Ruralab, l’Unione di Comuni Alta Marmilla punta sull’ecosistema di innovazione rurale

No comments

Si chiama Ruralab ed è l’ecosistema di innovazione rurale dell’Unione di Comuni Alta Marmilla che punta a supportare il territorio nel processo di innovazione accogliendo potenziali innovatori, supportando imprese e progetti innovativi in modo che contribuiscano a popolare e potenziare l’ecosistema locale.

Fortemente voluto dall’Unione di Comuni Alta Marmilla, Ruralab è un living lab realizzato negli spazi di Baressa e Villaverde che raccoglie la collaborazione di una serie di partner fra cui la Regione Sardegna, Sardegna Ricerche, Consorzio Due Giare, Apply Consulting, FCA Consulting e Abinsula.

L’obiettivo comune è quello di stimolare lo sviluppo tecnologico, economico e sociale della Sardegna condividendo preziose conoscenze e modelli di intervento territoriale che possano funzionare.

Maggiori dettagli sul sito di Ruralab e sul sito dell’Unione di Comuni Alta Marmilla.

Smart NationRuralab, l’Unione di Comuni Alta Marmilla punta sull’ecosistema di innovazione rurale
Vai all'articolo

Verona Agrifood Innovation Hub, al via l’iniziativa dedicata all’innovazione nel settore agroalimentare

No comments

Presso la Fiera di Verona è stato firmato il protocollo d’intesa per la nascita di Verona Agrifood Innovation Hub, un centro di eccellenza partecipato dall’Università di Verona che verrà impiantato presso Veronafiere e si occuperà di sviluppare soluzioni dedicate all’innovazione nel settore agroalimentare.

L’agrifood rappresenta un’opportunità di primaria importanza e le soluzioni tecnologiche adottabili nel comparto sono crescenti, anche grazie allo sviluppo della sensoristica, dell’intelligenza artificiale e dei big data.

La creazione di un ecosistema imprenditoriale forte e sostenibile, come Verona Agrifood Innovation Hub si candida ad essere, vuole favorire e diffondere la conoscenza delle soluzioni più avanzate nel settore creando connessioni strategiche tra tutti gli attori che si muovono al suo interno nel rispetto dei principi etici e valorizzando le eccellenze della filiera italiana.

L’iniziativa è sostenuta da una serie di partner fra cui Fondazione Cariverona, Università di Verona, UniCredit, Comune di Verona, Veronafiere, Confindustria Verona, Cattolica Assicurazioni.

La struttura verrà gestita da Eatable Adventures in sinergia con l’attività di FoodSeed, l’acceleratore di startup della Rete Nazionale Acceleratori CDP Venture Capital Sgr.

Maggiori informazioni nel comunicato dell’Università di Verona.

Smart NationVerona Agrifood Innovation Hub, al via l’iniziativa dedicata all’innovazione nel settore agroalimentare
Vai all'articolo

A Sassari l’Istituto Tecnico Agrario Pellegrini punta su digitale e idroponica

No comments

L’Istituto Tecnico Agrario Pellegrini, scuola di agraria che vanta 130 anni di storia e ben 30 ettari di terreno dedicati a orti, frutteti e allevamenti, punta sull’intelligenza artificiale e la tecnologia idroponica: nei prossimi giorni infatti verrà installato un nuovo impianto per la coltivazione di ortaggi a foglia e a frutto sfruttando l’acqua al posto della terra.

In due speciali serre-laboratorio le piante beneficeranno della fertirrigazione e dell’ottimizzazione derivante dalle tecniche di gestione digitali delle produzioni.

La nuova struttura si basa sull’IoT garantendo l’interconnessione di dispositivi e sensori ad un’unica rete di elaborazione dati che consente l’efficientamento della produzione ma anche garantendo la documentazione di tutta la filiera produttiva.

L’energia delle speciali serre è ricavata dall’impianto fotovoltaico dell’area del parco della scuola in coerenza con l’obiettivo di sostenibilità e rispetto dell’ambiente.

La produzione delle serre idroponiche punta a valorizzare e recuperare le varietà antiche orticole e frutticole della Sardegna.

Il progetto è finanziato tramite risorse ministeriali ed è incardinato in un percorso condiviso con la Fondazione ITS Filiera Agroalimentare della Sardegna, il network della Rete Lab Smart Rurality, le imprese agricole del territorio e il Dipartimento di Agraria dell’Università di Sassari.

Smart NationA Sassari l’Istituto Tecnico Agrario Pellegrini punta su digitale e idroponica
Vai all'articolo

SMAQ, in Umbria parte il progetto per l’innovazione digitale delle imprese agroalimentari

No comments

E’ ufficialmente partito in Umbria SMAQ, il progetto supportato da Fondazione Perugia in collaborazione con Filiera Futura, per sviluppare le imprese agricole umbre dal punto di vista dell’innovazione tecnologica e delle competenze digitali.

