3 volte 20 anni, il Comune di Empoli rilancia il programma di alfabetizzazione digitale

No comments

Torna il format educativo digitale 3 volte 20 anni promosso dal Comune di Empoli per avvicinare la cittadinanza ai benefici che il digitale può offrire nel miglioramento della qualità della vita delle persone.

Nata nel 2020 per diffondere la cultura digitale agli over 65, l’iniziativa proponeva una serie di pillole digitali tramite cui avvicinare la popolazione alle opportunità offerte dalle nuove tecnologie: le lezioni si tenevano in presenza per poi spostarsi online durante i mesi più duri della pandemia e ora tornare nuovamente alla dimensione fisica.

Tramite un calendario di appuntamenti accessibili gratuitamente previa prenotazione presso la biblioteca comunale, i cittadini interessati potranno acquisire maggiore consapevolezza e sicurezza con lo strumento digitale contrastando così l’esclusione sociale derivante dal non essere in grado di sfruttare i servizi digitali che stanno progressivamente acquisendo una notevole centralità.

3 volte 20 anni rientra nel progetto comunale Atlante 65+, macro iniziativa che riunisce i progetti dedicati all’invecchiamento attivo della popolazione.

Maggiori dettagli nel comunicato del Comune di Empoli.

Smart Nation3 volte 20 anni, il Comune di Empoli rilancia il programma di alfabetizzazione digitale
Vai all'articolo

Solve for Tomorrow, Samsung insegna agli studenti come diventare cittadini digitali responsabili

No comments

In occasione del nuovo anno scolastico Samsung ha avviato, destinandolo alle scuole di ogni ordine e grado, il progetto Solve for Tomorrow, un’iniziativa che si pone l’ambizioso compito di sensibilizzare gli studenti ad uno uso sicuro delle piattaforme digitali e delle nuove tecnologie nell’ottica di renderli cittadini digitali responsabili.

Si tratta, a tutti gli effetti, di un programma di educazione civica digitale, promosso in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, che si rende quantomai attuale anche in relazione alle conseguenze della crisi sanitaria con l’incremento della didattica a distanza e la crescita delle ore trascorse online dai ragazzi.

L’alleanza pubblico-privato per l’alfabetizzazione digitale dei giovani è sicuramente una chiave di lettura utile per impostare una nuova rotta a beneficio dell’intera comunità: generazioni più consapevoli di come si usa il digitale permettono una più attenta circolazione delle informazioni e un miglioramento delle condizioni generali di una società sempre più informatizzata.

Solve for Tomorrow si concretizza in una serie di esercitazioni e lezioni teoriche sulla piattaforma online Brickslab che prevede inoltre un piccolo test finale con erogazione di un diploma: questa attività formativa è orientata a sviluppare il ragionamento e il lavoro di squadra imparando a sviluppare un rapporto sano con le nuove tecnologie e trovando soluzioni a problemi della comunità, come per esempio la migliore gestione della raccolta differenziata affinché abbia un impatto ambientale minore, e nel contempo sensibilizzando i giovani alunni sui temi più impattanti dal punto di vista sociale.

Alla conclusione del percorso formativo, in essere da ottobre a marzo, Samsung indirà un hackathon tramite cui perfezionare le idee prospetticamente più interessanti con il sostegno dei propri dipendenti in modo da poterli effettivamente implementare.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa di Samsung.

Smart NationSolve for Tomorrow, Samsung insegna agli studenti come diventare cittadini digitali responsabili
Vai all'articolo

Moncalieri Digitale, al via lo sportello per aiutare i cittadini nell’uso del digitale

No comments

Con la diffusione delle nuove tecnologie è inevitabilmente aumentato il numero di cittadini, specialmente quelli più anziani, in difficoltà nell’approcciare i servizi pubblici sempre più orientati verso il digitale.

Per questo motivo il Comune di Moncalieri ha lanciato oggi il progetto Moncalieri Digitale, un servizio che si pone l’obiettivo di supportare la popolazione residente formandola all’uso dei servizi online della Pubblica Amministrazione.

Il servizio consiste in uno sportello digitale, situato presso gli spazi delle Botteghe in via Pastrengo 88, presidiato da operatori in grado di assistere, in presenza, i cittadini che hanno bisogno di fruire dei servizi basici come la creazione della casella di posta elettronica fino a quelli più evoluti come la registrazione dello SPID o effettuare pagamenti verso la Pubblica Amministrazione tramite la piattaforma PagoPA.

