio sul cellulare del chiamante.

Chi richiede soccorso, alla ricezione del messaggio, può cliccare il link che attiva la visualizzazione dello schermo da parte dell’operatore del 112 il quale può intervenire aiutando il richiedente sfruttando la possibilità di fornire indicazioni sicuramente più comprensibili ma, allo stesso tempo, anche accertarsi dello stato della gravità della situazione supportando attivamente chi effettua la chiamata.

L’importanza di questa nuova opportunità è ancora più evidente quando colui che segnala un’emergenza non è la vittima ma, per esempio, un soccorritore che potrebbe non avere le competenze di primo soccorso: tramite la possibilità di vedere l’operatore del 112 è infatti possibile replicare più facilmente azioni utili alla salvaguardia di chi si trova in difficoltà.

smartnationIn Piemonte entra in funzione la videochat di supporto alle chiamate di emergenza
Vai all'articolo

Fascicolo del cittadino, il Comune di Milano avvia la sperimentazione della versione mobile

No comments

Il Fascicolo digitale del Cittadino, il contenitore digitale che permette al cittadino di interfacciarsi con la Pubblica Amministrazione, sbarca su mobile: per questo il Comune di Milano ha avviato la sperimentazione e cerca 100 volontari per testare la nuova app lanciata dall’Assessore all’Innovazione Roberta Cocco.

Fino ad ora il Fascicolo digitale del Cittadino era perfettamente funzionante su desktop, tablet e latptop: era comunque utilizzabile anche in mobilità tramite un comune un browser internet che però penalizzava l’esperienza lato utente.

Ora però è possibile effettuare tutte le operazioni previste dallo strumento anche da smartphone in un modo molto semplice e rapido: si tratta di una rivoluzione significativa perché la semplicità d’uso è la chiave della diffusione degli strumenti e quindi dei servizi digitali della PA.

Nell’ottica di incentivare il più possibile il Fascicolo del Cittadino, il ricorso ad un miglioramento dell’esperienza utente in mobilità dovrebbe far riflettere su come la PA entri a pieno titolo nelle tasche della popolazione residente: con semplici gesti è quindi richiedibile un certificato ma si possono anche emettere pagamenti, prenotare appuntamenti e garantirsi servizi di vario genere erogati dal Comune.

Intanto gli accessi al Fascicolo del Cittadino hanno superato il milione e i certificati scaricati hanno raggiunto la quota del 62 per cento.

Con il porting verso la filosofia mobile first, i numeri fino ad ora ottenuti saranno sicuramente soggetti ad una significativa crescita anche perché la nuova app diventerà un aggregatore per altre app di servizio offerte dal Comune prima (es. Sport a Milano) e da terze parti poi (es. Atm Milano).

Per contribuire al beta testing è sufficiente recarsi, fino al 11 febbraio, sul sito comune.milano.it\appbeta per partecipare alla selezione della sperimentazione che durerà due settimane per poi avere il lancio ufficiale durante la Milano Digital Week: per l’utilizzo sarà ovviamente necessaria l’identità digitale SPID.

Il primo illustre beta tester è il Sindaco di Milano Beppe Sala.

smartnationFascicolo del cittadino, il Comune di Milano avvia la sperimentazione della versione mobile
Vai all'articolo

Il Comune di Monza lancia una call per l’innovazione della cooperazione sociale

No comments

Il Comune di Monza ha lanciato una chiamata indirizzata alle startup con progetti innovativi per il settore della cooperazione sociale: si tratta della Call for Solutions organizzata nel perimetro del programma di open innovation di Silva26.

L’avviso si rivolgere a professionisti ed enti strutturati che abbiano prototipato piattaforme digitali che producano un elevato impatto sociale nell’ambito della cooperazione come per esempio il miglioramento dei servizi di welfare, dei servizi di informazione fra cooperative sociali e famiglie ma anche nell’ambito della costruzione di reti sociali per supportare attività di integrazione nel mondo del lavoro di soggetti svantaggiati.

La call, attiva sul portale F6s fino al 28 novembre, intende consolidare il rapporto tra il mondo della cooperazione sociale e quello dell’innovazione digitale.

Il programma è realizzato in collaborazione con Consorzio Comunità Brianza, Consorzio SIS, Consorzio SiR e Confcooperative Milano-Lodi-Monza Brianza.

Maggiori informazioni nel comunicato del Comune di Monza.

smartnationIl Comune di Monza lancia una call per l’innovazione della cooperazione sociale
Vai all'articolo

ENEA affianca il Comune di Ravenna per promuovere la transizione digitale e la rigenerazione urbana della darsena

No comments

ENEA, insieme al Comune di Ravenna, è pronta a realizzare una grande piattaforma tecnologica per gestire dati su traffico, inquinamento ambientale e consumi energetici di lampioni, edifici e singole abitazioni dell’area portuale-industriale della città.

L’iniziativa è coerente con le specifiche del progetto DARE per cui è stato ottenuto un importante finanziamento europeo all’interno del bando Urban Innovative Action.

