Avanza lentamente l’adozione di SPID da parte dei cittadini

No comments

SPID, il Sistema Pubblico per la gestione dell’Identità Digitale, non ha riscosso fino ad ora il successo sperato.
Da marzo, soltanto 86 mila utenti hanno attivato le proprie credenziali SPID che, ricordiamo, sono gratuitamente richiedibili presso uno degli Identity Provider accreditati: i numeri sono lontani rispetto all’obiettivo di 3 milioni di utenze entro fine anno posto dal Governo.

Scopo dello SPID è consentire agli utenti di avere un’unica password di accesso per accedere ai servizi digitali erogati dalla Pubblica Amministrazione prima e successivamente anche da aziende private: insomma, un vero e proprio passaporto digitale che si inserisce in una strategia più ampia che riguarda la dematerializzazione dei servizi e la digital transformation dell’Italia.

Ad ora però solo 648 servizi e 292 amministrazioni hanno aderito a SPID e nessuna azienda privata: è forse proprio la relativa povertà di servizi a disposizione ad aver reso meno appetibile il servizio offerto da AgID benché stiano fiorendo progressivamente nuovi accordi per spingerne l’adozione, basti pensare alla possibilità, da gennaio 2017, di connettersi alla rete wi-fi che sarà disponibile presso 51 siti Unesco e 18 città culturali proprio tramite SPID in forza di un accordo tra AgID Mise e Mibact.

Questi numeri però non devono spaventare l’utente che, seppure possa inizialmente ritenere che i servizi disponibili e accessibili con questa identità unica siano pochi e non interessanti, dovrebbe considerare di fare parte di un processo rivoluzionario per il Paese che potrebbe, in prospettiva, comportare notevoli risparmi alle casse dello Stato.

E per far fronte ad eventuali difficoltà durante la procedura di registrazione che potrebbero avere, in qualche modo, disincentivato gli utenti a sottoscrivere il servizio, l’Agenzia per l’Italia Digitale ha allestito un call center per guidare l’utente nell’attivazione di SPID oltre ad un gruppo Facebook in cui chiedere aiuto o testimoniare la propria esperienza riguardante le procedure di registrazione.

Smart NationAvanza lentamente l’adozione di SPID da parte dei cittadini

Related Posts