Agenda CIE, la nuova piattaforma digitale per richiedere la CIE

No comments

Ridurre i tempi di attesa per fissare un appuntamento alla propria anagrafe per espletare le operazioni necessari al rilascio della Carta d’Identità Elettronica (CIE) è sicuramente uno degli obiettivi più ambiziosi del Governo tenendo conto che, in alcuni Comuni, si rischia di aspettare oltre 3 mesi.

Per aiutare a risolvere il problema il Team per la Trasformazione Digitale insieme al Poligrafico e Zecca dello Stato Italiano ha lanciato Agenda CIE, una piattaforma digitale accessibile anche da mobile, che consente di velocizzare significativamente le procedure portando online quasi tutto il processo.

Il cittadino interessato può recarsi all’indirizzo https://www.prenotazionicie.interno.gov.it e trovarsi di fronte ad una serie di schermate, di rapida comprensione e compilazione, che permettono di avviare le richieste e, addirittura, pagare quanto è necessario per ottenere il documento d’identità.

Per prima cosa occorre scrivere il nome del proprio Comune per verificare se utilizza il nuovo sistema digitale di Agenda CIE: in caso contrario il Comune può omologarsi agli altri attivi inviando una richiesta al Ministero dell’Interno scrivendo a cie.comuni@interno.it.

In caso affermativo, senza la necessità di registrazione, si può visualizzare il primo appuntamento disponibile prenotandolo con la compilazione di tutti i dati, caricando la foto (anche effettuata da smartphone) che verrà automaticamente verificata che sia corrispondente agli standard richiesti e completando la dichiarazione relativa all’autorizzazione facoltativa sulla donazione di organi e tessuti.

Il sistema inoltre, nelle prossime settimane, verrà ulteriormente aggiornato per consentire di pagare in anticipo, attraverso PagoPA, il costo della pratica che normalmente doveva essere saldato allo sportello.

Con Agenda CIE i Comuni possono gestire meglio i propri appuntamenti accelerando la procedura di rilascio poiché, allo sportello, il funzionario dovrà soltanto rilevare le impronte digitali e far firmare il modulo di richiesta, quello di consenso e quello della facoltativa donazione di organi e tessuti.

Oggi la quasi totalità dei Comuni italiani (7.639) è in grado di erogare la Carta d’Identità Elettronica presso i propri sportelli: fra i vantaggi della CIE è la possibilità di utilizzarla, anche attraverso uno smartphone in grado di leggerla attraverso il protocollo NFC, come strumento di riconoscimento elettronico.

Maggiori dettagli sul post del blog ufficiale del Team per la Trasformazione Digitale.

Smart NationAgenda CIE, la nuova piattaforma digitale per richiedere la CIE

Related Posts