Il Comune di Ivrea e Olivetti insieme per trasformazione digitale del territorio canavesano

No comments

Il Comune di Ivrea e Olivetti estendono il protocollo d’intesa già in essere e potenziano il percorso di trasformazione digitale del territorio canavesano.

In particolare si intendono sperimentare piattaforme e servizi digitali innovativi per la gestione intelligente del territorio, avviando un piano di sperimentazione in anteprima di nuovi servizi digitali con le finalità di valorizzazione, semplificazione e modernizzazione legate alla trasformazione digitale e soprattutto la promozione di iniziative coerenti con il progetto Ivrea Smart City per rendere la città di Ivrea e il territorio canavesano come laboratorio di Olivetti per l’innovazione tecnologica.

Tra le azioni congiunte vi è la sperimentazione di soluzioni intelligenti in ambito mobilità, waste management, parking e una dashboard di monitoraggio della città chiamata CityForecast.

Il piano di sperimentazione avrà una durata di 12 mesi con un Comitato di Coordinamento paritetico che monitorerà l’avanzamento delle attività.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa di Olivetti.

Smart NationIl Comune di Ivrea e Olivetti insieme per trasformazione digitale del territorio canavesano
Vai all'articolo

Al via Sicraweb, la nuova piattaforma digitale del Comune di Bologna

No comments

Il Comune di Bologna è pronto a lanciare ufficialmente, da domani 8 marzo, Sicraweb, la nuova piattaforma digitale di gestione dei servizi demografici.

Il nuovo sistema sostituisce integralmente il precedente relativamente a URP, servizi anagrafici, elettorali e stato civile: per questo motivo, l’avvicendamento prevede la temporanea chiusura delle attività di questi servizi in modo da consentire l’ingresso della nuova tecnologia che rimpiazzerà così il sistema informativo della popolazione (SIPO) nato nel 1987.

L’innovazione rientra nelle azioni del processo di digitalizzazione e di evoluzione strategica del Comune di Bologna per il quinquennio 2016-2021 con l’obiettivo di migliorare l’integrazione dei servizi per il cittadino e dei flussi interni di lavoro.

La piattaforma Sicraweb punta a garantire una migliore integrazione con l’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR), l’eliminazione dei tempi interni di trasmissione delle pratiche verso l’URP e la Polizia Locale, la dematerializzazione dei processi e delle pratiche anagrafiche ed il miglioramento del numero e della qualità dei servizi online per i cittadini come per esempio la presenza dello storico dei certificati richiesti online dal singolo individuo.

Numerosi benefici anche grazie alla gestione della toponomastica integrata con i dati catastali e la gestione storicizzata delle consultazioni elettorali e integrata dei risultati elettorali.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa del Comune di Bologna.

Smart NationAl via Sicraweb, la nuova piattaforma digitale del Comune di Bologna
Vai all'articolo

pArLA, lo sportello digitale del Comune di Ala

No comments

Si chiama pArLA ed è lo sportello digitale organizzato dal Comune di Ala per aiutare le persone resistenti alla tecnologia ad accedere a tutti i servizi digitali offerti dal Comune di Ala ma non solo.

Lo sportello fa parte del processo di digitalizzazione dei servizi comunali di Ala che si concretizza in una serie di iniziative sinergiche che prevedono non solo il punto fisico creato in piazza San Giovanni, dove i cittadini possono ottenere tutti i servizi che prima venivano erogati da diversi uffici, ma anche la stanza del cittadino, uno spazio virtuale presente sul sito del Comune di Ala, tramite cui finalizzare operazioni che prima si dovevano effettuare recandosi in ufficio come per esempio la richiesta di certificati anagrafici o il cambio di residenza.

Lo sportello pArLA si occupa anche del rilascio immediato dell’identità digitale SPID, ormai necessaria per accedere a diverse procedure, fra cui le iscrizioni dei figli a scuola materna ed elementare.

Per venire ulteriormente incontro ai cittadini, il Comune di Ala si è dotato inoltre di una bicicletta elettrica, affidata a Giacomo, il giovane impiegato tramite il servizio civile che presidia lo sportello digitale, che raggiunge le persone bisognose di assistenza direttamente al loro domicilio.

Ogni volta in cui si introduce una novità tecnologica è infatti necessario disporre un sistema di supporto umano altrimenti la nuova tecnologia rischia di essere rifiutata dalle persone meno elastiche ad adattarsi alla trasformazione digitale.

Maggiori informazioni sulla pagina Facebook del Comune di Ala.

Smart NationpArLA, lo sportello digitale del Comune di Ala
Vai all'articolo

Revenge porn, il Garante lancia un canale di emergenza per le vittime potenziali

No comments

Il Garante Privacy si schiera in prima linea contro il revenge porn e in supporto delle vittime potenziali, soprattutto donne, che vengono coinvolte in fenomeni di ricatto o lesione d’immagine collegati alla pornografia non consensuale.