Accompagnando le eccellenze locali del settore agroalimentare, il progetto mira a sdoganare soluzioni e protocolli che agevolino la tracciabilità dei prodotti utili a rendere maggiormente riconoscibili la qualità delle produzioni locali e l’implementazione dei mercati digitali.

In particolare l’iniziativa interessa le PMI attive nelle filiere agroalimentari del luppolo, del vino del Trasimeno e delle produzioni agricole presso gli agriturismi.

Il progetto in terra umbra non è il primo in Italia ma si aggiunge all’esperienza pilota maturata a Cuneo e ad Ancona con l’intendo di espandere l’iniziativa anche alla Toscana per il tramite di idonei corrispondenti.

Maggiori dettagli nel comunicato di Fondazione Perugia.

Smart NationSMAQ, in Umbria parte il progetto per l’innovazione digitale delle imprese agroalimentari
Vai all'articolo

HubFarm, la piattaforma tecnologica e digitale per l’agricoltura di Confagricoltura

No comments

Nasce HubFarm, la nuova piattaforma tecnologica e digitale dedicata all’agricoltura voluta da Confagricoltura in collaborazione con Reale Mutua e Microsoft.

L’obiettivo di HubFarm è il superamento delle carenze strutturali interne ed infrastrutturali esterne del settore agricolo che non consentono l’accesso alle innovazioni tecnologiche che sarebbe possibile considerando le opportunità esistenti.

La nuova piattaforma digitale di Confagricoltura innesca miglioramenti in termini quantitativi che qualitativi riducendo nel contempo le inefficienze legate alle produzioni: questo avviene grazie all’aggregazione degli operatori agricoli con gli sviluppatori e gli incubatori tecnologici, oltre al mondo della ricerca.

L’architettura di HubFarm poggia su due società operative, LabFarm e UnionFarm, che raggruppano rispettivamente le società perimetro confederale (CAA, CAF, FIAF, ANPA) e quelle delle Unioni provinciali: questo sistema garantisce il contatto diretto con le imprese agricole oltre ad accompagnarle verso il processo di trasferimento tecnologico e digitale.

Inoltre, grazie al supporto esclusivo di attori protagonisti nel campo dell’IoT, Digital and Technology Innovation e Energie rinnovabili, si intende perseguire una serie di azioni sulle necessità dei vari settori del comparto che vanno dalla zootecnia al vitivinicolo passando per l’ortofrutta.

Per garantire il successo dell’iniziativa Confagricoltura ha coinvolto Microsoft e Reale Mutua.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa di Confagricoltura.

Smart NationHubFarm, la piattaforma tecnologica e digitale per l’agricoltura di Confagricoltura
Vai all'articolo

Il MIPAAF prosegue l’alleanza con eBay per tutelare il patrimonio agroalimentare

No comments

Il Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali (MIPAAF) ha firmato il rinnovo per due anni dell’alleanza sottoscritta con eBay per la tutela del patrimonio agroalimentare sul web.

L’accordo verte sull’inserimento delle indicazioni geografiche di provenienza sui prodotti della filiera agroalimentare presenti sulla celebre piattaforma di eCommerce americana.

L’alleanza, frutto di un accordo risalente all’anno scorso, coinvolge l’Icqrf, orIGin Italia e Federdoc: l’impegno dei partecipanti vuole tutelare i consumatori promuovendo le eccellenze agroalimentari di qualità certificata e, con una sostanziale novità rispetto alla precedente intesa, si estende ai profili di etichettatura dei prodotti al fine di garantire la regolarità e la rispondenza alle norme.

L’Italia vanta in Europa il maggior numero di prodotti a marchio registrato europeo Dop e Igp che subiscono frequentemente tentativi di imitazione e usurpazioni: la tutela è quindi un aspetto fondamentale per valorizzare correttamente il lavoro degli agricoltori italiani e perseguire la trasparenza che il mercato e i consumatori richiedono.

Tutti i prodotti presenti sulla piattaforma di commercio elettronico di eBay vengono verificati e, in caso di illegittimità, segnalati direttamente al sistema di protezione della proprietà intellettuale e quindi rimossi dopo brevissimo tempo.

Smart NationIl MIPAAF prosegue l’alleanza con eBay per tutelare il patrimonio agroalimentare
Vai all'articolo

Il MIPAAF rilancia l’innovazione nell’agricoltura biologica

No comments

Il MIPAAF ha ufficialmente reso disponibile un nuovo importante stanziamento per la ricerca in agricoltura biologica: l’obiettivo è quello di rafforzare l’intera filiera del biologico che è sicuramente un settore strategico per l’agricoltura italiana verso la sostenibilità integrata individuata dal Green deal, dalla strategie Farm to Fork e nella nuova Pac.

Grazie al bando, pari a 4 milioni e 200.000 euro con uno tetto previsto per ciascun progetto di 300.000 euro e una copertura fino al 90% della spesa ammessa a finanziamento, il Ministero intende supportare progetti di ricerca orientati al miglioramento delle produzioni biologiche, all’innovazione dei processi produttivi, al trasferimento tecnologico, alla fruizione e diffusione dei risultati della ricerca e alla diffusione dei benefici e vantaggi dell’agricoltura biologica.

