ANPR, attivo in tutta Italia il cambio di residenza online

No comments

Da oggi è attivo in tutta Italia il cambio di residenza online effettuabile tramite l’ANPR, l’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente.

La piattaforma nazionale del Ministero dell’Interno offre infatti, dopo un periodo di sperimentazione partito un paio di mesi fa e di cui avevamo già parlato, si estende a tutti i Comuni italiani.

Con pochi clic i cittadini, dopo essersi identificati con un’identità digitale come per esempio lo SPID o la CIE, possono accedere al proprio cruscotto ed effettuare una serie di azioni legate alla propria residenza come la richiesta di cambio di residenza per il trasferimento da un qualsiasi Comune ad un altro sul territorio nazionale, o di rimpatrio dall’Estero per i cittadini italiani iscritti all’AIRE.

In aggiunta, è possibile effettuato il cambio di abitazione nello stesso Comune su tutto il territorio nazionale.

Le richieste potranno essere inoltrate non solo per se stessi ma anche per tutti i componenti del proprio nucleo familiare con la possibilità di consultare lo stato di avanzamento della richiesta presentata tramite aggiornamenti che vengono notificati direttamente all’indirizzo e-mail comunicato in fase di presentazione dell’istanza.

Maggiori dettagli nel comunicato del MITD.

Smart NationANPR, attivo in tutta Italia il cambio di residenza online
Vai all'articolo

Il Comune di Acqui Terme attiva i servizi anagrafici digitali

No comments

I cittadini di Acqui Terme hanno una nuova possibilità per interfacciarsi con il proprio Comune: l’Ente locale ha infatti attivato il rilascio online dei certificati anagrafici.

Si tratta di un’iniziativa che subirà ulteriori evoluzioni ed implementazioni per assicurare un servizio sempre più fruibile e completo: tutti i cittadini interessati potranno, grazie ad un dispositivo elettronico come smartphone e tablet, interfacciarsi digitalmente con gli uffici comunali e richiedere i propri certificati anagrafici come per esempio lo stato famiglia o l’atto di nascita.

Se la richiesta viene effettuata da un computer con annessa stampante, il richiedente potrà effettuare la stampa comodamente da casa.

L’accesso al servizio avviene tramite l’identità digitale SPID, la CIE oppure la CNS.

Questa innovazione evita code e attese allo sportello a tutti i cittadini che vorranno utilizzare le nuove tecnologie per fruire dei servizi demografici e si aggiunge ad una serie di migliorie nel percorso di transizione digitale iniziato dal Comune di Acqui Terme che ha subito in passato una serie di difficoltà che ne hanno rallentato lo sviluppo.

Basti pensare che tutti gli atti principali, quali delibere e determine, vengono ormai predisposti e approvati digitalmente per poi essere conservati elettronicamente; il Comune di Acqui Terme inoltre ha integrato il circuito PagoPA per il pagamento delle spese dovute al Comune e nelle prossime settimane verrà rafforzato il portale dei Tributi.

Maggiori informazioni nel comunicato da parte del Comune di Acqui Terme.

Smart NationIl Comune di Acqui Terme attiva i servizi anagrafici digitali
Vai all'articolo

ANPR, online il nuovo portale dell’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente

No comments

Il portale dell’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR) è online in versione rinnovata e pronto ad erogare nuovi servizi ai cittadini.

Il progetto, gestito dal Ministero dell’Interno e sviluppato da Sogei con il coordinamento operativo del Dipartimento per la trasformazione digitale, raccoglie in un unico luogo le informazioni di circa 8.000 anagrafi comunali sparse sul territorio italiano e si propone non solo come punto di accesso univoco per il cittadino che voglia effettuare operazioni pertinenti con i propri dati anagrafici come la richiesta di certificati o le procedure di cambio di residenza.

ANPR infatti è anche lo strumento che consente la piena interoperabilità fra le anagrafi degli Enti pubblici garantendo una significativa ottimizzazione dei flussi di lavoro e la certezza e l’univocità del dato ma anche fornendo la possibilità di monitorare le attività ed effettuare analisi e statistiche.

