Al via il primo ciclo di cooperazione e monitoraggio per conseguire gli obiettivi del decennio digitale dell’UE

No comments

Il Parlamento europeo, insieme agli Stati membri e alla Commissione UE, ha fissato gli obiettivi e i traguardi da attuare nei 4 settori chiave delle competenze digitali, delle infrastrutture, della digitalizzazione delle imprese e dei servizi pubblici online per il prossimo decennio.

Ci si riferisce al decennio digitale che traghetterà l’Europa al 2030 tramite un processo ciclico di cooperazione che, a partire dalla giornata odierna, si snoderà attraverso tappe fondamentali per arrivare al 2030 migliorando le competenze digitali di base e avanzate dei cittadini ma anche l’adozione delle tecnologie abilitanti, come l’intelligenza artificiale, i dati e il cloud, nelle imprese di qualsiasi forma e dimensione all’interno della UE.

Non solo, il percorso punta a dare impulso all’infrastruttura dell’UE soprattutto per la connettività e il calcolo nonché rendere disponibili online i servizi pubblici e la pubblica amministrazione.

Così facendo si migliora la competitività delle imprese, si garantisce un accesso equo alle opportunità digitali per tutti i cittadini nonché lo sviluppo di soluzioni innovative sostenibili per il progresso della comunità.

Tramite un comitato di controllo, il comitato per il decennio digitale, verrà rafforzata la cooperazione tra la Commissione e gli Stati membri sulle questioni relative alla trasformazione digitale: a tale proposito verrà elaborata dalla Commissione UE una relazione annuale sui progressi compiuti.

Maggiori informazioni nel comunicato della Rappresentanza Italiana presso il Parlamento europeo.

Smart NationAl via il primo ciclo di cooperazione e monitoraggio per conseguire gli obiettivi del decennio digitale dell’UE

Related Posts