Instagram espande a tutti la funzione Guide

No comments

A maggio di quest’anno Instagram aveva introdotto una funzionalità chiamata Guide che permetteva a determinati autori di contenuti di condividere trucchi, informazioni, risorse e altre opportunità ai propri utenti tramite un’apposita sezione dei propri profili.

Inizialmente la funzione è stata accordata per curatori di contenuti relativi al benessere e allo stato psico-fisico: da queste ore è invece stata allargata a tutti gli utenti e tipologie di tematiche tra cui prodotti, luoghi e contenuti digitali.

Si tratta di un’importante novità che potrebbe determinare un progressivo avvicinamento di Instagram verso una piattaforma di blogging perché le guide conterrebbero quelle informazioni testuali che non erano mai state il focus del prodotto.

Inoltre va considerato che, con la disponibilità di nuovi contenuti testuali all’interno dell’applicazione, gli utenti saranno portati ad aumentare il tempo di permanenza e relativo engagement.

Smart NationInstagram espande a tutti la funzione Guide
Vai all'articolo

Immuni, aumenta la diffusione negli smartphone degli italiani

No comments

L’app Immuni ha superato quota 8 milioni di download: il risultato è stato possibile anche grazie ad una brusca accelerazione in meno di una settimana pari ad oltre 1 milione di nuovi download.

Questo è stato realisticamente il frutto della campagna di sensibilizzazione e il richiamo, da un elevato numero di figure pubbliche, alla popolazione di procedere al download dell’app.

Secondo i dati pubblicati sul sito ufficiale dedicato a Immuni, in questo momento i download hanno superato quota 8.300.000 con quasi 9.000 notifiche di esposizione inviate e circa 500 utenti che hanno inserito i loro codici di positività consentendo di avvisare, in modo anonimo, le persone che sono entrate in contatto con loro.

Non si conoscono invece le statistiche relative all’effettivo uso dell’applicazione: un dato importante perché, chiaramente, il download non indica se l’applicazione sia ancora sullo smartphone di chi l’ha scaricata.

Questa informazione sarebbe peraltro molto importante in un contesto dove la trasparenza e la chiarezza rivestono un ruolo prioritario anche per vincere la resistenza di molti utenti dato che 4 smartphone su 5 risultano ancora oggi privi dell’applicazione studiata per arginare l’epidemia da COVID-19.

Smart NationImmuni, aumenta la diffusione negli smartphone degli italiani
Vai all'articolo

Il Mauriziano di Torino lancia il tour virtuale dell’ospedale

No comments

L’Ospedale Mauriziano di Torino punta sulla tecnologia e lancia un’applicazione per guidare i propri pazienti all’interno del nosocomio in modo da facilitare il transito e l’arrivo ai reparti: è la prima struttura ospedaliera in Europa che a dotarsi di una soluzione tecnologica di questo tipo.

L’applicazione però non si limita ad un tour virtuale della struttura, al suo interno infatti è possibile accedere ad una serie di servizi fra cui il pagamento di ticket, la prenotazione di visite ed esami o ancora il ritiro degli esiti accedendo, in modo virtuale, al CUP.

Una tale moltitudine di risorse concentrate all’interno di un unico applicativo disponibile al pubblico fa si che il Mauriziano di Torino si candidi ad essere uno degli ospedali più evoluti e attenti alle tematiche correlate con la buona sanità digitale.

L’applicazione, chiamata entrainmauriziano, è disponibile per tutti gli utenti a partire da lunedì 5 ottobre 2020 per smartphone, tablet o pc.

Smart NationIl Mauriziano di Torino lancia il tour virtuale dell’ospedale
Vai all'articolo

Eligendo, l’app del Ministero dell’Interno per seguire i risultati elettorali

No comments

Il Ministero dell’Interno ha attivato Eligendo, l’app per smartphone che consente di visualizzare in tempo reale i dati sull’affluenza e i risultati dell’appuntamento elettorale e referendario.

