LAB Cyberbullismo, il Comune di Sesto San Giovanni promuove un’iniziativa contro il cyberbullismo

No comments

Il Comune di Sesto San Giovanni promuove LAB Cyberbullismo, un laboratorio di 8 ore ideato per supportare i giovani tra i 15 e i 19 anni difendendoli dai fenomeni di bullismo e cyberbullismo con azioni di prevenzione e contrasto studiate appositamente.

Lo scopo è quello di diffondere una maggiore consapevolezza fra i ragazzi delle problematiche che insistono nel mondo digitale ponendo attenzione alle relazioni virtuali preparandoli alla peer education che prevede la trasmissione degli argomenti e della cultura dei buoni comportamenti in ambito digitale facilitandone la diffusione sui social con finalità di promozione educativa e culturale.

L’attività formativa viene svolta in squadra con altri ragazzi coetanei con cui progettare e costruire azioni per il digitale e la community: in totale ci saranno 4 incontri da 2 ore ciascuno.

Per iscriversi è sufficiente recarsi sulla pagina dedicata dell’iniziativa.

Smart NationLAB Cyberbullismo, il Comune di Sesto San Giovanni promuove un’iniziativa contro il cyberbullismo
Vai all'articolo

Il Comune di Genova propone un servizio di assistenza digitale dedicato ai cittadini non udenti

No comments

Il Comune di Genova, sfruttando la nuova rete di punti di assistenza digitale Startappe, di cui avevamo parlato, introduce la possibilità per i cittadini non udenti di ricevere supporto nell’uso delle nuove tecnologie grazie alla LIS ossia la lingua dei segni.

I cittadini sordi potranno così ottenere un aiuto per accedere a servizi come l’attivazione e l’utilizzo dello SPID ma anche entrare nel fascicolo digitale del cittadino, effettuare pagamenti online verso la Pubblica Amministrazione tramite la piattaforma PagoPA o ancora utilizzare i servizi di sanità digitale.

Si tratta di un servizio praticamente unico nel suo genere che contribuisce alla riduzione del digital divide aiutando nel contempo soggetti in condizione di fragilità che potrebbero, proprio grazie alle nuove tecnologie, migliorare la qualità della vita.

Il gap tecnologico rischia di trasformarsi in un social divide e di diventare una causa di esclusione sociale tagliando fuori i cittadini non digitalizzati dalla vita pubblica

Lo sportello di assistenza digitale è attivo presso l’Ente Nazionale Sordi ed è accessibile su appuntamento a settimane alterne tramite prenotazione: è disponibile anche un servizio di assistenza da remoto con l’impiego di alcuni servizi tecnologici fra cui Telegram.

Maggiori dettagli nel comunicato del Comune di Genova.

Smart NationIl Comune di Genova propone un servizio di assistenza digitale dedicato ai cittadini non udenti
Vai all'articolo

STEM, al via la terza edizione del Digital Lab di Ericsson

No comments

Il Digital Lab di Ericsson, un innovativo programma di formazione indirizzato agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, parte con la sua terza edizione finalizzata a orientare i partecipanti per la loro futura formazione puntando sulle discipline STEM.

L’iniziativa, incardinata nei Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento (PCTO) del Liceo Vito Volterra di Ciampino e gli I.I.S. Enzo Ferrari e Federico Caffè di Roma, prevede una serie di incontri per l’anno scolastico 2022/23 all’interno dei plessi scolastici grazie a 30 volontari Ericsson, tra cui ingegneri e informatici, che porteranno competenze tecniche e soft skill a favore degli studenti privilegiando un approccio learning by doing.

Tra gli argomenti approfonditi specialmente le tematiche attinenti all’intelligenza artificiale, alla robotica e all’elettronica.

L’obiettivo è di aiutare la scuola pubblica riducendo la carenza di competenze digitali che contribuiscono alla competitività del sistema Paese.

L’iniziativa Digital Lab di Ericsson fa parte del più ampio programma globale Connect to Learn della multinazionale che promuove lo sviluppo di competenze digitali per i giovani di tutto il mondo.

Maggiori informazioni nel comunicato di Ericsson.

smartnationSTEM, al via la terza edizione del Digital Lab di Ericsson
Vai all'articolo

Labmet, al via la piattaforma digitale della Città Metropolitana di Cagliari per favorire la partecipazione

No comments

E’ stata presentata ufficialmente presso la Città Metropolitana di Cagliari Labmet, una piattaforma digitale ideata per favorire la partecipazione incentivando il governo aperto e le politiche che rendano le istituzioni pubbliche più trasparenti tramite il ricorso alla democrazia partecipante.

