Il riconoscimento vocale di Microsoft raggiunge livelli umani

No comments

L’intelligenza artificiale sta facendo passi da gigante e presto potrà consentire alle persone di intrattenere conversazioni in tempo reale con le macchine.
Questo scenario non è così futuristico e, anzi, potrebbe essere veramente di prossima realizzazione.

Microsoft, stando al post sul proprio blog, è riuscita a realizzare un software in grado di ascoltare come un essere umano.

Il gruppo di ricerca dedicato all’intelligenza artificiale è riuscito infatti a migliorare la propria tecnologia di riconoscimento vocale tanto da poterla impiegare nel confronto con essere umani raggiungendone la parità.

Il riconoscimento vocale di Microsoft e le sue applicazioni

Il successo della tecnologia si presta a moltissime implicazioni concrete: basti pensare all’elevato grado di qualità che potrebbero raggiungere gli assistenti vocali come Cortana e Siri grazie al miglioramento tecnologico di Microsoft.
Il software infatti può essere impiegato in smartphone e computer: consiste in un algoritmo che interpreta le onde sonore di cui è formato il linguaggio.
Sulla base del riconoscimento vocale di queste onde e la loro corretta attribuzione ad una sfera di significato sarà poi quindi possibile interagire dal punto di vista delle conversazioni.

Nello specifico il sistema di riconoscimento vocale di Microsoft è riuscito a trascrivere il testo comunicato al computer con un tasso di errore del 5,9 percento, ovvero il più basso mai ottenuto da un’intelligenza artificiale.

Questo risultato è peraltro comparabile con quello fatto registrare dal gruppo di controllo composto da esseri umani.

Pertanto si può ritenere che l’algoritmo abbia sostanzialmente lo stesso grado di accuratezza di un essere umano nell’ascolto.

Eventuali problemi potrebbero sorgere nel caso della presenza di un qualche rumore di fondo che potrebbe interferire con quello dell’interlocutore umano, compresa la presenza di più voci.
Gli sforzi dei ricercatori saranno quindi orientati a perfezionare ulteriormente il loro prodotto, cercando di consentire al software di riconoscimento vocale di Microsoft di distinguere eventuali partecipanti aggiuntivi in una conversazione e soprattutto passare dal riconoscimento alla comprensione.

La comprensione infatti permette alla macchina di agire di conseguenza.

Smart NationIl riconoscimento vocale di Microsoft raggiunge livelli umani

Related Posts