Fintanto che non sia chiusa la consultazione, è possibile visualizzare la lista dei candidati suddivisi per tipologia di elezione e i dati sull’affluenza al voto: a partire dalla chiusura dei seggi verrà invece introdotto il dato definitivo dei votanti e l’andamento degli scrutini sia per l’esito referendario che per l’assegnazione dei seggi delle elezioni regionali.

La informazioni riflettono quelle presenti sul sito nell’area speciale pubblicata sul sito istituzionale del Ministero: i risultati disponibili saranno quelli delle elezioni suppletive, del referendum, delle elezioni regionali di Veneto, Liguria, Campania e Puglia nonché delle elezioni amministrative, a eccezione dei dati delle comunali nelle regioni a statuto speciale Friuli Venezia Giulia, Trentino- Alto Adige e Valle d’Aosta.

I risultati delle regioni Toscana, Marche e Valle d’Aosta vengono resi sul sito istituzionale delle rispettive regioni perché non si sono avvalse del sistema SIEL del Ministero dell’Interno.

L’applicazione è disponibile per Android e iOS.

Smart NationEligendo, l’app del Ministero dell’Interno per seguire i risultati elettorali
Vai all'articolo

Definitivo l’iter per l’avvio dei processi di trasformazione digitale della PA

No comments

Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge di conversione del decreto Semplificazione e innovazione digitale si apre a tutti gli effetti il percorso, supportato dalla base normativa, che porterà l’Italia alla piena trasformazione digitale.

Cittadini e imprese potranno quindi fruire di uno Stato moderno, funzionale e tecnologicamente all’avanguardia grazie alla transizione verso una visione di PA smartphone-centrica.

Il 28 febbraio 2021 è la data limite entro la quale le PA locali devono avviare i propri processi di transizione al digitale che consentano alla popolazione di fruire dei servizi digitali tramite smartphone che viene considerata la piattaforma abilitante al digitale per eccellenza vista la grandissima diffusione.

Il Governo è infatti seriamente intenzionato a rispettare le milestone accelerando un processo che più volte negli anni ha subito svariate battute di arresto anche per mancanza di una solida base normativa che invece questa volta sembra poter fornire adeguate garanzie.

Alla data stabilita potranno fare eccezione i piccoli Comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti per via dell’incidenza delle difficoltà legate alla pandemia da COVID-19.

Maggiori informazioni nel comunicato del MID.

Smart NationDefinitivo l’iter per l’avvio dei processi di trasformazione digitale della PA
Vai all'articolo

A Matera il digitale semplifica la raccolta differenziata

No comments

Il Comune di Matera, in fase di implementazione del sistema di raccolta differenziata cittadina, punta sul digitale e in particolare sull’app IOdifferenzio#sub1 disponibile a tutti i cittadini in versione iOS e Android.

L’app si basa sulla tecnologia dell’applicazione Riciclario profondamente rivista e innovata per garantire a tutti una user experience davvero semplice ed immediata: lo scopo è quello di fornire indicazioni utili agli utenti per potenziare il sistema di raccolta differenziata, ridurre la produzione dei rifiuti e veicolare tutte le informazioni necessarie per seguirla nel migliore dei modi.

I cittadini possono quindi interrogare l’applicazione per capire come riciclare i rifiuti ottenendo indicazioni su dove debbano essere smaltiti anche grazie alla verifica sulla destinazione di un imballaggio mediante lettura del barcode.

L’applicazione dispone inoltre di un calendario di raccolta e di una guida ai conferimenti che integra un dizionario dei rifiuti: è inoltre presente un sistema che consente di prenotare il ritiro di rifiuti speciali o ingombranti e ad inviare segnalazioni al gestore su eventuali disservizi.

Smart NationA Matera il digitale semplifica la raccolta differenziata
Vai all'articolo

Apple e Google evolvono il sistema di notifiche da esposizione

No comments

Apple e Google annunciano una sostanziale evoluzione per la piattaforma di notifiche derivante da esposizione al Covid-19: le nuove versioni dei sistemi operativi iOS e Android infatti permetteranno di ricevere notifiche di contatto a rischio Covid-19 senza necessariamente avere un’app dedicata.

