Parole Ostili, torna a Trieste l’appuntamento sui temi dei linguaggi ostili online

No comments

Il cyberbullismo e l’istigazione all’odio sulla rete tramite modalità comunicative offensive e persecutorie sono sicuramente fra i comportamenti più difficili da arginare e che richiedono un notevole sforzo educativo da parte della società.

Fra le iniziative nate per contrastare questi fenomeni c’è sicuramente Parole Ostili, un progetto di sensibilizzazione nato a Trieste nel 2017 sottoforma di evento che ha visto la presentazione di un manifesto di regole contro la comunicazione aggressiva.

Ad un anno di distanza la seconda edizione di Parole Ostili torna a Trieste e sarà focalizzata sul tema “Quando le parole sono un ponte”: oltre 1.000 esperti della rete si riuniscono per promuovere un confronto atto a contrastare il linguaggio dell’odio in rete e non solo.

In un anno di attività Parole Ostili è diventata una vera e propria community fondata sul Manifesto della comunicazione non ostile che articola dieci principi di stile per arginare e combattere i linguaggi ostili in Rete.

Tantissime le adesioni in scuole, università, uffici e aziende d’Italia e in Europa: centinaia di migliaia infatti sono state le persone, da ogni parte d’Italia, che in poco più di un anno hanno aderito spontaneamente al Manifesto per contribuire alla crescita di una società civile consapevole e responsabile.

Una seconda edizione nata all’insegna della collettività

La seconda edizione di Parole Ostili intende sostenere un progetto collettivo che possa proporre pensieri e spunti per contrastare e contrapporsi a messaggi di chiusura, divisione ed esclusione che si assistono sulla rete.

Il programma dell’evento è disponibile qui.

Smart NationParole Ostili, torna a Trieste l’appuntamento sui temi dei linguaggi ostili online

Related Posts