Online il sito del Ministero per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione

No comments

Il MID, acronimo per Ministero per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione, ha il proprio portale: nonostante sia ancora in fase di lavorazione, come del resto tutto il processo di trasformazione digitale del Paese, all’indirizzo innovazione.gov.it è possibile navigare su quello che è candidato ad essere il cruscotto delle linee guida della digitalizzazione italiana.

Sul sito è possibile infatti conoscere tutte le attività e i progetti che il neo-costituito Ministero sta portando avanti: fra questi PagoPA, l’app IO, lo SPID, ANPR e tutte le iniziative che sono alla base del cambiamento della PA nostrana.

Oltre a ragguagliare il cittadino sullo stato di avanzamento degli sforzi per rendere l’Italia un luogo più accogliente sotto il punto di vista digitale, il portale del Ministero è anche un luogo di recruiting: è stata infatti avviata la campagna che porterà alla ricerca e assunzione di 100 nuove figure di elevata esperienza professionale e capacità per rimpolpare i ranghi del Dipartimento per la Trasformazione Digitale che è il braccio operativo del Ministero frutto dell’evoluzione, a sua volta, del Team per la Trasformazione Digitale in qualcosa di più strutturato e coeso rispetto alle esigenze di cambiamento espresse.

Per consultare le posizioni aperte è sufficiente recarsi qui.

Smart NationOnline il sito del Ministero per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione
Vai all'articolo

Al via i nuovi processi digitali propedeutici all’adozione del Documento Unico di circolazione

No comments

I preparativi per l’entrata in vigore del Documento Unico di circolazione, il nuovo supporto che sostituisce il vecchio libretto di circolazione, continuano a susseguirsi: il MIT e ACI hanno infatti ufficializzato il passaggio ai nuovi processi digitali per alcune operazioni attinenti alla proprietà degli autoveicoli.

Si tratta di un percorso graduale iniziato a settembre con la comunicazione, da parte del MIT, a tutti gli operatori interessati alla gestione delle pratiche automobilistiche per le quali è prevista la trasformazione al digitale ossia gli uffici periferici di ACI, quelli della Motorizzazione Civile e tutti gli STA, ossia gli Studi di Consulenza Automobilistica e le delegazioni ACI.

Le uniche documentazioni cartacee ammesse sono quelle relative alle targhe e gli atti per la preventiva verifica di conformità.

Dal primo gennaio 2020 tutti i processi saranno dematerializzati e verrà rilasciato il Documento Unico del veicolo mentre per l’input si dovrà utilizzare il modello di istanza unificata.

Maggiori dettagli nel comunicato congiunto.

Smart NationAl via i nuovi processi digitali propedeutici all’adozione del Documento Unico di circolazione
Vai all'articolo

Gmail introduce la possibilità di inviare le email come allegati

No comments

Google introduce una nuova funzione per la propria celebre piattaforma di messaggistica: è infatti ora possibile inviare le vecchie email come allegati ad un nuovo messaggio di posta elettronica che si intende comporre.

La novità introdotta serve ad offrire gli utenti un’alternativa a inoltri e download: disponibile sulla versione desktop di Gmail, la funzione è chiamata “inoltra come allegato” e serve ad allegare una o più email ricevute a una nuova email.

Si può anche trascinare le vecchie email all’interno del nuovo messaggio per evitare di dover scaricare i contenuti che si vogliono inoltrare: la nuova funzionalità è ideata per l’invio di molteplici email, situazione che renderebbe piuttosto scomodo il ricorso all’inoltro dei singoli messaggi di posta.

Il caso più tipico è quando una persona debba essere ragguagliata di un precedente carteggio elettronico.

Maggiori dettagli sul blog ufficiale di Gmail.

