Il Google Cultural Institute porta online i tesori di Mantova e di Palazzo Te

No comments

Mantova è una città ricca di tesori sotto il profilo artistico: è questo uno dei motivi che ha portato Google a sceglierla come capofila italiana nell’ambito del progetto di digitalizzare il patrimonio culturale nazionale.

Il Google Cultural Institute ha infatti aggiunto un altro tassello alla sua offerta culturale digitale: dopo aver portato online la Valle dei Templi e, più recentemente, riportato in vita gli animali estinti è ora la volta dei tesori delle città.

Grazie al Google Cultural Institute Mantova incontra il digitale

E’ quindi possibile effettuare un tour virtuale di Mantova e del suo patrimonio artistico partendo dal Palazzo Te.

Grazie alle telecamere dei trekker di Google, la città sarà letteralmente scansionata portando online sulla piattaforma Google Art & Culture palazzi, chiese, quadri e capitelli: viene reso così possibile un tour virtuale completo della città.

Al momento si possono visionare materiali culturali di oltre 1.200 istituzioni partner collegate ai relativi tesori culturali italiani fra cui, appunto, compare anche Mantova e Palazzo Te.

Nel caso di Palazzo Te, si possono visitare le mostre digitali che ne raccontano la storia, l’architettura, la pittura.

Il Google Cultural Institute ha digitalizzato 130 opere ricorrendo per la prima volta in Italia all’uso dell’Art Camera, uno strumento che consente di zoomare anche i dettagli non visibili a occhio nudo come quelli contenuti negli altissimi soffitti della Sala dei Giganti o il Ritratto di Giulio Romano di Tiziano, capolavoro che arrivò ai Gonzaga nel XVI secolo.

L’intento è quello di far conoscere il potenziale culturale a coloro che non lo conoscono per poi incentivare le visite turistiche fisiche orientando le scelte dei viaggiatori.
Infatti, tramite la piattaforma Google Art & Culture è possibile identificare una meta culturale e scoprirla prima di recarvisi anche tramite l’utilizzo di nuove tecnologie come ad esempio la realtà virtuale.

Ed è proprio la realtà virtuale ad essere fra i trend più importanti anche per Google che ha lanciato il suo progetto Daydream che ben si sposa con finalità culturali.

Smart NationIl Google Cultural Institute porta online i tesori di Mantova e di Palazzo Te

Related Posts