PEC, in aumento la diffusione fra privati

No comments

L’Agenzia per l’Italia Digitale e Aruba, uno dei principali gestori accreditati per l’erogazione del servizio, hanno pubblicato gli ultimi dati relativi alla diffusione del servizio di posta elettronica certificata.

Dopo circa otto anni dal suo lancio, la PEC sta aumentando i propri numeri in modo significativo.

Il servizio di posta elettronica certificata è una particolare soluzione di posta elettronica che consente di certificare la data di invio e ricezione della comunicazione, similarmente a quello che avviene per una raccomandata con ricevuta di ritorno.
Questo strumento, nelle intenzioni, avrebbe dovuto ridurre ampiamente il numero di raccomandate circolanti e velocizzare soprattutto le procedure di comunicazione fra pubblico e privato: purtroppo però la diffusione è sempre stata osteggiata da una sostanziale resistenza, o almeno fino ad oggi.

Stando agli ultimi dati pubblicati, le caselle PEC attive in Italia sono 8,5 milioni e vengono utilizzate prevalentemente a scopo professionale.

Di queste, il 32% appartiene ad aziende, il 21% a ditte individuali, un 8% si riferisce a liberi professionisti mentre il 39% è riferito a privati.

PEC anche fra privati

Il dato più interessante però è relativo alla crescita del numero di caselle PEC fra privati che è stati pari al 9% nel corso del 2017: questo fatto testimonia un aumento di consapevolezza dei vantaggi derivanti dall’uso della posta elettronica certificata anche perché il numero di mail spedite da indirizzi PEC appartenenti a privati è notevole.

L’aumento del traffico di e-mail certificate da parte di privati si attesta su un +11%.

Le regioni più attive per quanto concerne il numero di PEC attive sono la Lombardia (13,4%), seguita da Lazio (13,1%), Campania (9,5%), Sicilia (8,5%), Puglia (7,6%) e Veneto (7,4%).

Il comunicato stampa è disponibile qui.

Smart NationPEC, in aumento la diffusione fra privati

Related Posts