Smart NationGmail introduce la possibilità di inviare le email come allegati
Vai all'articolo

Ambizione Italia, Microsoft apre all’inclusione e all’accessibilità

No comments

Microsoft lancia il proprio impegno per l’inclusione e l’accessibilità tramite il programma Ambizione Italia: lo scopo è quello di creare un ecosistema dedicato alla promozione dei valori della diversità attraverso il digitale, e in particolare tramite tecnologie quali l’intelligenza artificiale e il cloud computing, affinché nessuno venga lasciato indietro.

L’iniziativa prevede l’erogazione di sessioni formative, hackathon, incontri e condivisioni di best practice per favorire lo sviluppo di progetti per l’inclusione e per la riduzione delle barriere in alcuni ambiti specifici fra cui la disabilità.

Tramite il digitale è infatti possibile aiutare le persone a compiere comuni operazioni quotidiane ed esprimere al meglio il proprio potenziale, anche nella vita professionale, evitando l’emarginazione.

L’iniziativa si inquadra nel progetto di formazione Ambizione Italia, avviato nel 2018, che punta alla riqualificazione delle competenze in chiave digitale con l’obiettivo di coinvolgere 2 milioni di persone di cui 500.000 già formate.

Il programma è frutto dell’accordo fra diverse aziende come: A2A, Ability Garden, Amplifon, ANSA, Barilla, EY, Fondazione Accenture, Fondazione Adecco, Fondazione Vodafone, Fondazione Mondo Digitale, Gruppo Generali, Jointly, Kulta-Cervelli Ribelli, LinkedIn, UniCredit, Techsoup, Valore D e Wunderman Thompson.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa e sul sito del progetto.

Smart NationAmbizione Italia, Microsoft apre all’inclusione e all’accessibilità
Vai all'articolo

A Sulmona arrivano le Invasioni Digitali

No comments

Sulmona è pronta all’invasione, pacifica, di decine di ragazzi delle scuole superiori organizzati dal Centro di Servizio per il Volontariato della Provincia dell’Aquila insieme al Servizio Civile Nazionale e all’Associazione AquilArtes: si tratta della prima delle Invasioni Digitali in Abruzzo, un formato innovativo che ha come obiettivo quello di catturare e condividere, tramite le opportunità offerte dal digitale attraverso smartphone e fotocamere, il patrimonio storico artistico della provincia dell’Aquila.

Le Invasioni Digitali sono pianificate per interessare inizialmente tre località:il Convento di San Giuliano a L’Aquila, il centro storico di Sulmona e Palazzo de Petra a Castel di Sangro.

Qui i ragazzi, in seguito a un percorso di formazione svolto nei giorni scorsi, insieme a tutti coloro che vorranno unirsi potranno sperimentare un modo nuovo e coinvolgente di visita e di essere parte attiva nella creazione e nella valorizzazione della cultura tramite la produzione di contenuti digitali.

La prima invasione si terrà domani 10 dicembre dalle ore 10 alle ore 13 nel centro storico Sulmona interessando i numerosi monumenti presenti come Santa Maria della Tomba, l’acquedotto svevo e il Complesso dell’Annunziata.

Il giorno 14 dicembre si replica, sempre dalle 10 alle 13.30, a Castel di Sangro mentre la terza invasione è pianificata il medesimo giorno al Convento di San Giuliano dalle 11 alle 16.

Maggiori informazioni sull’evento pubblicato su Facebook.

Smart NationA Sulmona arrivano le Invasioni Digitali
Vai all'articolo

Google Foto punta sulla condivisione

No comments

Google Foto, l’applicazione di punta che Google ha introdotto per consentire agli utenti di gestire al meglio le proprie foto e i propri ricordi, si arricchisce di funzioni legate alla condivisione.

L’interesse di Google è quello rendere sempre più indispensabile l’uso dell’app nella vita di tutti i giorni: da tempo infatti è già iniziata, sui dispositivi Android, un’implicita sostituzione dell’app standard che gestisce le foto sugli smartphone che usano il sistema operativo del robottino verde.

