Come trovare online il defibrillatore più vicino

No comments

La diffusione dei defibrillatori automatici esterni rientra nel programma finalizzato a contrastare la morte cardiaca improvvisa: spesso infatti capita che si verifichino attacchi cardiaci in situazioni o luoghi per cui i soccorsi risultano essere troppo lontani senza che quindi sia possibile intervenire tempestivamente.

Nove minuti è il tempo limite per portare soccorso e defibrillare qualcuno ed è per questo che la presenza di un defibrillatore in loco potrebbe determinare la sopravvivenza del soggetto colpito.

In Europa muoiono ogni anno, per arresto cardiaco, circa 700mila persone di cui 50mila in Italia: per ridurre queste cifre da qualche anno si sono susseguite diverse campagne di sensibilizzazione in merito alla predisposizione e alla corretta formazione dei defibrillatori automatici esterni.

Il defibrillatore automatico esterno, chiamato anche DAE, è un apparecchio semiautomatico di emergenza che serve alla rianimazione cardiopolomonare (CPR).
Tramite piastre adesive posizionate sul torace del paziente è capace di analizzarne l’attività cardiaca e di assistere l’utilizzatore attraverso indicazioni vocali qualora sia necessario erogare una scarica elettrica per ripristinare la normale funzionalità cardiaca.

Il DAE può essere utilizzato da personale non sanitario che non ha nessun titolo di studio nell’ambito medico e paramedico, che sia stato debitamente formato ed autorizzato dal 118 che verifica ed autorizza il personale formato all’uso del defibrillatore-DAE.

Dal punto di vista normativo si sta cercando di aumentare la diffusione dei DAE, questo anche grazie all’obbligo di dotarsi di defibrillatori automatici, per le società sportive dilettantistiche, l
al fine di salvaguardare la salute dei cittadini praticanti un’attività sportiva non agonistica o amatoriale.

Ma il problema non è rappresentato solo dalla diffusione ma anche dalla consapevolezza circa la localizzazione dei DAE: questi dispositivi non sempre sono visibili e la maggior parte delle persone, ritenendo di non averne bisogno, difficilmente memorizza dove sono disposti rendendone inutile la presenza in quanto perdere tempo per cercare il dispositivo nei dintorni di dove si verifica l’evento significa spesso vanificarne il successivo utilizzo.

Ma dove trovare i defibrillatori?

Trenta Ore per la Vita Onlus ha realizzato un sito web contenente la mappatura dei defibrillatori installati dall’Associazione.
II database però può essere alimentato da chiunque (non solo da utenti registrati al sito) voglia segnalare la presenza di un defibrillatore all’interno del territorio italiano.

Sulla stessa scia l’applicazione gratuita Daedove, disponibile per iOS e Android.

Interessante anche il progetto Liguria Soccorso che mette a disposizione risorse online e tramite applicazioni mobili per identificare prontamente la posizione dei defibrillatori in Liguria.

Sarebbe ovviamente utile avere una mappa unica nazionale che però fosse aggiornata in tempo reale e consultabile dal cellulare per potere accedere rapidamente al defibrillatore, il progetto potrebbe essere agevolmente realizzabile tramite lo sfruttamento degli open data: al momento solo la AAT 118 di competenza territoriale (il numero telefonico dell’emergenza urgenza) ha la mappa completa perché, per legge, chiunque installi un defibrillatore deve comunicarglielo.

Smart NationCome trovare online il defibrillatore più vicino

Related Posts