In Veneto la robotica entra in pediatria

No comments

I reparti di pediatria degli ospedali di San Donà di Piave e Portogruaro introducono un’innovazione basata sulla robotica per migliorare il servizio nei confronti dei pazienti e familiari: è infatti stato reso operativo Eddy, un roboottino interprete appositamente configurato per garantire la migliore comunicazione possibile tra paziente di lingua straniera, familiari e ovviamente il personale medico e sanitario impegnato nel prestare le cure all’interno del reparto di pediatria.

Capace di effettuare videochiamate con interpreti in 3 lingue (tedesco, inglese, spagnolo), Eddy si sposta autonomamente in corsia e nelle stanze di degenza seguendo il personale medico e infermieristico: si occupa quindi di assistere nelle traduzioni e intrattenere i pazienti che necessitino di un aiuto linguistico.

Qualora fosse necessario infatti il personale dell’Ulss4 attiva Eddy, sceglie dal display la lingua di cui necessita traduzione e, in pochi secondi, appare un interprete che da remoto può vedere il reparto mediante una webcam ad alta risoluzione e quindi interagire con l’ambiente.

Il robot può essere controllato da remoto e l’interprete può provvedere alla traduzione simultanea delle informazioni rese dal personale medico e sanitario.

Smart NationIn Veneto la robotica entra in pediatria

Related Posts