Apple promuove il pensiero critico nell’era digitale

No comments

Apple interviene nella lotta alle fake news e alla disinformazione tramite un’iniziativa che punta a promuovere il pensiero critico.

L’azienda di Cupertino infatti ha annunciato, anche in Italia, il proprio supporto iniziative non profit che offrono programmi di alfabetizzazione mediatica indipendenti News Literacy Project (NLP) e Common Sense negli Stati Uniti.

Lo scopo è quello di potenziare la capacità di pensiero critico necessaria nell’era digitale: un uso consapevole dell’informazione infatti è vitale per sostenere una stampa libera e una democrazia prospera.

Per questo motivo, fra le organizzazioni non profit supportate, Apple interviene nel nostro Paese in favore dell’Osservatorio Giovani-Editori, organizzazione indipendente leader in Italia per l’educazione alla cittadinanza focalizzata su progetti rivolti alla corretta educazione dei giovani nel loro rapporto con il digitale.

La missione dell’Osservatorio Giovani-Editori è quella di consentire alle persone di imparare ad informarsi e a diffondere informazione confrontando diverse fonti di qualità in un panorama sempre più complesso e inquinato da contenuti distorti o non conformi alla realtà.

Del resto l’Italia, stando alle indagini svolte dall’Ocse, è un Paese che fatica ad avere una capacità critica di informarsi e, nel contempo, un altissimo tasso di analfabetismo funzionale con picchi del 25% che posiziona l’Italia al quarto posto nel mondo dietro a Indonesia, Cile e Turchia.

L’analfabetismo funzionale è l’incapacità di elaborare il pensiero scritto, estrarre le informazioni contenute in un testo come per esempio gli articoli di giornale oppure istruzioni di un manuale: proprio questa problematica presta il fianco e innesca il fenomeno della diffusione delle fake news.

Smart NationApple promuove il pensiero critico nell’era digitale

Related Posts