Per farlo, il Garante ha infatti stretto un accordo con Facebook e ha lanciato sul proprio sito un canale di emergenza tramite cui le persone possono denunciare eventuali fenomeni di revenge porn e ottenere il blocco di foto e video intimi diffusi senza il proprio consenso.

Chiunque infatti ritenga che vi sia il rischio di una diffusione non autorizzata può utilizzare il canale, in forma preventiva, che si interfaccia con le piattaforme sociali della multinazionale americana (Facebook e Instagram) la quale provvederà a verificare la segnalazione ed effettuare il blocco ove si la denuncia si rivelasse fondata.

L’indirizzo da cui effettuare l’accesso al canale di emergenza è disponibile alla pagina dedicata del sito del Garante Privacy e sarà attivo dal 8 marzo.

Il funzionamento è semplice: tramite un modulo si potranno fornire dettagli sul caso all’Autorità e caricare le immagini interessate che verranno cifrate in modo da diventare irriconoscibili e inutilizzabile ma preservando delle caratteristiche utili ad una comparazione algoritmica che permette il raffronto che caricamenti presenti e futuri: laddove la tecnologia identificasse un’identità con materiale presente sulla piattaforma di Facebook o Instagram, provvederà a bloccarlo.

Per maggiori informazioni è disponibile il comunicato ufficiale sul sito del Garante Privacy.

Smart NationRevenge porn, il Garante lancia un canale di emergenza per le vittime potenziali
Vai all'articolo

WhatsApp, le chiamate e le videochiamate arrivano sulla versione desktop

No comments

WhatsApp scende in campo contro le altre applicazioni che stanno spopolando nella gestione delle videochiamate come Zoom e Skype lanciando oggi le chiamate e videochiamate anche sulla versione desktop della propria applicazione.

La funzione, annunciata oggi, è accessibile attualmente solo alle conversazioni a due ma è già prevista l’estensione a gruppi.

Dopo aver raggiunto, lo scorso 31 dicembre, il picco del maggior numero di interconnessioni fra utenti effettuate in un giorno con 1,4 miliardi tra chiamate vocali e videochiamate, WhatsApp si propone di bissare il proprio record sfruttando la necessità delle persone, spesso ancora lontane dai propri cari a causa della situazione pandemica o spinti da esigenze lavorative.

Le videochiamate dalla versione desktop di WhatsApp sono state ideate in modo che funzionino sia con l’orientamento verticale sia con quello orizzontale.

Maggiori informazioni nel comunicato ufficiale di WhatsApp.

Smart NationWhatsApp, le chiamate e le videochiamate arrivano sulla versione desktop
Vai all'articolo

SPID, la Provincia di Lucca attiva l’erogazione dell’identità digitale

No comments

Per avvicinare il cittadino al processo di transizione digitale la Provincia di Lucca ha deciso di erogare direttamente l’identità digitale ai cittadini che ne abbiano necessità tramite il rilascio di credenziali SPID, il sistema pubblico di identità digitale.

Il servizio è disponibile in virtù dell’accordo fra la Provincia di Lucca e Lepida scpa, la società in-house di Regione Emilia-Romagna, che permette, in regime di convenzione, il diretto e immediato rilascio delle credenziali al cittadino affinché possa accedere velocemente e in sicurezza a tutti i principali servizi on line della Pubblica Amministrazione.

Con il termine del 28 febbraio infatti, il sistema pubblico di identità digitale è divenuto la modalità prioritaria per accedere ai servizi digitali erogati dalla PA: risulta fondamentale pertanto offrire ai cittadini il modo più semplice per utilizzarli.

L’ufficio abilitato dalla Provincia di Lucca ad erogare le credenziali SPID è quello del Servizio Archivio e protocollo e URP.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa.

Smart NationSPID, la Provincia di Lucca attiva l’erogazione dell’identità digitale
Vai all'articolo

Ad Asti proseguono i lavori di Open Fiber per la rete in fibra ottica

No comments

Ad Asti i lavori di posa dell’infrastruttura in fibra ottica di Open Fiber in modalità FTTH continuano la propria espansione: ben 14mila unità abitative risultano già connesse con la copertura dei quartieri San Pietro, San Lazzaro, San Paolo, San Rocco, Don Bosco e Tanaro.

I quartieri di San Silvestro e Cattedrale sono in fase di copertura mentre in zona Santa Maria Nuova i lavori sono in ultimazione.

La rete, con un totale di circa 45km che collegano case e uffici in modalità FTTH, è frutto della convenzione con il Comune di Asti per raggiungere un totale di 28mila unità immobiliari e supportare la cosiddetta Gigabit Economy che necessita di larghezze di banda rilevanti.

Anche la pandemia ha ovviamente imposto una maggiore attenzione sulla fibra ottica come veicolo per rendere possibile il lavoro agile di migliaia di lavoratori e la fruizione da remoto di una serie risorse indispensabili per consentire il funzionamento dell’economia digitale.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa di Open Fiber.

