A Casere di Predoi la prima casa a idrogeno a emissioni zero

No comments

Una casa totalmente a emissioni zero grazie ad un avanzatissimo sistema di produzione energetica che permette di illuminare e scaldare l’abitazione grazie ad una piattaforma turbina-idrogeno: questa è l’interessante prototipo inaugurato in Valle Aurina a Casere di Predoi, nell’area dell’Alto Adige.

Si tratta di un progetto di ricerca che è stato inaugurato in un ambiente che ha sicuramente delle difficoltà in termine di posizione climatica, essendo la Valle Aurina una delle più remote della provincia di Bolzano, ma che per questo rappresenta un eccellente test per garantire la replicabilità di un esperimento che consenta di guardare con lungimiranza alla casa del futuro perfettamente autosufficiente sul piano energetico.

Il funzionamento del sistema prevede che l’energia prodotta da una turbina idraulica, collegata ad un flusso di acqua corrente, venga trasformata in idrogeno tramite elettrolisi e l’idrogeno ottenuto venga immagazzinato in polvere di metallo per poi essere eventualmente riconvertito, secondo necessità, in elettricità attraverso una cella a combustione.

Infatti, quando la portata del fiume che normalmente alimenta la turbina cala, la produzione energetica calerebbe se non fosse che, attraverso questa innovazione, lo stoccaggio dell’idrogeno permette di mantenere i livelli elevati.

L’abitazione affonda le sue radici storiche al 1600 ed è costruita in legno di larice e pietra: al tempo ospitava gli uomini che lavoravano nella vicina miniera di rame di Casere.

Smart NationA Casere di Predoi la prima casa a idrogeno a emissioni zero

Related Posts