L’iniziativa inoltre prevede una serie di azioni di sensibilizzazione sul territorio moncalierese avviando presso scuole, centri anziani, biblioteche e spazi pubblici delle diverse borgate di Moncalieri, appuntamenti in cui divulgare le opportunità offerte dal digitale.

L’iniziativa ha evidente tangenze con il servizio di Casa Digitale promosso da Smart Nation.

Maggiori informazioni sul sito del Comune di Moncalieri.

Smart NationMoncalieri Digitale, al via lo sportello per aiutare i cittadini nell’uso del digitale
Vai all'articolo

DigEducati, il contrasto della povertà educativa tramite la diffusione di competenze digitali a bambini e ragazzi

No comments

Per contrastare il divario digitale nella fascia d’eta dai 6 ai 13 anni, la Fondazione della Comunità Bergamasca insieme a Fondazione Cariplo ha inaugurato la piattaforma digitale DigEducati.

Si tratta di uno spazio virtuale, affiancato da uno sviluppo fisico presso 28 punti di comunità diffusi nei 14 Ambiti territoriali bergamaschi, accessibile dai bambini e dai loro adulti di riferimento come genitori e insegnanti, dove poter recuperare materiali didattici collegati all’uso corretto del digitale in modo da incrementare le competenze digitali dei bambini ma anche moltiplicare le possibilità formative e di socializzazione.

L’iniziativa si pone l’obiettivo di impattare positivamente sulla vita di 25mila minori e un migliaio di docenti: bambini e ragazzi, a prescindere dalle risorse culturali ed economiche delle famiglie di provenienza, hanno diritto ad accedere alle opportunità che la società moderna è in grado di garantire ed il digitale è il veicolo ideale di questa esigenza.

DigEducati è un progetto di alfabetizzazione digitale che coinvolge la comunità nella sua interezza interfacciandosi con le istituzioni e gli enti del territorio.

I 28 punti di comunità coinvolti nella diffusione del progetto sono prevalentemente biblioteche, oratori e luoghi di aggregazione messi a disposizione dai partner dell’iniziativa nei Comuni di Bergamo, Gorle, Sovere, Costa Volpino, Dalmine, Boltiere, Calcinate, Palosco, Ponte San Pietro, Chignolo d’Isola, Villongo, Sarnico, Romano di Lombardia, Martinengo, Seriate, Costa di Mezzate, Treviglio, Spirano, Piazza Brembana, Zogno, Gorlago, Casazza, Roncola, Almè, Alzano Lombardo, Gandino, Clusone e Colere.

La capillarità è dovuta alla necessità di agevolare la fruibilità delle risorse del progetto da parte del maggior numero di cittadini possibili: ciascuno spazio mette a disposizione un educatore digitale, un bibliotecario, 12 computer portatili e la connessione libera a Internet.

Maggiori informazioni nel sito dedicato di Fondazione della Comunità Bergamasca.

Smart NationDigEducati, il contrasto della povertà educativa tramite la diffusione di competenze digitali a bambini e ragazzi
Vai all'articolo

Come imparo, al via gli incontri online di alfabetizzazione digitale promossi da Regione Emilia-Romagna

No comments

Sono ufficialmente in partenza, a partire da domani, gli incontri online promossi da Regione Emilia-Romagna per formare i cittadini sui servizi digitali erogati dalla Pubblica Amministrazione che permettono di interagire con gli uffici della PA.

Come imparo, questo il nome del progetto di formazione online, presenta una serie di appuntamenti resi sottoforma di webinar online gratuiti e aperti a tutti i cittadini residenti in regione: coloro che sono interessati ad approfondire i servizi digitali erogati dalla PA possono prenotare il proprio posto sul sito dedicato.

Fra i servizi per cui viene proposta la formazione vi sono, per esempio, lo SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale che permette l’autenticazione ai portali della Pubblica Amministrazione, la piattaforma pagoPA per effettuare pagamenti verso la PA o ancora l’app IO che fornisce un’interfaccia unica per tutti i servizi pubblici direttamente dallo smartphone.

Ogni appuntamento formativo è dedicato ad un unico tema e viene replicato in diverse fasce orarie a partire da domani e fino al 14 dicembre.

Le sessioni di formazioni sono disponibili anche in lingua inglese e opportunamente agevolate per persone con sordità o con difficoltà uditive.

Maggiori informazioni sul sito dell’iniziativa.

