Bosch semplifica la ricerca del parcheggio

No comments

Creare un sistema di posteggio intelligente, ecco l’idea semplice ma ancora inesplorata di Bosch che ha raccolto il consenso di Daimler e Mercedes-Benz.
Il progetto, ora in fase di sperimentazione a Stoccarda, mira all’installazione di sensori a ultrasuoni all’interno dell’abitacolo delle auto in circolazione al fine di utilizzarle come strumenti di individuazione di parcheggi.

Il community-based parking: trovare un parcheggio diventa un’attività condivisa

Dire addio a tutto il tempo speso alla ricerca di spazio libero e parcheggi disponibili, chi non vorrebbe che fosse possibile?
L’idea è molto semplice: fare in modo che siano proprio i nostri veicoli in modo automatico e silenzioso a segnalare alle altre auto la presenza o meno di parcheggi liberi.
Tutto accadrà in tempo reale tramite IoT e cloud.

Una sorta di virtuale banca dati dei parcheggi liberi con la localizzazione precisa del posto e dello spazio a disposizione per il posteggio.
Sono i sensori a ultrasuoni i veri protagonisti di questa sperimentazione già iniziata all’interno di taxi e mezzi pubblici che circolano costantemente ed esplorano la strada viaggiando a velocità fino a 55km/h.

Quello che accade una volta che i posti disponibili vengono localizzati è una semplice trasmissione con connessione sicura dei dati raccolti. Le informazioni vengono inviate dal Daimler Vehicle Backend al Bosch IoT Cloud per essere analizzate.

A quel punto gli spazi identificati come liberi vengono analizzati per capire se sono effettivamente parcheggi utilizzando attività di data-mining.
Questo è utile ad esempio per escludere che una continua segnalazione di un posto libero su una strada particolarmente frequentata non sia solo un passo carrabile piuttosto che un parcheggio effettivo.

Le vetture del marchio Mercedes, e qui nasce appunto l’intuizione, sono giù connesse tra loro tramite una rete intelligente, se quindi fossero anche equipaggiate con i giusti sensori, sarebbe possibile generare dati in grado di fornire le informazioni necessarie sulle strada circostante e dunque anche sulla presenza di parcheggi e spazio libero.

Rendere il momento del parcheggio un’attività condivisa, questa la scommessa dei due colossi Bosch e Mercedes. Non ci resta che attendere.

Smart NationBosch semplifica la ricerca del parcheggio

Related Posts