La Camera di Commercio di Catanzaro attiva la prenotazione online per il rilascio della firma digitale

No comments

La Camera di Commercio di Catanzaro introduce un nuovo sistema di prenotazione online per pianificare gli appuntamenti relativi al rilascio dei dispositivi di firma digitale: collegandosi al sito ufficiale della Camera di Commercio è infatti possibile, tramite una semplice interfaccia accessibile facilmente da qualsiasi dispositivo, prenotare il giorno e l’ora esatti in cui recarsi allo sportello dedicato e ottenere il proprio dispositivo di firma digitale.

Dalla pagina dedicata è sufficiente selezionare la sede di rilascio e la data e ora dell’appuntamento compilando il modulo con i propri dati: la piattaforma consente inoltre di gestire la propria prenotazione modificandola o cancellandola in base alle proprie esigenze.

La firma digitale è uno strumento indispensabile per consentire la partecipazione di privati e aziende a bandi e concorsi o per la sottoscrizione telematica di documenti e atti verso la Pubblica Amministrazione.

L’obiettivo della Camera di Commercio di Catanzaro è quello di ridurre significativamente i tempi di attesa e le code allo sportello ottimizzando l’efficienza dei propri uffici e azzerando le difficoltà logistiche che potrebbero coinvolgere gli utenti che devono presentare domande e bandi.

Chiunque avrà bisogno della firma digitale non dovrà fare più la fila ma potrà programmare il passaggio a questa nuova tecnologia senza traumi ma soprattutto contribuendo all’ottimizzazione delle risorse degli uffici camerali.

Gli appuntamenti presso la sede camerale di Catanzaro in via Menniti Ippolito sono prenotabili nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 9:00 alle ore 12:30 e nei giorni di martedì e giovedì dalle ore 15:00 alle ore 17:00; gli appuntamenti presso la sede distaccata di Lamezia Terme in via Perugini sono prenotabili nei giorni di lunedì dalle 9:00 alle 12:30 e giovedì dalle 15:00 alle 17:00.

Smart NationLa Camera di Commercio di Catanzaro attiva la prenotazione online per il rilascio della firma digitale
Vai all'articolo

A Cosenza inizia la commercializzazione della fibra ottica di Open Fiber

No comments

La fibra ottica di Open Fiber ha ormai collegato Cosenza che può vantare oltre 8mila unità immobiliari pronte a navigare sulla rete grazie all’infrastruttura veloce in fibra ottica FTTH: la rivoluzione tecnologica bruzia parte da questo primo lotto di edifici interconnessi ad una velocità di connessione fino a 1 Gigabit per secondo.

Dopo aver raggiunto la città, come anticipato in precedenza, Open Fiber ha dato il via alla commercializzazione dei servizi in fibra ultraveloce sulle rive del Crati per il primo lotto di edifici a cui seguiranno i lavori per collegare oltre 39mila unità tra case, negozi e uffici.

Le zone già raggiunte dal servizio di connettività a banda ultralarga sono quelle ricomprese tra Piazza Europa, Via Nicola Serra, Via Alberto Serra, Via Pasquale Rossi, Via Simonetta, Corso Luigi Fera, una porzione di Viale della Repubblica e Via Panebianco, Via Caloprese, Via Misasi e Via delle Medaglie d’oro.

L’infrastruttura di rete in modalità FTTH prevede circa 650km di cavi in fibra ottica ultraveloce che consente di sviluppare connettività e servizi digitali: proprio questi rappresentano le leve principali della produttività per consentire al territorio di crescere ed estendere le opportunità per la popolazione con servizi come l’Internet of Things, l’e-health, il cloud computing, lo streaming online di contenuti in HD e molto altro fra cui i servizi digitali evoluti tipicamente adottabili dalle smart city come per esempio il controllo elettronico degli accessi, il monitoraggio ambientale o la gestione intelligente dell’illuminazione pubblica.

La commercializzazione dei servizi passa attraverso gli operatori al dettaglio fra cui: Fibra City, Tiscali, Vodafone e Wind Tre.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa.

Smart NationA Cosenza inizia la commercializzazione della fibra ottica di Open Fiber
Vai all'articolo

UniversiTIM, al via il progetto per avvicinare il talento accademico all’innovazione

No comments

Per promuovere il dialogo fra aziende e università in relazione all’innovazione TIM ha lanciato un nuovo interessante programma che punta a favorire il reclutamento di nuovi talenti da impiegare nel settore dell’innovazione pescandoli nella filiera accademica italiana.

