Amazon Go, il negozio fisico senza casse e personale

No comments

Il processo è semplice: entri, prendi quello che ti serve ed esci.

Amazon presenta Amazon Go, ma non in Italia (ancora): si tratta per ora di un esperimento condotto a Seattle e aperto ai soli dipendenti del gruppo ma presto verrà esteso nel resto del mondo.

Il funzionamento è semplice: è sufficiente avere l’apposita applicazione che consente di accedere fisicamente al supermercato aprendo i tornelli posti all’ingresso.

L’applicazione contiene i dati identificativi dell’utente e ovviamente è agganciata alla carta di credito del consumatore.

A questo punto l’utente è libero di circolare per gli scaffali, prendere la merce che desidera e riporla in una borsa.
Grazie ad un avanzato sistema di sensoristica e di telecamere per il riconoscimento facciale e delle superfici, la tecnologia consente incredibilmente di capire quali prodotti l’utente abbia prelevato e riposto nel sacchetto, effettuando nel contempo il conteggio di quanto dovuto.

Quando l’utente varca l’uscita del supermercato, l’applicazione addebita la carta di credito per l’importo dovuto.

Non ci sarà quindi alcuna interazione umana, nessun codice a barre da scansionare e nessuna fila alla cassa.

Amazon Go: dopo Uber e Tesla una nuova disruption?

Il salto tecnologico auspicato da Amazon unito alla strategia della multinazionale, che prevede l’apertura di circa 200 negozi fisici in tutto il mondo, potrebbero letteralmente risultare dirompenti per l’industria mondiale della grande distribuzione con un evidente impatto anche sugli occupati nel settore.

Inoltre permetterà alla multinazionale di ottenere una quantità enorme di dati da parte della clientela
L’esperienza di acquisto quasi totalmente automatizzata permetterà al dipartimento marketing di Amazon di venire a conoscenza di una mole impressionante di dati della clientela. Le sue abitudini, le sue preferenze, le sue modalità di acquisto.

Smart NationAmazon Go, il negozio fisico senza casse e personale

Related Posts