Per potenziare questo percorso, Google Foto dispone ora della possibilità di condividere gli album live, le librerie di foto ma anche i momenti.

Se precedentemente era possibile creare un album per una singola foto e condividere il link, ora è invece immediatamente possibile aggiungere le foto attraverso una conversazione privata interna all’app con altri utilizzatori del servizio.

In questo modo è possibile condividere immediatamente uno scatto, ma anche pubblicare un like, un commento o aggiungere la foto o il video condiviso nella propria gallery.

La nuova funzionalità è disponibile su tutte le piattaforme, Android, iOS e internet, senza che questo comporti alcuna perdita di qualità delle immagini.

Maggiori informazioni sul blog di Google relativo al prodotto Google Foto.

Smart NationGoogle Foto punta sulla condivisione
Vai all'articolo

TIM lancia il 5G in Lombardia partendo da Monza e Brescia

No comments

Parte da Monza lo sviluppo del 5G di TIM in Lombardia: tramite una serie di dimostrazioni interattive presso la struttura del Monza Eni Circuit, appositamente coperta dal servizio per l’occasione, TIM ha iniziato la propria campagna lombarda per la diffusione di questa nuova tecnologia.

L’impiego del 5G è servito per seguire lo streaming live multiview a 360° delle prove su pista del Monza Rally Show 2019 che sono state rese disponibili dal 5G che ha trasmesso le immagini raccolte da telecamere lungo la pista, dalle action cam poste all’interno dell’abitacolo e da un drone in volo.

Lo spettatore ha quindi potuto seguire contemporaneamente la competizione da diverse inquadrature, attraverso modalità di ripresa in 4k e a 360°.

Ma il 5G significa anche servizi intelligenti per la città, con soluzioni veicolate dalla rete per la gestione del traffico, l’ottimizzazione delle risorse della città come acqua o energia, la gestione dell’illuminazione e ovviamente la pubblica sicurezza.

TIM ha portato oggi il 5G anche a Brescia nei quartieri produttivi Chiesa Nuova e Sorbanella e in quelli di Chiusure e Mompiano per essere attivato entro l’anno anche nel centro storico, a San Polo, Urago e Sant’Eustachio

Il passo successivo sarà Milano dove sono stati già installati oltre 60 nodi 5G che coprono le più importanti zone della città sui 100 previsti entro fine dicembre: l’estensione al resto della città avverrà non appena il MiSE decreterà il termine della sperimentazione istituzionale 5G nell’area metropolitana.

Seguiranno quindi, nei primi mesi del 2020, anche Bergamo, Como e Varese.

Smart NationTIM lancia il 5G in Lombardia partendo da Monza e Brescia
Vai all'articolo

Il Comune dell’Aquila e Lottomatica insieme per i servizi digitali dedicati ai cittadini

No comments

Lottomatica, il Comune dell’Aquila e l’Università degli Studi dell’Aquila sono i tre protagonisti di un accordo che prevede un impegno sul territorio per promuovere i servizi digitali e le nuove tecnologie a vantaggio della popolazione.

Nello specifico Lottomatica ha siglato con il Dipartimento di Ingegneria e Scienze dell’Informazione e Matematica un accordo per lo sviluppo di nuove tecnologie 5G al fine di migliorare lo stile di vita dei cittadini aquilani.

Inoltre Lottomatica ha convenuto con l’Amministrazione un’ulteriore facilitazione per consentire ai cittadini di accedere ai servizi comunali, tra cui il rilascio di documenti e certificazioni anagrafici, mettendo a disposizione anche la rete telematica dei tabaccai.

Ma Lottomatica si proporrà anche come partner privilegiato insieme a Wind Tre e ZTE presso l’Innovation and Research Center di ZTE (ZIRC) che è già insediato a L’Aquila per sviluppare un’evoluzione della piattaforma di ERM (Experience Relationship Management) tale da permettere un concreto miglioramento dei servizi legati all’impiego della rete 5G per cui L’Aquila è tra le cinque città capoluogo nelle quali viene effettuata la sperimentazione.

