Mai più oggetti smarriti grazie ad app e gadget tecnologici

No comments

A chi non è capitato di accorgersi di avere perso o di non riuscire a trovare le chiavi dell’auto o quelle di casa? Lo stesso problema può verificarsi anche per altri piccolo oggetti che magari sono semplicemente finiti nei menadri di una borsa o che, nel peggiore dei casi, sono scivolati da qualche parte.

Per non perdere ore nelle ricerche e non avere il fastidio di dover correre ai ripari con sostituzioni dell’ultimo minuto è possibile premunirsi e collegare i propri oggetti personali più importanti ad un dispositivo tecnologico in grado di comunicare sempre la loro esatta posizione.

I finder, questo il nome di questa particolare categoria di dispositivi, sono dei piccoli strumenti che ricordano un portachiavi, per dimensione e peso, ma contenenti un concentrato di tecnologia basata sulla geolocalizzazione.

Si agganciano all’oggetto di nostro interesse, solitamente un mazzo di chiavi, il portafogli o una valigia, e si collegano al nostro smartphone tramite un’applicazione che può segnalare la posizione esatta dell’oggetto o notificare, tramite un’allarme sonoro emesso da uno o da entrambi i dispositivi (gadget e telefono), qualora la distanza fra smartphone e l’oggetto sia superiore a quella impostata di default.
A seconda del dispositivo inoltre, sono incluse funzioni avanzate come la possibilità di registrare audio, foto o video dei dintorni rispetto alla posizione del gadget.

Ad oggi sul mercato esistono svariate tipologie di questi dispositivi: uno dei primi ad essere lanciati sul mercato è Tile, prodotto americano di successo.

Ma il mercato è ricco di alternative omologhe come Trackr, HipKey, Nut, la soluzione di Kensington chiamata Proximo o quella di Microsoft chiamata Treasure Tag.

Anche l’Italia ha i suoi gadget Made In Italy come Filo e Key Finder.

Di Tilee Filo abbiamo già scritto in relazione al monitoraggio dei propri animali domestici, un altro tipo di utilizzo che può essere effettuato da parte di questi dispositivi tecnologici.

Smart NationMai più oggetti smarriti grazie ad app e gadget tecnologici

Related Posts