L’area obiettivo è abitata da circa 20mila persone ed è interessata da profondi processi di dismissione: per migliorare l’ambiente verranno eseguiti interventi di rigenerazione ambientale, abitativa e turistica tramite la creazione di un ambiente digitale che servirà a gestire i dati provenienti da una rete capillare di sensori sul territorio e la diffusione di una cultura digitale, sempre più connessa a turismo, lavoro, salute, sicurezza e vivibilità degli spazi locali.

I cittadini verranno coinvolti nel processo tramite vari strumenti, come il portale, le app, i totem informativi, le panchine interattive ma anche eventi e laboratori che consentiranno al cittadino di intervenire nella co-progettazione degli interventi condivisi di rigenerazione urbana. La darsena potrà quindi diventare sempre più attrattiva per residenti, turisti e investitori.

smartnationENEA affianca il Comune di Ravenna per promuovere la transizione digitale e la rigenerazione urbana della darsena
Vai all'articolo

Onlife, a Milano la prima edizione dell’evento dedicato alla società digitale

No comments

Tutto è pronto per Onlife, l’evento organizzato da Repubblica e dal gruppo Lena dedicato alla società digitale.


La manifestazione, che si tiene i giorni 4 e 5 ottobre a Milano presso la sede del Politecnico di Milano (venerdì) e presso il Teatro Parenti (sabato), porta circa 35 ospiti provenienti da tutto il mondo, di cui poco più della metà sono italiani, a discutere di diverse tematiche legate alla società del futuro.

Eccellenze nel campo della fisica, della tecnologia, dell’uso dei big data e le monete virtuali, nell’ambito delle criptovalute e blockchain, nel lancio di startup ad alta scalabilità, del mondo del giornalismo, ma anche imprenditori, filosofi, docenti universitari ed esperti di robotica si alterneranno in una due giorni gratuita rivolta ad appassionati, professionisti ma anche curiosi dei cambiamenti a cui assisterà la nostra società.

Una società in cui la distinzione fra mondo digitale e mondo fisico è ormai superata a fronte di una vita iper connessa.

Il programma completo è consultabile qui.

Si richiede una registrazione, gratuita, effettuabile qui.

smartnationOnlife, a Milano la prima edizione dell’evento dedicato alla società digitale
Vai all'articolo

Il Comune di Siena presenta il proprio assistente virtuale

No comments

Il Comune di Siena ha oggi presentato ufficialmente Caterina, il proprio assistente virtuale che opermette ai cittadini di essere assistiti in tempo reale per le procedure da effettuare presso gli uffici comunali.

L’Amministrazione si apre quindi a duna rivoluzione che porta gli sportelli ad essere aperti 24/7 potendo quindi erogare servizi anche al di fuori della normale fascia lavorativa diurna.

Il sistema è basato sull’intelligenza artificiale ed è in grado di interpretare le necessità dei cittadini per concludere le pratiche richieste tramite il portale semplificando così l’accesso ai servizi pubblici dall’erogazione di certificazioni dell’Ufficio Anagrafe fino all’invio in digitale del documento richiesto.

Caterina è il primo progetto in Italia di intelligenza artificiale applicato ad un ente pubblico: l’entrata effettiva in servizio della piattaforma è prevista per il 1 novembre con un rilascio a fasi graduali.

La prima fase prevede che gli utenti ricevano dall’applicazione esclusivamente informazioni sulla base delle proprie domande: questo permetterà al sistema di apprendere per poi, grazie all’algoritmo di deep learning, essere funzionale alla fase successiva nella quale diventerà operativo anche il supporto al rilascio dei certificati.

Grande attenzione è stata posta al rispetto della normativa in materia di privacy grazie anche al benestare del Ministero dell’Interno al progetto.

Caterina è disponibile in due lingue, italiano e inglese, oltre ad essere accessibile anche a non udenti e non vedenti da smartphone, tablet e pc.

smartnationIl Comune di Siena presenta il proprio assistente virtuale
Vai all'articolo

Rilasciato il kit di design per i siti dei Comuni italiani

No comments

La community italiana dei designer per i servizi pubblici digitali, creata in collaborazione tra AgID e il Team per la Trasformazione Digitale, ha rilasciato uno speciale kit di design per realizzare il sito dei Comuni italiani semplificando il lavoro a carico delle Amministrazioni e garantendo un’esperienza d’uso efficace per il cittadino: si tratta di una raccolta di risorse sviluppate appositamente allo scopo nel rispetto delle linee guida di design dei servizi della PA.

Il kit mette in condizione i Comuni di semplificare la realizzazione del proprio sito internet organizzandone le informazioni in modo efficace e soprattutto senza dotarsi di soluzioni disomogenee rispetto ad altre Amministrazioni: questo consente di ridurre i tempi e i costi di sviluppo permettendo una maggiore attenzione alla produzione di servizi digitali e contenuti di qualità.

