Aumenta l’utilizzo dei servizi digitali del Comune di Rimini

No comments

I servizi digitali del Comune di Rimini segnano un record per quanto riguarda l’utilizzo da parte della cittadinanza: dopo una prima fase di sperimentazione che ha visto l’introduzione di diverse opportunità per quanto riguarda la dematerializzazione dei servizi, il trend di ricorso ai servizi online da parte della comunità continua a crescere.

In particolare la procedura di cambio di residenza online del Comune di Rimini, accessibile tramite SPID o CIE, che permette di effettuare la richiesta di cambio residenza direttamente tramite pc o smartphone, ha registrato più della metà delle istanze totali riconducibili al Comune di Rimini nei primi 7 mesi dell’anno: su 4.440 istanze totali, 2.305 sono state infatti effettuate online.

Anche le certificazioni online, supportate dalla piattaforma ANPR, segnano numeri di tutto rispetto con 19.975 certificati erogati.

I risultati testimoniamo un sostanziale salto di qualità dei servizi per i cittadini in coerenza con il processo di transizione digitale innescato e perseguito dal Comune di Rimini per semplificare il rapporto fra popolazione e Pubblica Amministrazione.

Il digitale non è ancora l’unico modo per fruire dei servizi comunali: l’accesso è garantito ancora in modalità multicanale.

Le pratiche possono essere presentate online collegandosi al portale del Comune di Rimini, oppure presso gli uffici comunali anche previa prenotazione per evitare la coda.

Tuttavia, grazie all’affiancamento dei servizi digitali e al loro crescente ricorso da parte dei cittadini, i tempi di attesa per prenotare un appuntamento si sono ridotti in modo significativo: basti pensare che per richiedere la carta di identità elettronica ora è sufficiente attendere un paio di giorni contro gli oltre 60 dell’anno scorso.

Maggiori informazioni nel comunicato del Comune di Rimini.

Smart NationAumenta l’utilizzo dei servizi digitali del Comune di Rimini
Vai all'articolo

ANPR, al via il cambio di residenza online

No comments

Tutto è pronto per il cambio di residenza online tramite ANPR, l’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente.

Dal 1 febbraio infatti i primi comuni italiani individuati di concerto con ANCI metteranno a disposizione il servizio di cambio di residenza tramite la piattaforma centralizzata del Ministero dell’Interno.

I comuni interessanti sono: Alessandria, Altamura, Bagnacavallo, Bari, Bergamo, Bologna, Brescia, Carbonia, Castel San Pietro Terme, Cesena, Cuneo, Firenze, Forlì, Laives, Latina, Lecco, Lierna, Livorno, Oristano, Pesaro, Potenza, Prato, Rosignano Marittimo, San Lazzaro di Savena, San Severino Marche, Teramo, Trani, Treia, Trento, Valsamoggia, Venezia.

Questa fase sperimentale, della durata di circa due mesi, permetterà di valutare le criticità del servizio per una successiva progressiva estensione agli altri Comuni italiani.

La fase di sperimentazione prevede una serie di operazioni, fra cui il cambio di residenza per il trasferimento da un qualsiasi comune, o dall’estero per i cittadini italiani iscritti all’AIRE nonché il cambiamento di abitazione nell’ambito di uno dei comuni aderenti.

Il cittadino interessato a fruire dei servizi può autenticarsi utilizzando la propria identità digitale, come per esempio SPID, e compilare la dichiarazione anagrafica secondo le indicazioni presenti nell’apposita sezione del sito.

I comuni interessati, supportati da Sogei, potranno gestire le dichiarazioni online sia utilizzando l’applicazione web messa a disposizione da ANPR, sia attraverso i propri applicativi gestionali, una volta aggiornati con le integrazioni richieste e necessarie.

Maggiori informazioni nel comunicato del MITD.

Smart NationANPR, al via il cambio di residenza online
Vai all'articolo

ANPR, da oggi i cittadini possono scaricare i certificati anagrafici online

No comments

Da oggi grazie ad ANPR, l’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente, è possibile scaricare certificati anagrafici digitali comodamente online tramite qualsiasi dispositivo e previa autenticazione utilizzando un’identità digitale.

Ieri avevamo comunicato l’avvenuto download, in anteprima, del primo certificato digitale da parte del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: oggi tutti i cittadini potranno effettuare la medesima operazione per proprio conto o per un familiare senza più bisogno di recarsi allo sportello e fare lunghe file.

I certificati digitali ottenibili tramite ANPR sono 14: il certificato anagrafico di nascita, il certificato anagrafico di matrimonio, il certificato di cittadinanza, il certificato di esistenza in vita, il certificato di residenza, il certificato di residenza aire, il certificato di stato civile, il certificato di stato di famiglia, il certificato di residenza in convivenza, il certificato di stato di famiglia aire, il certificato di stato di famiglia con rapporti di parentela, il certificato di stato libero, il certificato anagrafico di unione civile e il certificato di contratto di convivenza.

I certificati digitali sono disponibili in modalità multilingua per i comuni con plurilinguismo e per l’anno 2021 non richiederanno il pagamento del bollo essendo del tutto gratuiti: potranno inoltre essere rilasciati anche in forma contestuale, ciò significa che un certificato di cittadinanza, esistenza in vita e residenza potranno essere richiesti in un unico documento digitale.

Il servizio, inoltre, consentirà di visualizzare l’anteprima del documento per verificare la correttezza dei dati prima di effettuare il download in pdf e ottenerne la consegna via mail.

Maggiori dettagli nel comunicato del Ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale.

Smart NationANPR, da oggi i cittadini possono scaricare i certificati anagrafici online
Vai all'articolo