Con UniversiTIM, questo il nome dell’iniziativa, il colosso delle telecomunicazioni ha riunito diverse università italiane fra cui l’Università di Trento, il Politecnico di Milano, l’Università degli Studi di Milano, il Politecnico di Torino, l’Università di Bologna, la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, l’Università la Sapienza di Roma, l’Università Federico II di Napoli e l’Università di Catania: l’obiettivo è la creazione di un ecosistema in cui TIM e le università coinvolte possano avere un rapporto continuativo strutturato nei campi legati alla ricerca tecnologia e all’indirizzo dei talenti debitamente formati per il loro inserimento nel mondo del lavoro che si occupa di nuove tecnologie grazie a programmi di internship che assicurino un’esperienza concreta agli studenti.

Gli ambiti applicativi sono: 5G, big data, Internet of Things (IoT), cybersicurezza e intelligenza artificiale.

Il programma UniversiTIM prevede che vengano inoltre finanziate diverse iniziative a supporto tra cui Borse di Dottorato (PhD), l’attivazione di Competence Center congiunti e progetti di ricerca complessi.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa di TIM.

Smart NationUniversiTIM, al via il progetto per avvicinare il talento accademico all’innovazione
Vai all'articolo

FIM CISL avvia la sperimentazione della prima tessera digitale con tecnologia blockchain

No comments

Dopo un primo convegno, nel 2018, dedicato all’applicazione della tecnologia blockchain per l’operatività del sindacato e dopo un anno di approfondimenti teorici e pratici sulle possibili implicazioni che questa opportunità potrebbe aprire, FIM CISL ha avviato la sperimentazione della prima tessera digitale sindacale attraverso la tecnologia blockchain.

Si tratta di un progetto pilota che rappresenta in pieno la volontà di creare un cantiere permanente sulle grandi trasformazioni del lavoro che sta introducendo il digitale ma anche sul ruolo che il sindacato è chiamato a ricoprire nel prossimo futuro grazie appunto all’innovazione.

Lanciata durante la 15esima assemblea organizzativa della FIM CISL, l’iniziativa consiste nell’erogazione di una tessera digitale tokenizzata basata sulla rete Ethereum e gestibile attraverso app per le operazioni di iscrizione al sindacato.

I vantaggi sono molteplici, fra cui la completa sicurezza della sottoscrizione univoca, che impedisce qualsiasi tentativo di attacco alla privacy e manomissione dei dati personali ma anche la possibilità di tener traccia in modo certificato del numero di iscritti.

Dopo una prima fase di sperimentazione con gli utenti, che durerà alcuni mesi, la nuova tessera verrà presentata ufficialmente al grande pubblico.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa di FIM CISL.

Smart NationFIM CISL avvia la sperimentazione della prima tessera digitale con tecnologia blockchain
Vai all'articolo

Operazione Risorgimento Digitale, Trieste accoglie il programma di formazione digitale di TIM

No comments

L’Operazione Risorgimento Digitale di TIM fa tappa a Trieste: l’Amministrazione ha infatti presentato la scuola mobile gratuita dedicata all’inclusione digitale della cittadinanza.

La postazione di TIM dedicata all’iniziativa sarà presente da lunedì 24 febbraio presso piazza Sant’Antonio Nuovo e fornirà ai cittadini la possibilità di iscriversi ai corsi di formazione erogati tramite sportello e lezioni in piazza dal lunedì al venerdì, dalle 9.30 alle 19.

Partito da Marsala, in Sicilia, il programma di TIM che punta ad includere digitalmente fasce di popolazione escluse dalla tecnologia tramite l’insegnamento di buone pratiche e strumenti concreti legati al digitale sta risalendo l’Italia moltiplicando gli appuntamenti sul territorio e stringendo importanti alleanze con le Istituzioni e gli Enti del territorio.

A partire da lunedì 2 marzo, saranno avviati i corsi di formazione in aula che seguono le attività di sportello: gli orari previsti sono dalle 11 alle 13 e dalle 15 alle 17 da lunedì e venerdì.

Le attività formative in aula sono rivolte a cittadini e dipendenti della PA locale: il contenuto verte su azioni e competenze facili e utili per utilizzare i servizi digitali basici come la navigazione internet, il reperimento delle informazioni e le possibilità di comunicazione con le persone.

Le attività formative dureranno fino al 20 marzo e si svolgeranno nelle scuole e in altre location cittadine messe a disposizione dal Comune di Trieste.

I cittadini possono iscriversi ai corsi e chiedere ulteriori informazioni sia attraverso il Numero Verde dedicato 800 860 860 sia online sulla pagina web www.operazionerisorgimentodigitale.it.

