A Torino parte un nuovo modello di mobilità

No comments

Grazie alla tecnologia la mobilità cambia sempre più profondamente, diventa più sostenibile per l’ambiente e comoda per i cittadini.

Torino è fra le prime città ad essersene resa conto e ha deciso di puntare su un nuovo modello altamente innovativo per la mobilità urbana.

Si chiama MaaS ed è l’acronimo di Mobility as a Service, una concezione già conosciuta in città europee come Berlino, Manchester e Göteborg.

Si tratta di un approccio che prevede l’integrazione di tutti i servizi di trasporto in un unico servizio in abbonamento o in formula a consumo, fruibile attraverso la tecnologia (tipicamente tramite web o app per dispositivi mobili).

A torino i trasporti sono totalmente integrati

Il modello MaaS torinese è realizzato grazie al progetto IMOVE, inserito nel perimetro del programma europeo Horizon 2020, il cui obiettivo è quello di gestire gli spostamenti nel modo più intelligente ed economico possibile.

Qualunque sia la destinazione, a Torino è possibile alternare bici, autobus, taxi e treni per comporre le tratte che portano il cittadino a disposizione.

Non servono cambi o l’acquisto di titoli di viaggio diversi: attraverso un’unica applicazione, realizzata dallo sforzo congiunto di Telepass, Urbi e da 5T, società partecipata del Comune di Torino, si può sottoscrivere un abbonamento che consente l’interscambio di mezzi di trasporto molto differenti fra loro che vanno dallo bike sharing alla fruizione dei treni.

Non solo, l’abbonamento, oltre ai servizi di trasporto, potrà includere l’accesso a musei, cinema, teatri e servizi di acquisto online.

L’innovativa applicazione integra tutti i modelli di trasporto pubblici (siano essi taxi, car, bike o scooter sharing, Ncc o trasporto pubblico) che possono essere abbinati in maniera personalizzata e attraverso una sola operazione al fine di rimpiazzare completamente la mobilità privata e rappresentare un significativo risparmio per i viaggiatori.

Contestualmente il Comune prevede di potenziare i servizi di mobilità in sharing, in particolare al Borgo Vecchio del quartiere Campidoglio.

Smart NationA Torino parte un nuovo modello di mobilità

Related Posts