Uber, autorizzata l’operatività del servizio in Italia

No comments

Con decisione di oggi il Tribunale di Roma ha revocato la propria ordinanza del 7 aprile scorso attraverso cui era stato disposto il blocco su tutto il territorio nazionale del servizio erogato da Uber con il conseguente oscuramento dell’app.

Pur permanendo il divieto per Uber Pop e Uber X, come stabilito dal Tribunale di Torino con sentenza del 22 marzo 2017, ora Uber Black può tornare operativo.

E’ stato quindi di fatto accolto il reclamo avanzato dalla multinazionale americana e rigettato il ricorso dei tassisti che credevano di essere riusciti a bloccare l’azienda di trasporto alternativo.

Nonostante le motivazioni debbano essere ancora affrontate, il Tribunale ha evidentemente ritenuto di voler dare attuazione alla decisione del Parlamento di sospendere sino al 31 dicembre prossimo alcune norme della legge nazionale che disciplina il settore taxi e noleggio con conducente.

La sospensione era stata introdotta nella legge di conversione del decreto Milleproroghe.

Durissima la reazione di Federtaxi che accusa il Governo e il sistema giudiziario di connivenza con gli interessi della multinazionale.

Uber e Taxi: uno scontro destinato ad essere rimandato all’inverno

Con questa novità lo scenario cambia di nuovo e torna ad una situazione di stallo che rende quanto mai necessaria la presa di posizione del Governo affinché legiferi in materia tenendo conto dell’innovazione tecnologica.

D’altra parte i consumatori potranno continuare a beneficiare della pluralità di mercato in attesa che arrivi una normativa in grado di integrare le nuove possibilità offerte dal mercato e dalla tecnologia affiancandole ai taxi tradizionali.

Smart NationUber, autorizzata l’operatività del servizio in Italia

Related Posts