In ciascun progetto dovrà essere necessariamente coinvolta almeno un’azienda biologica o biodinamica.

Maggiori dettagli nel comunicato del Ministero.

smartnationIl MIPAAF rilancia l’innovazione nell’agricoltura biologica
Vai all'articolo

TIM e Confagricoltura lanciano l’Agritech Innovation Hub

No comments

TIM e Confagricoltura hanno sottoscritto un importante accordo per sviluppare il settore della tecnologia applicata all’agricoltura, la smart agriculture, tramite l’avvio del progetto Agritech Innovation Hub.

Si tratta di un’iniziativa che punta a sostenere gli imprenditori agricoli nella ripresa dalla crisi dovuta alla pandemia da COVID-19 tramite soluzioni e tecnologie innovative da implementare nel mondo agricolo.

Il progetto si basa sulla costituzione di una Fondazione che piloti la filiera agricola e le realtà attive nel settore della consulenza tecnologica e della produzione industriale affinché vengano individuati prodotti innovativi economicamente accessibili e ad alta scalabilità da proporre alla rete di imprenditori agricoli.

Si pensi alle applicazioni IoT dedicate al mondo dell’agricoltura come i sensori da campo per il rilievo dei parametri vitali per le colture o le macchine connesse in grado di lavorare la terra in autonomia o ancora droni e telecamere multispettrali per acquisire informazioni e comprendere lo stato di salute delle piantagioni.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa di TIM.

Smart NationTIM e Confagricoltura lanciano l’Agritech Innovation Hub
Vai all'articolo

Confagricoltura e Open Fiber insieme per connettere le aziende agricole italiane

No comments

Confagricoltura e Open Fiber hanno raggiunto un accordo volto a favorire la diffusione di connettività basata sull’adozione della fibra ottica da parte delle aziende agricole italiane.

L’importanza della collaborazione è palese, specie durante l’emergenza sanitaria del COVID-19, in quanto la digitalizzazione e la diffusione della connettività permette di accelerare i processi di sviluppo nell’agro-alimentare al fine di fare un ulteriore salto di qualità verso l’agricoltura 4.0.

Le aziende del settore primario, grazie alle nuove tecnologie, possono produrre meglio, distribuire in modo più capillare e anche commercializzare direttamente attraverso canali di e-commerce.

In tal senso la disponibilità di connettività veloce permette di garantire stabilità, velocità e opportunità favorendo lo sviluppo economico, tecnologico e sociale delle imprese agricole e dell’agricoltura nazionale in senso lato.

Per maggiori informazioni sull’iniziativa è disponibile un comunicato stampa.

Smart NationConfagricoltura e Open Fiber insieme per connettere le aziende agricole italiane
Vai all'articolo

Mais, l’innovazione interviene contro la siccità

No comments

Il problema della siccità è estremamente sentito nell’agricoltura soprattutto per quelle coltivazioni che risentono di un andamento del prezzo al ribasso e, contemporaneamente, una riduzione delle superfici coltivate.

Tra queste il mais è sicuramente una delle tipologie che più pagano un clima non particolarmente clemente come quello dell’estate in corso ed è per questo che la tecnologia, in ambito agricolo, si è mossa con successo.

Combimais, l’innovazione al servizio del mais

L’innovazione che vuole cambiare il modo e soprattutto la resa della coltivazione del mais si chiama Combimais.

Il programma Combimais Idrotechnologies, realizzato dal centro studi Innovagri, insieme all’Università di Torino e diversi partner tecnologici (Syngenta, Netafim, Unimer, Kuhn, Cifo e same Deutz-Fare) ha avviato nel 2013 il progetto che diventa operativo un anno più tardi.

Durante Expo 2015 Combimais presenta i primi dati provenienti dalla fase sperimentale per poi entrare, nel 2016, in piena produzione tramite l’azienda agricola pilota Folli a Mediglia che mette a disposizione un centinaio di ettari di cui trenta dedicati al Combimais.

L’obiettivo della nuova metodologia è la produzione di 20 tonnellate per ettaro di mais da granella di alta qualità con una salvaguardia del suolo, dell’aria e anche dell’acqua attraverso la subirrigazione.

La nuova tecnica consente un risparmio idrico fino al 30% anche grazie alle tecnologie digitali sviluppate soprattutto da Netafim, società israeliana attiva nelle soluzioni di irrigazione a goccia.

Israele si confronta con i limiti del proprio terreno sabbioso e quindi ha la necessità di massimizzare l’efficienza dell’irrigazione: tramite l’applicazione uManage interfacciata con una speciale sensoristica nel terreno è possibile monitorare costantemente la coltivazione e il fabbisogno idrico in campagna automatizzando i processi dei fabbisogni idrici della coltivazione, gli interventi di concimazione e quelli antiparassitari e di diserbo.

Smart NationMais, l’innovazione interviene contro la siccità
Vai all'articolo