Il Patto per la Sanità Digitale apre le porte ad un SSN moderno ed efficiente

No comments

Rendere il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) più efficiente, trasparente e sostenibile è una delle sfide più ambiziose che lo Stato possa intraprendere.
Da tempo si parla di un Patto per la Sanità digitale, previsto dal Patto per la salute 2014-2016, ma solo negli ultimi giorni il piano è stato finalmente approvato in Conferenza Stato-Regioni che rappresenta l’anticamera per la sua messa in opera.

L’importanza dell’accordo è vitale per la salute delle casse statali perché, a regime, potrebbe comportare un risparmio di circa 8-10 miliardi di euro e soprattutto rispondere efficientemente alla crescente domanda in ambito sanitario derivante dal generale invecchiamento della popolazione.

Per farlo, occorre ovviamente puntare sulla tecnologia: la stessa che, nel tempo, ha portato cambiamenti nella diagnosi e nella terapia con guarigione o contenimento di malattie considerate fino a qualche tempo fa mortali.

Allo stesso modo ipotizzare una sanità digitale significa cambiare il paradigma: la cura, intesa come rapporto tra persona e personale sanitario, non cambia ma cambiano le modalità di erogazione, sia in termini di esecuzione di un atto medico (come ad esempio la telemedicina) che di organizzazione dei servizi correlati.
Le potenzialità della tecnologia nel settore dell’eHealth sono sicuramente ben esemplificate dal progetto MirrorAble che, pur essendo un’iniziativa privata, palesa l’importanza dell’innovazione nel settore assistenziale e sanitario.

La remotizzazione dell’assistenza sanitaria non è solo una comodità per il paziente ma una necessità sistemica in quanto, nel prossimo futuro, gli ospedali e i loro pronto soccorsi non potranno sopportare la pressione delle persone in ricerca di assistenza pertanto dovrà essere intervenire a distanza.
La tecnologia infatti permette una migliore assistenza e cure più adeguate per i pazienti con un sostanziale risparmio derivante dall’abbattimento degli sprechi di risorse pubbliche: inoltre consente la realizzazione di servizi per la continuità assistenziale, il teleconsulto e telerefertazione o ancora la telediagnosi ed il telemonitoraggio.

Anche la logistica del farmaco e il Fascicolo Sanitario Elettronico sono conquiste strettamente correlate all’impiego del digitale.

Infine, grazie al digitale infatti si possono rendere pubblici numeri e ha il grande pregio di essere efficiente, trasparente, adattabile e a regime, economico perché riduce gli sprechi e le inefficienze con un maggior coinvolgimento dei cittadini.

Smart NationIl Patto per la Sanità Digitale apre le porte ad un SSN moderno ed efficiente

Related Posts