A Rovereto nasce il primo centro di mobilità intelligente

No comments

Grazie ad una partnership tra FCA e Trentino Sviluppo presso il Polo Meccatronica di Rovereto nasce il primo circuito stradale per effettuare i test delle auto a guida autonoma.

Il circuito sorgerà su un’area di 15mila metri quadrati e sarà utilizzato per testare le sperimentazioni di veicoli connessi, cooperativi e a guida autonoma.

Si tratta di una pista chiusa al traffico veicolare che presenta caratteristiche tali da renderla adattabile a tutte le esigenze simulative: in particolare il tracciato permette di sperimentare sistemi avanzati per la sicurezza preventiva basati sulle applicazioni di sistemi connessi e cooperativi oltre al campo della vista.

Un circuito urbano nel Polo Meccatronica

La particolarità della pista, rispetto ad altre zone di test situate in altre parti del mondo, è che progettata in un contesto urbano.
Presenta cioé un numero di variabili capaci di influenzare lo scorrimento viario rispetto a quello autostradale in virtù della presenza di ostacoli tipici della città come pedoni, animali, incroci o rotatorie affinché la simulazione possa essere davvero realistica.

Inoltre, con le nuove tecnologie di connettività, le auto e i centri di controllo del traffico saranno presto integrati affinché producano dataset di informazioni utili per migliorare la circolazione stradale.

L’iniziativa, fortemente voluta da Fiat Chrysler Automobiles in collaborazione con diversi partner locali pubblici e privati fra cui la Fondazione Bruno Kessler e i laboratori di prototipazione rapida ProM Facility, verrà inaugurata entro la fine del 2018 e si inserisce nell’ambito dell’accordo per la creazione dell’auto del futuro firmato dal ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda con il vicepresidente della Provincia autonoma di Trento, Alessandro Olivi.

Smart NationA Rovereto nasce il primo centro di mobilità intelligente

Related Posts