A Taranto la sanità utilizza il digitale per efficientare le comunicazioni

No comments

Una piattaforma tecnologica in ambito sanitario può diventare il cuore della comunicazione con il cittadino?

Al Sud e più precisamente a Taranto la risposta è sicuramente affermativa.

Nell’ottica di una completa informatizzazione delle attività amministrative, sanitarie e clinico-assistenziali, l’Azienda Sanitaria tarantina attraverso il progetto Sm@rtHealth è riuscita a conquistarsi un posto di primo piano divenendo all’avanguardia nell’utilizzo del solo canale digitale per la comunicazione tra PA e cittadino.

Più specificatamente il progetto riguarda una soluzione in grado di fornire dati e informazioni legati a liste d’attesa, prenotazioni, pagamenti, campagne screening e vaccinali, recupero crediti e consenso informato nel pieno rispetto delle novità introdotte dal Codice dell’Amministrazione Digitale e dal Piano Triennale ICT di AgID.

Questo è stato reso possibile creando una piattaforma multicanale, sviluppata inizialmente per gestire le liste d’attesa attraverso un recall automatico che contattava a casa il paziente per ricordargli la visita prenotata e chiedergli di confermare o disdire l’appuntamento, divenuta successivamente un gestore di processi multipli e trasversali: dalla prenotazione di visite specialistiche, al pagamento, alla cancellazione o addirittura all’avviso di indisponibilità della prestazioni a causa di guasti e fermi tecnici.

Sm@rtHealth: il digitale come memoria storica

Ogni singolo processo dispone quindi di uno storico che permette di evidenziare le criticità e apporre correttivi nonché migliorare l’efficienza nell’erogazione delle prestazioni sanitarie: nel solo 2017 sono state riassegnate, grazie al sistema, oltre 33.000 visite che sarebbero andate a vuoto e le liste d’attesa sono state ridotte del 13%.

Sm@rtHealth è già integrata con SPID e prossimamente sarà allacciata a PagoPA.

Smart NationA Taranto la sanità utilizza il digitale per efficientare le comunicazioni

Related Posts