L’ENEA punta sulla tecnologia per prevedere e gestire i rischi da eventi naturali

No comments

Frane, alluvioni e altri eventi naturali creano sistematicamente moltissimi problemi, in particolar modo durante il periodo autunnale, ad un territorio che ne è soggetto: il rischio ovviamente riguarda non solo le strade e gli edifici ma anche le potenziali vittime.

La prevenzione è quindi estremamente importante e, in tal senso, la tecnologia può dare un grande aiuto.

Per questo motivo ENEA, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, ha sviluppato CIPCast, un software che consente di prevedere e gestire i rischi da eventi naturali particolarmente intensi su infrastrutture di rete per energia, acqua e telecomunicazioni.

Il funzionamento del software si basa su un modello previsionale: abbina le previsioni meteo con dati georeferenziati riuscendo a stimare l’eventuale verificarsi di un evento critico come terremoti e nubifragi simulandone le ricadute sulle infrastrutture e suggerendo le azioni da intraprendere per ridurne i danni.

Oltre ad elaborare situazioni reali con i dati prelevati da sensori e previsioni meteo il sistema, variando manualmnte i dati immessi, è in grado di simulare scenari di criticità variabile per pianificare anticipatamente le opportune azioni da intraprendere per livello di catastroficità.

Il software ha vinto o il premio innovazione Smau-R2B (Research to Business) 2016 assegnato a Bologna.

Smart NationL’ENEA punta sulla tecnologia per prevedere e gestire i rischi da eventi naturali

Related Posts