Il Parco Archeologico di Pompei accelera sull’innovazione

No comments

Il Parco Archeologico di Pompei è forse uno dei tesori culturali più importanti e celebri in Italia e, come tale, è il destinatario di molte attività per la sua corretta conservazione.

Fra queste c’è anche il ricorso alla tecnologia con il progetto pilota Smart@Pompei.

Si tratta di una serie di attività raccolte in un unico programma che ha come obiettivi il miglioramento della sicurezza generale, la possibilità di rendere più facile l’esperienza di visita da parte dei disabili ma soprattutto l’aumento della partecipazione da parte della comunità locale affinché migliori la percezione dell’importanza di essere i custodi di uno dei patrimoni dell’umanità.

Tutto questo grazie ovviamente al massiccio ricorso all’innovazione.

L’impiego della tecnologia nel progetto Smart@Pompei è significativo: una speciale piattaforma intelligente basata sull’integrazione di sensoristica evoluta permetterà infatti di gestire la videosorveglianza, il controllo degli accessi, le soluzioni antintrusione ma anche il monitoraggio degli eventi idrogeologici e sismici che potrebbero mettere a rischio il sito archeologico.

L’infrastruttura si basa su una rete in fibra ottica e wireless progettata per fornire specifici punti di accesso che fungano anche da erogatori di servizi specialmente per le persone affette da disabilità.

Civitates, un programma di innovazione sociale

In affiancamento alle soluzioni altamente tecnologiche, nel progetto Smart@Pompei si può annoverare anche Civitates, un programma di innovazione sociale della durata di 6 mesi nei quali i partecipanti potranno cooperare per promuovere iniziative di turismo culturale stimolando la nascita di nuovi modelli di impresa.

Il primo esperimento di Civitates coinvolgerà un gruppo di giovani under 35 che proveranno, in un semestre, a promuovere un evento riguardante le Residenze Creative di musicisti dopo aver assimilato opportune competenze gestionali.

Nella giornata del 19 ottobre è previsto un workshop Pompei Resiliente AD 2030, Insight Session, dove verrà effettuato il punto della situazione.

Smart NationIl Parco Archeologico di Pompei accelera sull’innovazione

Related Posts