La Sicilia aderisce a WiFi Italia

No comments

La Regione Siciliana ha firmato con il Ministero dello Sviluppo Economico un protocollo d’intesa per essere presto coperta da una rete Wi-Fi a livello regionale.

Nel corso dell’incontro del Po Fesr 2014-2020 sull’Agenda digitale infatti, la Regione ha deciso di aderire alla nuova rete WiFi Italia con il preciso scopo di facilitare l’accesso ai servizi online nelle principali località turistiche e culturali del territorio.

WiFi Italia è l’innovativa rete Wi-Fi pubblica lanciata il 13 luglio dal MiSE in concerto con AgID, il MiBACT e altre primarie istituzioni e che conta, ad oggi, oltre 50 mila utenti.

Lo scopo è garantire una possibilità di accesso libera, diffusa e gratuita ai cittadini italiani ma anche a quelli stranieri arricchendo l’esperienza di navigazione grazie a significative informazioni legate al territorio.

L’esperienza d’uso è semplice: tramite una singola applicazione è possibile effettuare l’accesso in modo automatico e valido per sempre senza dover ripetere la registrazione o digitare la password ad ogni connessione.

La Regione Siciliana si aggiunge alla Toscana e all’Emilia-Romagna firmando un protocollo d’intesa con il MiSE a cui hanno partecipato l’assessore all’Economia della Regione Sicilia e il sottosegretario di Stato del Ministero dello Sviluppo Economico con delega alle Telecomunicazioni.

Inoltre entro il 2020 il 100% del territorio siciliano sarà comperto dalla banda ultralarga, il 36% per iniziativa del mercato mentre il resto con investimenti pubblici.

WiFi Italia: la Sicilia punta sul digitale per aumentare il turismo

Per la Sicilia si tratta di un deciso passo in avanti verso la possibilità di adeguare la connettività regionale a standard più performanti anche in virtù della conseguente nascita di un maggior numero di zone Wi-Fi free.
Ma il vero obiettivo è la crescita del turismo locale grazie alla possibilità, tramite l’innovativa rete, di accompagnare l’utente nelle mete di interesse turistico e culturale che spesso non sono conosciute o promosse adeguatamente.

Insomma, si tratta di utilizzare un’infrastruttura come se fosse una sorta di innovativa guida turistica.

Smart NationLa Sicilia aderisce a WiFi Italia

Related Posts