Smart NationIl Comune dell’Aquila e Lottomatica insieme per i servizi digitali dedicati ai cittadini
Vai all'articolo

Inaugurato ad Ancona il Future Lab Farinelli

No comments

L’IIS Savoia-Benincasa da oggi ospita una nuova struttura dedicata all’innovazione applicata alla didattica e all’apprendimento: è stato infatti inaugurato il Future Lab Farinelli.

Dedicato a Lorenzo Farinelli, giovane medico ex alunno dello scientifico Savoia deceduto in seguito ad una malattia, il Future Lab è stato concepito per contaminare con nuovi approcci metodologici la didattica e fornire alla comunità opportunità alternative per stimolare la creatività puntando su tematiche quali l’artigianato digitale e i lavori del futuro resi possibile dalle nuove tecnologie.

La progettazione del Future Lab è stata realizzata sfruttando i più recenti modelli proposti dalla ricerca scientifica ideati dal Mit di Boston con suggestioni dagli ambienti T.E.AL. (Technology Enhanced Active Learning), ad alto tasso di tecnologia basati sul largo impiego di lavori di gruppo interattivi e isole di lavoro con tavoli rotondi e tablet per ciascuno studente.

Lo spazio è inoltre frutto della riqualificazione di uno spazio inutilizzato, ampio foyer dell’Aula Magna del plesso di Via Marini 33, sfruttandone alcune caratteristiche rilevanti e riproponendo l’approccio utilizzato negli avveniristici istituti di ricerca di Boston.

All’interno del Future Lab è presente un FabLab che ospita uno spazio dotato di numerose tecnologie per l’artigianato digitale, ossia il mondo dei makers, ma anche piattaforme per la progettazione, sviluppo e fruizione di contenuti in realtà virtuale e aumentata nonché una cabina destinata a spazio per la registrazione di video professionali, servizi fotografici e trasmissioni per la web radio dell’Istituto.

La fruizione del Future Lab è a disposizione degli studenti al mattino, anche di altri Istituti del territorio di ogni ordine e grado, mentre il pomeriggio offrirà spazi a laboratori di creatività, robotica e artigianato digitale per i bambini e ragazzi oltre a rappresentare un ambiente dedicato alla formazione di gruppi di docenti di tutta la regione.

Smart NationInaugurato ad Ancona il Future Lab Farinelli
Vai all'articolo

SPID, lo Stato è pronto a rilevare il controllo di tutta l’infrastruttura

No comments

Lo SPID, il Sistema Pubblico per l’Identità Digitale, cambia: con il 2020 lo Stato subentra ai 9 Identity Provider, fra cui Poste Italiane finora il principale erogatore, ed erogherà direttamente le credenziali ai cittadini.

I dettagli sono ancora in fase di elaborazione ma la società pubblica PagoPA ad erogare l’identità digitale ai cittadini anche in abbinamento alle nuove Carte d’identità elettroniche: la necessità di centralizzare gli asset strategici digitali del Paese ha fatto si che l’identità digitale non fosse esclusa dalla riorganizzazione.

Del resto, gli Identity Provider coinvolti non hanno mai effettivamente preso a cuore l’erogazione di SPID ai cittadini, forse perché le prospettive di business ad esso collegate non sono mai state particolarmente incoraggianti e incoraggiate: di certo la difformità delle identità digitali disponibili non ha contribuito alla diffusione.

Con il passaggio al nuovo approccio, si conferma il fatto che SPID sarà gratuito per sempre: per la trasformazione del modello sono stimati investimenti centrali pari a circa 70 milioni di euro nei prossimi 3 anni.

Smart NationSPID, lo Stato è pronto a rilevare il controllo di tutta l’infrastruttura
Vai all'articolo