Smart NationCome imparo, al via gli incontri online di alfabetizzazione digitale promossi da Regione Emilia-Romagna
Vai all'articolo

Il Comune di Cinisello Balsamo presenta lo sportello digitale itinerante

No comments

In coerenza con l’incremento delle attività online dovute anche alla crisi sanitaria che ha accelerato il percorso di digitalizzazione del nostro Paese, anche la Pubblica Amministrazione sta facendo i conti con la necessità di proporre ai cittadini servizi digitali e sincerarsi che siano accessibili anche a chi ha minori competenze digitali di base.

Ormai un gran numero di pratiche si possono svolgere esclusivamente in modalità digitale e spesso i cittadini, soprattutto nella fascia degli over 65, hanno difficoltà ad affrontare quella che per loro rimane una sostanziale novità.

Per questo motivo il Comune di Cinisello ha deciso di iniziare un percorso di assistenza digitale itinerante presso i Centri di aggregazione anziani che riaprono le loro attività in concomitanza con la riduzione del rischio pandemico.

Il servizio consiste in uno sportello che fornisca informazioni ai cittadini meno abituati ad usare la tecnologia: sarà possibile conoscere meglio come funzione lo SPID, approfondire l’uso dei canali sociali, utilizzare meglio Whatsapp o imparare ad usare una mail.
Di fatto il servizio ha delle tangenze con il servizio di Casa Digitale già attivo presso i Comuni di Monza, Brugherio e Vedano al Lambro.

Il servizio è gratuito e si terrà ogni mercoledì dalle 14.30 alle 16.30 alternandosi nei vari Centri di aggregazione anziani della città: i cittadini interessati dovranno prenotarsi.

Maggiori dettagli nel comunicato del Comune di Cinisello Balsamo.

Smart NationIl Comune di Cinisello Balsamo presenta lo sportello digitale itinerante
Vai all'articolo

Il Comune di Modena lancia lo sportello di supporto digitale scolastico

No comments

Il Comune di Modena ha presentato un nuovo servizio dedicato ai genitori con figli iscritti o che devono iscriversi nelle scuole comunali: si tratta dello sportello di supporto digitale scolastico.

Il servizio consiste in uno sportello istituito presso il Centro educativo Memo del Comune di Modena e presidiato da operatori in grado di parlare diverse lingue il cui compito è quello di assistere le famiglie ai margini dell’inclusione digitale nell’uso delle nuove tecnologie.

I beneficiari del servizio sono ovviamente tutti i cittadini con particolare riferimento a chi ha scarsa padronanza dei mezzi digitali o che ha oggettive difficoltà perché proveniente da contesti linguistici e culturali molto diversi.

Fra le attività offerte dal servizio vi è il supporto all’ottenimento e all’utilizzo dell’identità digitale necessaria per accedere ai servizi della PA, l’assistenza all’iscrizione dei figli al nido e alle scuole di ogni ordine e grado, l’assistenza al servizio trasporti e mensa ma anche il supporto per i bandi e le agevolazioni in ambito scolastico.

Tra le attività di aiuto erogate vi è anche il supporto nell’accesso e nell’uso del Fascicolo Sanitario Elettronico, l’assistenza all’uso delle piattaforme utilizzate per la didattica a distanza e l’aiuto per imparare ad utilizzare il registro elettronico scolastico che serve alle famiglie per verificare l’andamento scolastico dei figli.

Lo sportello è attivo il lunedì dalle 15 alle 18 e il giovedì dalle 9 alle 13 su appuntamento.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa del Comune di Modena.

Smart NationIl Comune di Modena lancia lo sportello di supporto digitale scolastico
Vai all'articolo

DigiPASS, inizia la formazione per rafforzare le competenze dei facilitatori digitali

No comments

A Villa Umbra parte oggi un ciclo di cinque incontri per rafforzare le competenze dei facilitatori digitali impiegati nei DigiPASS di Regione Umbria.

Il percorso formativo, chiamato #Linkedumbria_DigiPass, punta a incrementare le capacità didattiche e le conoscenze degli operatori impiegati nei DigiPASS, i punti di facilitazione digitale fortemente voluti da Regione Umbria per aiutare i cittadini resistenti alla tecnologia nell’uso dei servizi digitali pubblici.

I DigiPASS sono luoghi pubblici ad accesso libero che erogano formazione ma mostrano anche opportunità derivante dalle nuove tecnologie con approfondimenti tematici, workshop e seminari che si affiancano al tutoraggio.

Le giornate di formazione, finanziate grazie al Fondo sociale europeo 2014-2020 – OT11, sono curate dalla Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica e promosse da Regione Umbria per una programmazione che durerà fino al prossimo 14 ottobre.