Il progetto è costantemente in lavorazione e sul sito è possibile monitorare lo stato di avanzamento oltre ad effettuare le prime operazioni come le visure dei propri dati e scaricare autocertificazioni anagrafiche in sperimentazione per otto comuni (Bari, Barletta, Bergamo, Firenze, Lecco, Milano, Prato e Torino) con la possibilità di richiedere la rettifica di dati anagrafici discordanti.

L’accesso al portale avviene tramite SPID o CIE e consente, ad oggi, di accedere alla visura dei propri dati anagrafici e stampare autocertificazioni personalizzabili.

Ad oggi su ANPR si trovano i dati del 94,4% della popolazione italiana con 7.406 Comuni aderenti e quasi 57 milioni di persone censite.

Maggiori dettagli nel comunicato del Ministero per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale.

Smart NationANPR, online il nuovo portale dell’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente
Vai all'articolo

Il Comune di Novara lancia i servizi anagrafici digitali

No comments

Lo sportello digitale dedicato ai servizi anagrafici del Comune di Novara è pronto ad entrare effettivamente in servizio da domani: tutti i cittadini potranno stampare, senza oneri di segreteria, la documentazione di cui necessitano e in particolare i certificati anagrafici.

Si tratta di un’innovazione che viene lanciata, non a caso, in un periodo di grande difficoltà che vede il digitale come strumento utile per aumentare le opportunità di interazione fra cittadini e Pubblica Amministrazione vista l’oggettiva difficoltà dovuta alle relazioni sociali a causa dell’emergenza sanitaria dettata dal COVID-19.

In teoria lo sportello digitale che traspone online i servizi dell’Ufficio Anagrafe del Comune di Novara sarebbe dovuto partire tra un mese ma l’Amministrazione ha voluto imprimere una forte accelerazione ai lavori rendendo lo sportello pienamente operativo da domani: il cittadino potrà quindi collegarsi alla sezione Servizi ai cittadini del sito dove è possibile effettuare le pratiche previste.

Il requisito è il possesso dell’identità digitale SPID o un account valido sul sito del Comune: prossimamente verrà attivato l’accesso anche attraverso la CIE, la carta di identità elettronica.

Nel caso in cui vengano richieste stampe di documenti e il cittadino non abbia la stampante, è possibile rivolgersi ai tabaccai che sono in grado di consegnare il documento.

Maggiori informazioni nel comunicato ufficiale.

Smart NationIl Comune di Novara lancia i servizi anagrafici digitali
Vai all'articolo

Il Comune di Modena rende disponibili i certificati anagrafici presso le edicole

No comments

Il Comune di Modena ha presentato le nuove modalità di accesso ai servizi demografici con un significativo ricorso all’uso delle nuove tecnologie.

Grazie ad una convenzione con le edicole e all’uso della rete, l’ufficio Anagrafe viene infatti decentralizzato rendendo possibile ai cittadini di richiedere alle stesse edicole il rilascio di certificati.

La convenzione è frutto di un accordo da parte del Comune e il Sinagi: ha vigore dal 5 dicembre e inizialmente raccoglie 12 edicole che hanno aderito al sistema per svolgere la funzione di servizi anagrafici decentrati.

L’elenco completo è consultabile qui.

Presso le edicole si possono richiedere diversi certificati fra cui quello di residenza, cittadinanza, stato di famiglia, stato libero e stato civile: è necessaria una marca da bollo da 16 euro e sostenere una commissione da 0,32 euro per ogni certificato in carta libera o 0,63 euro per ogni certificato in bollo, dietro rilascio di scontrino o ricevuta fiscale. La marca da bollo non serve per i certificati esenti.

I certificati sono richiedibili presso le edicole e online

I certificati possono essere richiesti anche interamente online tramite il sito internet e la successiva consegna all’indirizzo di posta elettronica del cittadino: per effettuare l’operazione è necessario dotarsi delle credenziali Federa o con smart card.

Smart NationIl Comune di Modena rende disponibili i certificati anagrafici presso le edicole
Vai all'articolo