Amazon abbandona i propri Dash Button

No comments

Presentati come possibile soluzione al riordino veloce di prodotti ad alto consumo che si prestano ad essere immagazzinati in scorte, tipicamente cartucce per la stampante, detergenti, detersivi o alimentari, gli Amazon Dash Button hanno rappresentato una novità molto interessante nelle soluzioni IoT domestiche.

Il loro funzionamento era semplice: dopo una rapida configurazione collegandoli al proprio account Amazon era possibile semplicemente con il tocco del tasto inviare una richiesta di riordino per un dato articolo precedentemente indicato.

Gli Amazon Dash Button potevano essere apposti in prossimità del luogo in cui utilizzare i prodotti, come per esempio la lavatrice nel caso dei detersivi, e da lì provvedere agli acquisti qualora le scorte fossero state in rapido esaurimento.

Dei Dash Button ne avevamo parlato in questo articolo nel momento in cui erano sbarcati in Italia ma da allora le cose sono cambiate: con la rapida diffusione degli smart speaker e di altre tipologie di riordino veloce, Amazon ha deciso di interrompere il progetto a partire dal prossimo 31 agosto.

Lo stop alle vendite era arrivato all’inizio del 2019 in forza di altre opzioni di acquisto quali Virtual Dash Button, Dash Replenishment, Alexa Shopping e Iscriviti e Risparmia: da fine mese i clienti non saranno più in grado di effettuare ordini tramite i pulsanti fisici a livello globale.

Sarà però ancora possibile continuare a utilizzare quelli virtuali, sul sito e app, con i Button già creati per replicare gli esistenti.

Smart NationAmazon abbandona i propri Dash Button

Related Posts