Maggiori informazioni sul sito del Comune di Trieste.

Smart NationOperazione Risorgimento Digitale, Trieste accoglie il programma di formazione digitale di TIM
Vai all'articolo

Il Comune di Olbia sperimenta un innovativo asfalto fonoassorbente frutto del riciclo della gomma

No comments

Per garantire un manto stradale di durata maggiore e ad alta resistenza alle fissurazioni e con un notevole profilo fonoassorbente, il Comune di Olbia ha deciso di sperimentare un asfalto modificato addizionato del polverino di gomma riciclata proveniente dal recupero dei Pneumatici Fuori Uso (PFU).

L’innovazione, che fa dello speciale riciclo della gomma la sua priorità, garantisce maggiore resistenza all’usura e alla formazione di crepe e buche con una durata stimata fino a 3 volte quella degli asfalti convenzionali.

Le conseguenze più evidenti sono il contenimento dei costi di manutenzione ma anche una significativa riduzione del rumore generato dal passaggio dei veicoli fino a 7 dB.

Il Comune di Olbia ha implementato la nuova tecnologia su una delle arterie principali della città, ossia via Roma, grazie al supporto di Ecopneus, società senza scopo di lucro che gestisce raccolta, trasporto e trattamento di circa 200.000 tonnellate di PFU ogni anno: sono stati stesi circa 8.000mq di asfalto con l’aggiunta di quasi 8 tonnellate di polverino di gomma riciclata dai PFU pari al peso di circa 1.000 Pneumatici Fuori Uso.

L’impiego del polverino di gomma non è nuovo in Italia dal momento che esistono, sulla Penisola, circa 500 km di strade realizzate con questa valida tecnologia che contribuisce a ridurre fino a 7dB l’inquinamento acustico dovuto al passaggio dei veicoli e avvicina il percorso del Paese l’economia circolare.

Smart NationIl Comune di Olbia sperimenta un innovativo asfalto fonoassorbente frutto del riciclo della gomma
Vai all'articolo

Arriva in Italia la nuova versione di Amazon Echo Show

No comments

Si chiama Amazon Echo Show 8 ed è l’ultimo nato della famiglia Echo Show.

Con uno schermo da 8 pollici e un copri-telecamera integrato, Amazon Echo Show 8 permette di riprodurre contenuti multimediali con una qualità audio e video di prim’ordine considerando la grandezza di schermo e altoparlanti.

Si possono riprodurre ovviamente le serie tv, i film preferiti ma anche ascoltare le canzoni da Amazon Music, Apple Music, Spotify, TIMMUSIC e altri servizi musicali.

Il nuovo prodotto della linea Echo Show permette inoltre di aggiungere le proprie fotografie, riproducendone una presentazione oltre a poter personalizzare la schermata iniziale similarmente ad una cornice fotografica interattiva, oppure visualizzare le informazioni meteo.

Il dispositivo è del tutto compatibile con la piattaforma di Alexa Skill e, ovviamente, si presta a gestire delle apposite routine programmate che tengano in considerazione una serie di operazioni programmate.

Non meno importante la possibilità di effettuare chiamate e videochiamate con amici e familiari senza dover usare le mani.

Come gli altri dispositivi Echo Show, il nuovo Amazon Echo Show 8 include un pulsante di disattivazione microfoni/telecamera che scollega elettronicamente sia i microfoni che la telecamera, nonché un chiaro indicatore visivo che mostra quando l’audio o il video vengono inviati al cloud e un pratico copri-telecamera integrato che consente di coprire facilmente la telecamera.

Il nuovo Echo Show 8 è disponibile in due colori, nero antracite e grigio chiaro a 129.99 euro in preordine nella sezione dedicata del sito di e-commerce.

Smart NationArriva in Italia la nuova versione di Amazon Echo Show
Vai all'articolo

Operazione Risorgimento Digitale, la formazione digitale targata TIM sbarca in Liguria

No comments

L’Operazione Risorgimento Digitale, l’iniziativa targata TIM che propone una scuola itinerante che tocchi 107 province italiane per divulgare competenze digitali di base alle persone dal perimetro della digitalizzazione, arriva ufficialmente anche in Liguria,

Partito da Marsala, in Sicilia, il programma di TIM che punta ad includere digitalmente fasce di popolazione escluse dalla tecnologia tramite l’insegnamento di buone pratiche e strumenti concreti legati al digitale, prevede un calendario di appuntamenti piuttosto fitto in terra ligure a partire dal prossimo 24 febbraio ad Imperia, per cui sono già ora aperte le registrazioni secondo il comunicato di TIM, per proseguire poi con Loano (SV) il 2 marzo, Rapallo (GE) il 9 e infine Sarzana (SP) il 16 marzo.

