Scuola digitale e banda larga fra le priorità dell’Agenda Digitale del FVG

No comments

Il Friuli Venezia Giulia è una regione all’avanguardia nell’adozione di politiche digitali: la riprova è data dai recenti sviluppi in ambito di determinazione degli accordi e strategie per innescare una vera digitalizzazione del proprio territorio e dei propri cittadini.
La giunta regione infatti è riuscita nei giorni scorsi ad approvare due importantissimi provvedimenti che determineranno un significativo cambiamento per il prossimo biennio.
In primo luogo ha approvato il testo dell’ Accordo di programma per lo sviluppo della Banda ultralarga fra il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) e la Regione stessa che prevede la copertura di banda ultralarga, ovvero ad almeno 100 Mega, su gran parte del territorio ed in particolare nelle aree meno coperte o a basso interesse di mercato.

Appare inutile ribadire quanto la presenza di connettività veloce sia essenziale per il rilancio economico del Paese: qualora siate interessati a scoprire lo stato dei lavori, ecco come fare per rimanere aggiornati.

Secondariamente, ma non meno importante, il pacchetto di misure per rendere la scuola digitale.
Grazie all’impegno sulla banda larga infatti, l’alta velocità di connessione verrà resa disponibile nelle aule, nei laboratori, nelle biblioteche, nelle sale insegnanti e negli uffici amministrativi.
Entro il 2020 inoltre gli istituti scolastici saranno dotati di strumenti digitali, tablet e smartphone, da utilizzare in modalità creativa e innovativa nelle classi: questi strumenti saranno però anche utili per aumentare la produttività e l’efficienza a livello amministrativo.

Si affinacherà inoltre un’azione volta alla digital transformation della scuola che comprenderà la dematerializzazione di molti documenti fra cui il registro elettronico, il protocollo informatico e il portfolio elettronico dello studente.

I cambiamenti impatteranno anche l’insegnamento, con la possibilità di promuovere negli studenti anche la capacità di esplorare e affrontare con flessibilità problemi e contesti tecnologici nuovi cimentandosi nella programmazione, nella la robotica e nella stampa 3D.

La missione educativa si consoliderà anche attorno all’insegnamento di un utilizzo critico e consapevole della rete cercando di guidare gli studenti a leggere, selezionare, interpretare e valutare dati e informazioni sulla base della loro pertinenza e attendibilità.

Il comunicato è rinvenibile qui.

Smart NationScuola digitale e banda larga fra le priorità dell’Agenda Digitale del FVG

Related Posts