Uber, pronta a prendere servizio effettivo l’automobile senza pilota

No comments

Non è fantascienza ma realtà, la prima automobile che guida nel traffico senza pilota percorrerà le strade della città di Pittsburgh entro le prossime settimane e sarà marchiata Uber.
La celebre azienda che ha rivoluzionato il settore del trasporto pubblico su piazza grazie al suo servizio di intermediazione offrirà infatti una flotta di SUV Volvo XC90 opportunamente modificati che, grazie a sensori e telecamere, percorreranno le strade della città americana.

Non si tratta di un test ma di vere e proprie corse assegnate ai clienti che, per l’occasione, saranno anche gratuite.

Questo è il primo passo per la completa automazione del servizio che, in prospettiva, abbonderà gran parte dei guidatori che ad oggi offrono la propria manodopera attraverso Uber.

Dal momento che le normative vigenti non prevedono la possibilità che un’automobile guidi completamente da sola, nell’abitacolo sarà comunque presente un operatore specializzato pronto a intervenire in caso di necessità oltre a un co-pilota con il compito di monitorare dati e registrare informazioni.

Con questa mossa Uber precede Google nella corsa all’introduzione sul mercato delle automobili a guida autonoma, ma anche Tesla e Apple che più volte si era dimostrata interessata al settore delle automobili senza pilota.

Il progetto di Uber è sostenuto da Volvo che fornirà le prime 100 autovetture tecnologiche per erogare il servizio: si tratta di una partnership non esclusiva del controvalore di circa 300 Milioni di dollari.

Non è escluso che le corse a guida autonoma interessino, nel prossimo periodo, altri mercati in cui Uber è attivo; anche Toyota sta collaborando con Uber ed è possibile che si annunci una partnership con la casa automobilistica su un altro dei mercati coperti dalla multinazionale del trasporto, probabilmente per l’estremo Oriente.

La strategia aziendale è chiara: dopo aver letteralmente rivoluzionato il mercato con il proprio servizio di intermediazione, le automobili a guida autonoma promettono di massimizzare il profitto lanciando un chiaro segnale circa il destino della forza lavoro umana che verrà gradualmente rimpiazzata fino ad avere una compagnia completamente automatizzata.

L’innovazione fornita dalla guida autonoma però contribuirà anche a ridurre le statistiche inerenti agli incidenti stradali contribuendo, allo stesso tempo, ad aumentare il tempo delle persone che potranno svolgere altre occupazioni durante i propri spostamenti.

Smart NationUber, pronta a prendere servizio effettivo l’automobile senza pilota

Related Posts