Smart NationAd Asti proseguono i lavori di Open Fiber per la rete in fibra ottica
Vai all'articolo

L’identità digitale è ufficialmente lo standard per accedere ai servizi online della PA

No comments

Da oggi le Pubbliche Amministrazioni italiane sono obbligate a consentire l’accesso ai propri servizi digitali non solo tramite lo SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale, ma anche con la CIE.

Le PA abilitate sono attualmente 241 e sono in costante crescita nonostante la data odierna rappresentasse il termine ultimo per l’adeguamento in attuazione delle previsioni indicate dal DL Semplificazioni che impone l’uso dell’identità digitale come strumento di dialogo tra cittadini ed enti pubblici.

Il Dipartimento per gli Affari interni e territoriali del ministero dell’Interno comunicato ai Prefetti sul territorio di sollecitare i Sindaci sull’adempimento rendendo inoltre disponibile un servizio per facilitare il processo di federazione delle amministrazioni all’integrazione della CIE come sistema di identificazione digitale.

Già 19 milioni di italiani possiedono la CIE che rappresenta, di fatto la prima identità digitale in Italia per diffusione con cui accedere in modo sicuro e semplice al mondo dei servizi online della Pubblica Amministrazione.

Emessa dal Ministero dell’Interno in collaborazione con il Poligrafico e Zecca dello Stato, la CIE si può utilizzare come identità digitale comodamente anche con uno smartphone e tramite l’app CIEid che permette di leggere il chip integrato nel supporto plastico della carta d’identità e sfruttare l’autenticazione da remoto.

Per richiedere la CIE non è più necessario attendere la scadenza della vecchia carta d’identità: è sufficiente recarsi presso il proprio Comune dove si potrà avviare la richiesta e ritirare il documento o riceverlo a casa entro sei giorni lavorativi.

Maggiori dettagli nella nota del Poligrafico e Zecca dello Stato.

Smart NationL’identità digitale è ufficialmente lo standard per accedere ai servizi online della PA
Vai all'articolo

Il Comune di Empoli porta online il servizio prenotazione

No comments

Il Comune di Empoli inaugura il servizio di prenotazione online per i propri servizi: tramite una piattaforma dedicata che raccoglie i principali servizi erogati dall’Ente, fra cui i demografici, i servizi dell’ufficio tributi, dell’URP e quelli della Segreteria Generale, il cittadino può con semplicità e rapidamente effettuare la prenotazione del proprio posto per svolgere svariate attività.

Semplicemente accedendo dalla pagina principale del sito comunale è sufficiente cliccare sul tasto di prenotazione per accedere alla sezione speciale che consente di scegliere il servizio di cui il cittadino potrebbe necessitare.

La popolazione del Comune di Empoli potrà, dal prossimo 1 marzo, abbandonare il telefono per prenotare i propri appuntamenti: il sistema eredita il successo già raccolto presso la biblioteca comunale Renato Fucini che impiega la medesima tecnologia per consentire la prenotazione di un posto di lettura.

Ogni ufficio servito dal nuovo sistema ha abilitato più di una tipologia di appuntamento prenotabile in base alla durata media prevista in funzione delle attività da svolgere.

smartnationIl Comune di Empoli porta online il servizio prenotazione
Vai all'articolo

Il Comune di Messina prosegue il percorso di transizione digitale

No comments

Il Comune di Messina, tramite il proprio dipartimento delegato ai sistemi informativi e all’innovazione tecnologica, ha effettuato un ulteriore passo in avanti nel processo di transizione digitale che riguarda i propri servizi messi a disposizione della comunità.

In aderenza alle previsioni del Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD) e del Piano triennale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione, il Comune ha concluso le procedure che permettono di effettuare l’integrazione dei tre principali sistemi che sono alla base del processo di trasformazione digitale degli Enti locali: si tratta di PagoPA, SPID e dell’app IO.

L’Amministrazione aveva già da tempo aderito alla piattaforma PagoPA per consentire ai cittadini di effettuare online, in modo semplice, veloce e sicuro tutti pagamenti a favore dell’Ente tramite carta di credito, addebito in conto e sistemi di pagamento alternativi aderenti al circuito.

Ora, in linea con le scadenze normative di fine mese, il Comune ha ultimato i passaggi chiave che consentiranno di avviare il passaggio all’utilizzo dello SPID e dell’app IO come unico punto di accesso ai servizi digitali fornendo ai cittadini maggiori opportunità per semplificare il rapporto con l’Ente e migliorare la qualità della propria vita quotidiana accedendo ad un numero sempre maggiore di servizi pubblici, soprattutto in mobilità.

Nei prossimi giorni l’Amministrazione renderà SPID e CIE gli strumenti unici per l’accesso ai servizi online comunali.

Smart NationIl Comune di Messina prosegue il percorso di transizione digitale
Vai all'articolo