A Torino una mano robotica cura la riabilitazione dopo l’ictus

No comments

L’azienda ospedaliera Città della Salute e della Scienza di Torino, già conosciuto come le Molinette, si è dotata di un avveniristico strumento per riabilitare gli arti superiori danneggiati in seguito ad un ictus: si tratta di una speciale mano robotica che assiste il paziente nel movimento.

Chiunque fosse colpito da una patologia neuromotoria infatti ha serie difficoltà a ripristinare l’utilizzo degli arti: grazie a questa innovazione è invece più facile ottenere dei risultati apprezzabili.

Il paziente si siede a una console di fronte a uno schermo e infila entrambe le braccia in appositi sostegni articolati che terminando con due guanti dotati di sensori per la lettura dei movimenti attivi e tendini artificiali per la mobilizzazione passiva.

L’induzione al movimento è progressiva: può essere infatti dettata interamente dal guanto, interamente dal paziente oppure il dispositivo può intervenire solo a supporto qualora sia necessario.

La piattaforma robotica monitora e registra i progressi del paziente e permette di impostare un percorso di riabilitazione progressivo con esercizi mirati a difficoltà variabile. Il progetto è stato reso possibile dall’intervento della Reale Foundation e di numerosi Rotary Club.

Smart NationA Torino una mano robotica cura la riabilitazione dopo l’ictus

Related Posts