Durante queste date la scuola digitale gratuita di TIM presenzierà nelle principali piazze di questi comuni per dare informazioni ai cittadini e avviare le prime sessioni formative continuate con specifici corsi in aula organizzati nelle scuole e in altri luoghi cittadini idonei all’insegnamento.

Si tratta di un’opportunità molto interessante anche per oltre 1 milione di cittadini liguri che già usano internet e che possono approfittare dell’iniziativa per affinare le proprie competenze.

I cittadini possono iscriversi ai corsi e chiedere ulteriori informazioni sia attraverso il Numero Verde dedicato 800 860 860 sia online sulla pagina web www.operazionerisorgimentodigitale.it.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa.

Smart NationOperazione Risorgimento Digitale, la formazione digitale targata TIM sbarca in Liguria
Vai all'articolo

Sanità digitale, in Sardegna le farmacie attivano l’accesso al Fascicolo Sanitario Elettronico

No comments

Dal 2015, anno in cui il Fascicolo Sanitario Elettronico è stato attivato in Sardegna, i risultati circa l’utilizzo da parte della cittadinanza non sono stati particolarmente confortanti: si contano ad oggi infatti circa 74mila persone che hanno effettuato l’accesso alla piattaforma.

Non ha certo aiutato il sistema di identificazione necessario per ottenere la possibilità di accedervi: neppure SPID, l’identità digitale che con un’unica password permette l’accesso ai servizi della PA, è riuscito a velocizzare la diffusione della piattaforma sanitaria digitale anche perché, a sua volta, la sua adozione è risultata piuttosto difficoltosa per la popolazione.

Per questo motivo la Regione ha deciso di ipotizzare un’altra strada, delegando alle farmacie il ruolo di intermediari per l’attivazione del Fascicolo Sanitario Elettronico del cittadino.

La sperimentazione del servizio è iniziata, in collaborazione con Federfarma, coinvolgendo 9 farmacie del sud della Sardegna prima di estendere l’iniziativa a tutti i 600 esercizi del territorio.

I numeri iniziali sono confortanti, in 15 giorni sono state effettuate 500 attivazioni.

Grazie all’intermediazione del farmacista abilitato, non sarà più necessario essere in possesso di una propria identità digitale tramite tessera sanitaria o SPID per attivare il proprio fascicolo perché i farmacisti sono abilitati a svolgere questa operazione.

I vantaggi per i cittadini sono, sulla carta, enormi: l’uso del Fascicolo Sanitario Elettronico infatti permette, per esempio, di evitare di andare a ritirare i referti dovendo effettuare lunghe code. Dall’altra parte c’è da considerare che il mancato utilizzo di SPID, in questa fase, produce un ulteriore problema alla diffusione dell’identità digitale di Stato che dovrebbe essere certo presa in maggiore considerazione magari abilitando le stesse farmacie al suo rilascio.

Smart NationSanità digitale, in Sardegna le farmacie attivano l’accesso al Fascicolo Sanitario Elettronico
Vai all'articolo

Penny Market introduce nei punti vendita i servizi di ATM virtuale e pagamento digitale

No comments

Penny Market attiva nei propri punti vendita due servizi estremamente interessanti per la clientela ma anche per le persone che si trovano in prossimità di uno dei punti vendita della catena di distribuzione alimentare.

Da oggi infatti, tramite la piattaforma Viacash e grazie all’accordo con le banche aderenti, è possibile depositare e ritirare contanti dal proprio conto direttamente attraverso l’app di mobile banking del proprio smartphone: le banche partner dell’iniziativa sono Hype, bunq e N26.

Tramite l’adesione della rete di punti vendita Penny Market, la copertura territoriale in Italia è salita vertiginosamente: i punti vendita abilitati sono ora 588.

Questo si traduce in una notevole semplificazione per effettuare pagamenti digitali da parte del consumatore ma anche consentire una più rapida diffusione degli strumenti elettronici di gestione del denaro.

Fra i vantaggi vi è sicuramente un potenziamento dell’esperienza d’acquisto dei consumatori e l’opportunità di incentivare ulteriormente l’adozione dello smartphone come strumento principe per i pagamenti evoluti anche grazie a campagne promozionali.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa.

Smart NationPenny Market introduce nei punti vendita i servizi di ATM virtuale e pagamento digitale
Vai all'articolo