Il Laboratorio Metropolitano di Innovazione, questo il nome esteso che si nasconde dietro alla sigla Labmet, opera secondo i principi di Open Government promossi a livello governativo dal Dipartimento della Funzione Pubblica: si tratta del primo progetto nel suo genere in Sardegna.

Lo scopo è chiaramente quello di far interloquire cittadini e Istituzioni agevolando logiche di miglioramento da applicare ai territori a beneficio della qualità della vita per tutta la popolazione.

Per accedere alla piattaforma è sufficiente visitare il sito dedicato: la prima consultazione, attiva a partire da oggi, ha come oggetto il Canale Navigabile Terramaini – La Palma della città di Cagliari che può subire miglioramenti grazie al confronto con la cittadinanza.

Maggiori informazioni nel comunicato della Città Metropolitana di Cagliari.

Smart NationLabmet, al via la piattaforma digitale della Città Metropolitana di Cagliari per favorire la partecipazione
Vai all'articolo

ISS punta sulla formazione sui temi della telemedicina e la sanità digitale

No comments

L’Istituto Superiore di Sanità ha stretto con Fondazione Enpam un accordo per utilizzare la piattaforma Tech2Doc per fare formazione sui temi della telemedicina e la sanità digitale.

Lo scopo è quello di organizzare uno strumento fruibile da tutti i medici e gli odontoiatri per agevolare la diffusione della conoscenza scientifica grazie al digitale.

Il Centro Nazionale per la Telemedicina e le Nuove Tecnologie Assistenziali dell’ISS si occuperà di gestire i contenuti dal punto di vista tecnico-scientifico a supporto della piattaforma Tech2Doc con la produzione di contenuti video/testuali di approfondimento sui temi della telemedicina e delle innovazioni tecnologiche per la gestione dei dati dei pazienti nelle attività assistenziali e nei trial clinici.

La piattaforma Tech2Doc è una realtà già rodata con 41.000 utenti per un totale di 141.000 contenuti visualizzati coinvolgendo oltre 70 esperti e figure autorevoli provenienti da diversi settori, da quello sanitario alla giurisprudenza.

Maggiori informazioni nel comunicato dell’Istituto Superiore di Sanità.

Smart NationISS punta sulla formazione sui temi della telemedicina e la sanità digitale
Vai all'articolo

Milano Digital Week, al via la quinta edizione

No comments

E’ ufficialmente iniziata la quinta edizione della Milano Digital Week, la settimana di eventi dedicati ai temi del digitale e dell’innovazione che accende Milano, che torna in presenza dopo i due anni di pandemia.

Durante le giornate della manifestazione, che dura fino al 14 novembre, si alterneranno oltre 400 eventi in presenza aperti nelle varie aree della città.

Il filo conduttore è il tema dello sviluppo dei limiti, pensato in occasione del cinquantesimo anniversario della ricerca realizzata dai ricercatori del MIT di Boston che ha criticato per la prima volta, nell’ormai lontano 1972, il modello di produzione occidentale in continua espansione.

Tra gli incontri vi sono, in particolare, 15 appuntamenti calendarizzati e incentrati sul tema della trasformazione digitale che coinvolge la Pubblica Amministrazione.

Il programma completo è disponibile sull’agenda presente nel sito della manifestazione.

Smart NationMilano Digital Week, al via la quinta edizione
Vai all'articolo

A Faenza è disponibile la fibra ottica di Open Fiber

No comments

A Faenza è disponibile la rete in fibra ottica targata Open Fiber: le prime 2.600 unità immobiliari, su un totale di 21 mila unità che dovranno essere raggiunte nel prossimo periodo, sono già collegate alla rete che ha la capacità di collegamento fino a 10 Gigabit al secondo.

Con un investimento diretto di circa 7 milioni di euro case, negozi, uffici e strutture della Pubblica Amministrazione saranno raggiunte da un’infrastruttura di oltre 180 chilometri pari a circa 12 mila km di fibra da posare.

I lavori di collegamento sono realizzati secondo il criterio di sostenibilità tramite riuso di cavidotti e reti  sotterranee in modo da ridurre l’impatto ambientale e i disagi alla cittadinanza.

