Google Arts & Culture sfrutta la realtà aumentata per scoprire animali preistorici e oggetti inusuali

No comments

Google Arts & Culture ha lanciato un nuovo progetto per far conoscere, tramite le potenzialità del digitale, ambienti e situazioni altrimenti difficilmente accessibili alle masse: stavolta, grazie all’uso della realtà aumentata, è possibile rivedere digitalmente in vita antichissimi animali preistorici fra cui crostacei, squali o balene.

In collaborazione con il Darwin Museum di Mosca e il Museo di Storiale Naturale di Londra, Google ha infatti riportato in vita esemplari di rara bellezza estinti o di difficile avvistamento e riprodurli, tramite smartphone, comodamente nel salotto di casa.

Google Arts & Culture non si è fermata agli animali, ha anche ricreato con la medesima tecnologia, degli artifatti culturalmente rilevanti come per esempio la divinità pre-Inca Lanzon o il modulo di comando dell’Apollo 11.

La collezione di oggetti inusuali visibili tramite AR è ottenibile tramite l’app di Google Arts & Culture, disponibile gratuitamente per Android e iOS.

Maggiori informazioni sul blog ufficiale di Google.

Smart NationGoogle Arts & Culture sfrutta la realtà aumentata per scoprire animali preistorici e oggetti inusuali

Related Posts