Ovviamente per tutte le Amministrazioni che vorranno affidare all’esterno le attività di sviluppo web è consigliabile indicare all’interno dei capitolati tecnici il ricorso alle linee guida di design dei siti web della PA.

La documentazione è accessibile qui.

Maggiori informazioni invece sul sito del progetto.

smartnationRilasciato il kit di design per i siti dei Comuni italiani
Vai all'articolo

Amazon Prime Day, al via la due giorni di offerte

No comments

Le offerte di Amazon riservate ai clienti Amazon Prime sono di nuovo attive per l’Amazon Prime Day che in realtà dura due giorni.

Si tratta di un periodo promozionale in cui Amazon propone ai propri affezionati clienti abbonati al servizio Amazon Prime una serie di offerte che risultano particolarmente appetibili al punto da innescare dei veri e propri record giornalieri di vendite sul proprio e-commerce.

Le offerte riguardano tutti i principali settori merceologici con scontistiche davvero appetibili e variabili nella due giorni.

Alcune sono disponibili fino alla fine di domani mentre altre valgono solo per oggi, lunedì: di queste alcune andranno avanti per tutto il giorno, altre solo per qualche ora, con la possibilità che i prodotti scontati vadano velocemente ad esaurirsi.

Per poter approfittare delle offerte dedicate è possibile utilizzare un servizio di notifica ideato appositamente per rendere all’utente la vita più semplice: è sufficiente scaricare Amazon Assistant che invia notifiche direttamente sul browser del PC o alternativamente scaricare l’app di Amazon.

smartnationAmazon Prime Day, al via la due giorni di offerte
Vai all'articolo

Borgofuturo, a Ripe San Ginesio sono protagonisti i pagamenti cashless

No comments

Borgofuturo, la manifestazione dedicata alla sostenibilità giunta ormai alla sua sesta edizione, introduce un primato per il Comune che la ospita: Ripe San Genisio infatti diventa il primo borgo di tutta Italia completamente cashless.

Per l’occasione, grazie all’intervento di SumUp, il piccolo Comune di 800 abitanti si trova ad avere completamente automatizzati i sistemi di pagamento di tutti i propri servizi.

Tramite i lettori di carte SumUp Air, i bar, i negozi di artigianato e gli stand enogastronomici di Ripe San Ginesio sono in grado di offrire ai visitatori la possibilità di pagare con carte contactless e chip&pin o direttamente con lo smartphone, tramite Apple Pay o Google Pay.

L’iniziativa, che risponde ad un’espressa vocazione ambientale, si inserisce nel piano di tutela e conservazione dell’ambiente che vede la raccolta differenziata ad una copertura del 75%, la presenza di un impianto fotovoltaico che produce più della metà del fabbisogno di energia elettrica delle utenze comunali, scuola comunale ad alta efficienza energetica e solare termico che produce acqua calda per la palestra e per l’asilo nido.

L’interesse per la tutela dell’ambiente ha fatto si che durante la manifestazione di Borgofuturo vengano sserviti cibi a km 0, utilizzate solo stoviglie biodegradabili e sia attivato un servizio di carpooling.

Gli spettacoli sono a basso impatto ambientale e i giochi per bambini sono stati realizzati con materiale di riciclo e di recupero; in più le transazioni cashless permetteranno di abbattere l’impatto ambientale di ogni transazione che è pari a 4,6 g di Co2 equivalenti (Co2e).

smartnationBorgofuturo, a Ripe San Ginesio sono protagonisti i pagamenti cashless
Vai all'articolo

Online il questionario per l’attuazione dell’Agenda Digitale

No comments

Da oggi è online un’indagine conoscitiva sullo stato di attuazione dell’Agenda Digitale da parte delle Amministrazioni territoriali (Comuni, Province, Città metropolitane, Regioni e Province autonome) promossa dalla Corte dei Conti.

Il questionario, raggiungibile all’indirizzo questionariotd.corteconti.it è stato elaborato dalla Sezione delle autonomie con il contributo tecnico del Team per la Trasformazione Digitale in relazione al Protocollo d’intesa stipulato dalla Corte con il Commissario per l’attuazione dell’Agenda Digitale.

L’indagine è stata realizzata per recepire informazioni dagli oltre 8mila Enti coinvolti sul territorio per verificare come sia stato recepito il programma dell’Agenda Digitale: la compilazione deve avvenire entro il 30 settembre 2019.

L’analisi dei dati servirà a fornire al Parlamento una fotografia sullo stato di informatizzazione degli enti territoriali e, nel contempo, a spingere le Amministrazioni che fossero in ritardo sull’attuazione dell’Agenda a velocizzare la propria tabella di marcia.

Del resto la realizzazione dell’Agenda Digitale italiana è un obiettivo strategico per l’intero Paese in quanto impatta significativamente sulla qualità e sulla quantità dei servizi resi al cittadino efficientando al contempo la spesa pubblica che ne risulta compressa.

smartnationOnline il questionario per l’attuazione dell’Agenda Digitale
Vai all'articolo