Open Fiber e TIM siglano l’accordo per il riutilizzo delle infrastrutture di rete nelle aree bianche

No comments

Si tratta di un accordo strategico di rilevanza e portata significativa quello raggiunto fra Open Fiber e TIM per il riutilizzo delle infrastrutture di rete nelle aree bianche: nella pratica il contratto consente a Open Fiber di riusare le infrastrutture di rete di Fibercop, la società controllata da TIM per la posa della rete in fibra ottica sul territorio nazionale, nelle aree a fallimento di mercato coinvolte dal piano BUL.

La sinergia fra i due operatori pone al centro l’interesse del Paese e in secondo piano la sfida intercorrente fra le due aziende: lo scopo è un più efficiente utilizzo delle risorse per imprimere un’accelerazione della copertura del Paese con reti VHCN.

TIM metterà a disposizione la fibra VHCN di Open Fiber in modalità FTTH ad almeno 500 mila clienti nelle aree bianche mentre Open Fiber acquisterà da FiberCop il diritto d’uso (IRU) per infrastrutture aeree e collegamenti d’accesso alla casa del cliente per un controvalore di circa 200 milioni di euro.

Ne conseguirà un’accelerazione significativa da parte di Open Fiber nelle fasi di costruzione della rete e di attivazione delle connessioni nelle aree bianche.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa di Open Fiber.

Smart NationOpen Fiber e TIM siglano l’accordo per il riutilizzo delle infrastrutture di rete nelle aree bianche

Related Posts