Nasce il gemello digitale della Basilica di San Pietro

No comments

Grazie alla tecnologia di Italferr, società  del Gruppo FS, è stata completata un’elaborazione digitale basata su migliaia di foto e riprese che permetterà di supportare le attività di manutenzione della Basilica di San Pietro valutando la risposta alle sollecitazioni statiche e dinamiche del celebre edificio storico.

Questo gemello digitale, realizzato con il contributo della Fabbrica di San Pietro, nasce dopo uno studio di circa 6 mesi che è stato effettuato durante gli orari di chiusura al pubblico con i vari rilievi che hanno generato oltre 3,1 terabyte di dati.

Le diverse fasi di rilevazioni hanno coinvolto droni e l’uso di un pallone aerostatico: tutte le informazioni raccolte, di cui solo nella prima fase circa 15mila foto e 18 ore di riprese video, sono state elaborate e condivise su una piattaforma digitale che servirà da fonte di dati da processare con specifici algoritmi in grado di investigare sulla capacità di risposta dell’opera alle sollecitazioni statiche e dinamiche ma che permetteranno anche di avere piena conoscenza dello stato di salute delle strutture interessate dagli eventuali lavori di manutenzione per consentire la progettazione di un sistema di monitoraggio strutturale permanente.

Maggiori informazioni nell’articolo del portale di comunicazione della Santa Sede.

Smart NationNasce il gemello digitale della Basilica di San Pietro

Related Posts