Prestazioni di lavoro occasionale, l’INPS punta sull’innovazione

No comments

Novità in fatto di prestazioni di lavoro occasionale e loro gestione: dopo le problematiche insite nello strumento dei voucher che ha generato non poche difficoltà e abusi, l’INPS riparte dalla tecnologia.

Per farlo, l’Ente ha ideato due strumenti, il Libretto di famiglia e il Contratto di prestazione occasionale, entrambi fortemente integrati con il digitale.

Il nuovo Libretto di famiglia infatti non è altro che una piattaforma funzionale al pagamento delle prestazioni occasionali di baby sitter, badanti, lezioni private, lavori domestici, inclusi quelli di giardinaggio, di pulizia o di manutenzione.

Si tratta di un sistema che eredita le funzioni dei vecchi voucher: coloro che vogliono usufruire di una prestazione occasionale di lavoro sono chiamati a registrare un account sulla nuova piattaforma e versare al suo interno una somma di denaro che andrà ad attivare un portafoglio elettronico.

Il prestatore d’opera occasionale dovrà a sua volta registrarsi sul medesimo sistema e scegliere come essere saldato: direttamente su un conto corrente, su un libretto postale, su una carta di credito abilitata o infine in contanti da ritirare presso gli sportelli postali.

Libretto Famiglia e PrestO

La seconda novità presentata è PrestO, ossia il Contratto di prestazione occasionale utilizzabile da imprese, professionisti e lavoratori autonomi per regolare i rapporti di prestazione occasionale al fine di limitare gli abusi verificatisi in passato con il sistema dei voucher.

Il nuovo sistema di voucher può essere usato verso prestatori occasionali che maturino, complessivamente, un compenso massimo annuale di 5.000 euro con limite di 2.500 per singolo datore di lavoro.

La prestazione non potrà durare più di 280 ore complessive su anno solare e il compenso minimo per il Libretto Famiglia è di 10 euro all’ora inclusivo di contributi mentre tramite Per PrestO il compenso giornaliero non può essere inferiore a 36 euro per un minimo di 4 ore di lavoro oltre alle quali la singola ora è tariffata a 12,29 euro.

Smart NationPrestazioni di lavoro occasionale, l’INPS punta sull’innovazione

Related Posts