Chiude Torrentz, la pirateria corre sullo streaming online

No comments

Torrentz, uno dei più longevi e popolari meta-motori di ricerca pirata fondato nel lontano 2003, ha chiuso di propria iniziativa i battenti lasciando agli utenti un semplice e laconico messaggio.
Torrentz era un meta motore di ricerca gratuito e potente, in grado di combinare i risultati di dozzine di altri motori di ricerca. Torrentz vi amerà sempre. Addio“.

La decisione è stata probabilmente conseguente al blocco e confisca da parte delle autorità statunitensi di Kickass Torrents, un altro popolare sito.

Benché siano ancora molti i siti torrent di grandi dimensioni rimasti in attività, sembra che quanto accaduto rafforzi un processo che ormai sembra inesorabile: grazie alla velocità delle connessioni e ai sistemi di archiviazione su cloud, anche i contenuti pirata non vengono più cercati per essere scaricati ma vengono fruiti direttamente online, in streaming.
I siti torrent rappresentano ormai solo il 17% della complessiva attività di pirateria dato che la restante percentuale delle attività illegali legate a film e contenuti televisivi transiterebbe ormai attraverso lo streaming.

L’interesse per la fruizione di contenuti tramite streaming non è però solo ad appannaggio di coloro che utilizzano materiale pirata: le soluzioni tecnologiche a pagamento, come ad esempio Netflix segnano interessanti risultati.
Cumulativamente lo streaming di contenuti legali a pagamento segna in Italia una crescita del 51% con un fatturato pari a 26,3 milioni di euro.

Smart NationChiude Torrentz, la pirateria corre sullo streaming online

Related Posts