Grazie alla nuova rete è possibile fruire di una sere di servizi evoluti che spaziano dalla telemedicina all’Internet of Things passando per una più agevole fruizione della didattica a distanza o dello smart working.

Open Fiber non commercializza direttamente la fibra ottica al dettaglio ma solo all’ingrosso agli operatori a cui i cittadini possono rivolgersi.

Maggiori dettagli nel comunicato di Open Fiber.

Smart NationA Faenza è disponibile la fibra ottica di Open Fiber
Vai all'articolo

ANAC e ACN insieme per la protezione del patrimonio informativo dei contratti pubblici

No comments

ANAC e ACN hanno sottoscritto a Roma un protocollo d’intesa per proteggere il patrimonio informativo della Banca dati nazionale dei contratti pubblici istituita presso l’ANAC collaborando nel campo dell’anticorruzione, della trasparenza e degli appalti.

Dal momento che la cybersicurezza diverrà nei prossimi anni progressivamente sempre più importante con il moltiplicarsi degli attacchi informatici e della criminalità informatica in generale, appare chiaro che un eventuale attacco diretto alla banca dati di ANAC potrebbe compromettere l’affidamento di appalti da parte delle varie stazioni appaltanti italiane.

Ciò diventa ancora più importante in concomitanza con la disponibilità dei fondi del PNRR per cui è previsto il potenziamento della banca dati di ANAC, il rafforzamento della sicurezza cibernetica e soprattutto la migrazione dei dati in cloud per completare la piena digitalizzazione della Pubblica Amministrazione.

Maggiori informazioni nel comunicato di ANAC.

Smart NationANAC e ACN insieme per la protezione del patrimonio informativo dei contratti pubblici
Vai all'articolo

Regione Puglia lancia una rete regionale di punti di facilitazione digitale

No comments

Regione Puglia impegna le proprie risorse a vantaggio dei cittadini per semplificare il rapporto con la tecnologia: è stata infatti comunicato il lancio di una rete di punti di facilitazione digitale su tutto il territorio pugliese con il compito di erogare servizi di assistenza per chi ha bisogno di supporto per godere dei propri diritti connessi al digitale.

La rete di centri prevede la realizzazione di 231 punti di accessi fisici, fissi e itineranti, che verranno attivati progressivamente per raggiungere 183.000 pugliesi compresi nella fascia di età 18/75: la collocazione sarà prevalentemente presso spazi o centri pubblici, centri per l’impiego, URP delle aziende sanitarie e presso luoghi che erogano servizi alla cittadinanza o centri di aggregazione socio-culturale.

L’obiettivo è il rafforzamento delle competenze digitali e supportando la riduzione del digital divide per fattori culturali.

I fondi per l’iniziativa ammontano a poco più di 10 milioni di euro e ricadono nell’ambito degli stanziamenti del PNRR.

Maggiori informazioni nel comunicato di Regione Puglia.

Smart NationRegione Puglia lancia una rete regionale di punti di facilitazione digitale
Vai all'articolo

Archivi della Benedicta, al via la digitalizzazione delle fonti

No comments

Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria ha deciso di sostenere l’Associazione Memoria della Benedicta nella realizzazione di un archivio digitale dove raccogliere testimonianze orali o videoregistrate, documenti scritti, pubblicazioni, fotografie, filmati e ogni altro materiale inerente i tragici episodi risalenti alla Seconda Guerra mondiale che hanno visto compiere eccidi e rastrellamenti sul territorio.

L’archivio digitale prevede una fase di raccolta delle fonti e dei materiali, attualmente dispersi in luoghi diversi, per poi includerli in una piattaforma comune in grado di avviare nuovi percorsi di approfondimento e studio.

La raccolta e la conservazione delle informazioni si basano sulle più aggiornate tecnologie e metodologie con l’obiettivo di avere una banca dati accessibile non solo da ricercatori e specialisti ma anche da parte di studenti e comuni cittadini.

E’ già stata realizzata la digitalizzazione di un primo gruppo di fonti formato da circa cinquanta interviste inedite a testimoni diretti delle stragi di quel periodo storico.

Maggiori informazioni nel comunicato della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria.

Smart NationArchivi della Benedicta, al via la digitalizzazione delle fonti
Vai all'articolo