Privacy, Facebook aumenta gli strumenti per tutelare gli utenti

No comments

Con l’avvicinarsi della della data limite per l’adozione delle specifiche dettate dal GDPR, il nuovo regolamento della UE sul trattamento dei dati personali, Facebook scende in campo con l’intento di aiutare i propri utenti a proteggere i propri dati personali e ad incrementare la consapevolezza di cosa si condivide e con chi.

Il GDPR infatti inasprisce i vincoli cui devono sottostare le organizzazioni che raccolgono e gestiscono i dati personali dei cittadini dell’UE introducendo sanzioni molto severe per chi non rispetta le nuove regole.

Per farlo, il colosso tecnologico si è affidato ad una doppia azione: la pubblicazione di apposite linee guida per la gestione della privacy e alcuni video-tutorial creati allo scopo di perseguire una comunicazione incisiva ed efficace.

Gestione degli accessi, protezione dei dati personali e controllo delle condivisioni sono solo alcuni dei temi affrontati nei video dove viene indicato anche come gestire consapevolmente i dati che l’azienda usa per mostrare pubblicità mirate.

Di più, viene inoltre affrontato il tema della cancellazione dei post vecchi e come saranno trattati i dati una volta che il profilo Facebook viene rimosso.

Un nuovo centro di controllo per la privacy

L’iniziativa è il cuore della nuova campagna di sensibilizzazione in occasione della Giornata internazionale della protezione dei dati personali.

In aggiunta alla campagna di formazione e sensibilizzazione per una corretta gestione dei dati condivisi dagli utenti e, quindi, della propria privacy, Facebook avvierà un nuovo centro privacy che raccoglierà in unico posto tutte le impostazioni di base sulla protezione dei propri dati mentre in Europa organizzerà dei workshop mirati dedicati alle piccole e medie imprese.

Nei prossimi giorni il social network chiederà anche un privacy check-up, ossia una verifica sulle impostazioni sull’utilizzo e la condivisione dei dati personali.

Smart NationPrivacy, Facebook aumenta gli strumenti per tutelare gli utenti

Related Posts