Il Comune di Olbia sperimenta un innovativo asfalto fonoassorbente frutto del riciclo della gomma

No comments

Per garantire un manto stradale di durata maggiore e ad alta resistenza alle fissurazioni e con un notevole profilo fonoassorbente, il Comune di Olbia ha deciso di sperimentare un asfalto modificato addizionato del polverino di gomma riciclata proveniente dal recupero dei Pneumatici Fuori Uso (PFU).

L’innovazione, che fa dello speciale riciclo della gomma la sua priorità, garantisce maggiore resistenza all’usura e alla formazione di crepe e buche con una durata stimata fino a 3 volte quella degli asfalti convenzionali.

Le conseguenze più evidenti sono il contenimento dei costi di manutenzione ma anche una significativa riduzione del rumore generato dal passaggio dei veicoli fino a 7 dB.

Il Comune di Olbia ha implementato la nuova tecnologia su una delle arterie principali della città, ossia via Roma, grazie al supporto di Ecopneus, società senza scopo di lucro che gestisce raccolta, trasporto e trattamento di circa 200.000 tonnellate di PFU ogni anno: sono stati stesi circa 8.000mq di asfalto con l’aggiunta di quasi 8 tonnellate di polverino di gomma riciclata dai PFU pari al peso di circa 1.000 Pneumatici Fuori Uso.

L’impiego del polverino di gomma non è nuovo in Italia dal momento che esistono, sulla Penisola, circa 500 km di strade realizzate con questa valida tecnologia che contribuisce a ridurre fino a 7dB l’inquinamento acustico dovuto al passaggio dei veicoli e avvicina il percorso del Paese l’economia circolare.

Smart NationIl Comune di Olbia sperimenta un innovativo asfalto fonoassorbente frutto del riciclo della gomma

Related Posts