Il programma prevede l’approfondimento del ruolo del facilitatore digitali e della comunicazione al fine di migliorare le performance nel lavoro interno e nella gestione degli utenti che intendono rivolgersi ai DigiPASS.

Verranno approfonditi inoltre argomenti quali SPID, PagoPA, Fascicolo Sanitario Elettronico, l’app IO, l’ANPR e molto altro.

Maggiori dettagli nel comunicato della Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica.

Smart NationDigiPASS, inizia la formazione per rafforzare le competenze dei facilitatori digitali
Vai all'articolo

Il Comune di Firenze organizza incontri gratuiti di facilitazione digitale nelle biblioteche civiche

No comments

Il Comune di Firenze sfrutta la propria rete civica di biblioteche e la mette a disposizione di coloro che hanno necessità di potenziare le proprie competenze digitali di base: in cinque biblioteche comunali vengono infatti organizzati incontri di facilitazione digitale per assistere coloro che sono meno capaci nell’uso della tecnologia.

Oltre all’uso del computer, di smartphone e tablet, all’interno del programma formativo verranno affrontati la navigazione su internet e l’uso dei social network oltre, ovviamente, ai servizi digitali erogati dalla Pubblica Amministrazione.

Gli incontri, del tutto gratuiti per i cittadini, durano un’ora e sono rivolti a tutti i maggiorenni iscritti al sistema bibliotecario comunale e al servizio di navigazione Internet PAAS.

Si possono prenotare un massimo di 5 appuntamenti su alcuni argomenti predefiniti.

Il primo riguarda l’uso degli strumenti digitali della biblioteca che permettono di leggere i quotidiani da casa, scaricare e-book e audiolibri oltre a gestire il profilo della propria iscrizione bibliotecaria da remoto.

Il secondo è relativo alla fotografia digitale tramite smartphone e alla sua gestione.

Il terzo argomento riguarda i servizi digitali erogati dal Comune di Firenze ma anche l’uso dell’identità digitale, delle app utili a Firenze nonché l’accesso alla rete Wi-Fi cittadina.

Il quarto è relativo all’uso della posta elettronica, agli strumenti di videoscrittura e ai social network.

Il quinto invece è relativo alla navigazione online e all’uso dei motori di ricerca.

Infine l’ultimo argomento riguarda i corsi di formazione online della Regione Toscana e il turismo online con particolare interesse verso l’offerta regionale.

Le biblioteche coinvolte nel progetto sono la biblioteca Filippo Buonarroti (Q5), la biblioteCaNova Isolotto, la biblioteca Pietro Thouar, la biblioteca Mario Luzi, la biblioteca delle Oblate.

Maggiori informazioni nella pagina dedicata.

Smart NationIl Comune di Firenze organizza incontri gratuiti di facilitazione digitale nelle biblioteche civiche
Vai all'articolo

Fastweb Digital Academy e Arci Servizio Civile insieme la formazione degli operatori del Servizio Civile Digitale

No comments

Fastweb e Arci Servizio Civile hanno raggiunto un accordo per avviare un percorso formativo degli operatori volontari che parteciperanno all’iniziativa governativa del Servizio Civile Digitale.

Si tratta di un’attività che punta a diffondere le competenze digitali necessarie affinché i giovani possano poi a loro volta trasferirle a coloro che hanno carenze evidenti nell’ambito: Fastweb, a tale proposito, mette in gioco la propria Fastweb Digital Academy, la scuola per le nuove competenze digitali creata insieme a Fondazione Cariplo, nell’ottica di testare le competenze degli operatori coinvolti nel Servizio Civile Digitale e fornire loro le competenze necessarie.

L’obiettivo è ovviamente quello di perseguire la piena inclusione digitale della cittadinanza in linea con lo scopo del Programma quadro di sperimentazione del Servizio Civile Digitale promosso dal Dipartimento per la trasformazione digitale e il Dipartimento per le politiche giovanili e il servizio civile universale della Presidenza del Consiglio dei Ministri denominato Ponti digitali per reti sociali.

Dal canto suo Arci Servizio Civile porterà in dote le competenze acquisite nella programmazione e attuazione dei programmi e progetti di Servizio Civile Universale con il coinvolgimento attivo di 27 enti di accoglienza in 11 Regioni per raggiungere la parte della popolazione più in difficoltà nell’utilizzo degli strumenti digitali occupandosi della rendicontazione dell’impatto degli interventi.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa di Fastweb.

Smart NationFastweb Digital Academy e Arci Servizio Civile insieme la formazione degli operatori del Servizio Civile Digitale
Vai all'articolo