L’attivazione del sistema rimarrà su base volontaria, ossia in fase di aggiornamento del sistema operativo sarà abilitabile o meno, e unicamente collegata alla tecnologia bluetooth che comunque sarà migliorata in termini di precisione benché sia escluso il ricorso al GPS.

A tale proposito inoltre è stata rivista la logica per cui l’attivazione dei servizi bluetooth imponesse anche l’attivazione del sensore GPS, come per esempio su Android, perché entrambi i servizi erano incardinati sotto all’area della geolocalizzazione a prescindere che la localizzazione satellitare non venisse utilizzata: con il nuovo aggiornamento sarà possibile abilitare esclusivamente i servizi bluetooth che saranno quindi scorporati.

Il cuore tecnologico dell’evoluzione marchiata Apple e Google è legato all’interfaccia lato utente: se i dispositivi continueranno infatti come ora, in modo del tutto anonimo, a ricevere e inviare informazioni legate all’interazione per vicinanza del proprio dispositivo con quello altrui tramite lo scambio di codici casuali, con il nuovo aggiornamento sarà il dispositivo stesso ad allertare l’utente (previa abilitazione dell’opzione) senza che sia stato necessario scaricare un’app.

In caso di riscontro positivo sarà poi l’operatore sanitario, tramite un’interfaccia grafica dedicata e realizzata da Apple e Google, che potrà validare le chiavi temporanee che permettono all’utente di effettuare l’upload volontario dei codici randomici anonimi che lo hanno identificato nell’ultimo periodo: per la segnalazione da parte dell’utente è però necessaria l’applicazione di riferimento adottata dal proprio Stato che nel caso italiano è Immuni.

Smart NationApple e Google evolvono il sistema di notifiche da esposizione
Vai all'articolo

Cresce l’uso dell’app IO e aumenta il numero di identità digitali SPID attivate

No comments

Grazie al Bonus Vacanze per cui è necessario l’utilizzo dell’app IO, l’applicazione con cui è possibile accedere da smartphone a numerosi servizi della Pubblica Ammistrazione, aumenta il numero di cittadini in possesso dell’identità digitale SPID.

Il balzo, nel solo mese di luglio, ammonta alla ragguardevole cifra di un milione di identità digitali erogate: complessivamente, nel primo semestre del 2020 le identità digitali sono cresciute del 50% rispetto a fine 2019, raggiungendo un totale di 9 milioni di utenti attivi.

Lo sprint dell’ultimo periodo si deve certamente all’implementazione delle richieste di bonus tramite l’app IO e in particolare del Bonus Vacanze reso disponibile a partire dal 1 luglio scorso su iniziativa congiunta da parte del MiBACT e dell’Agenzia delle Entrate.

Il bonus è esigibile da chiunque ne abbia i requisiti fino al 31 dicembre 2020: è necessario che i nuclei familiari richiedenti abbiano un ISEE fino a 40.000 euro e utilizzino l’app IO per effettuare la richiesta.

Chiaramente l’uso dell’app IO prevede, come requisito, l’essere in possesso di un’identità digitale SPID o, in alternativa, dell’identità digitale integrata nella CIE tramite l’app CIEid.

Smart NationCresce l’uso dell’app IO e aumenta il numero di identità digitali SPID attivate
Vai all'articolo

L’INPS si prepara a sbarcare sull’app IO

No comments

I servizi della Pubblica Amministrazione sono destinati a passare direttamente negli smartphone degli utenti tramite l’app IO.

IO è l’applicazione, disponibile su App Store e Play Store, che il Governo ha pubblicato, attualmente in versione beta benché pienamente utilizzabile, per concentrare i servizi della PA nei dispositivi mobile degli utenti al fine di rendere più facile e fruibile il rapporto con la PA.

L’applicazione al momento eroga solo alcuni dei servizi che verranno rilasciati dalle varie PA, nazionali e locali: per questo motivo i cittadini non trovano ancora tutti i Comuni e tantomeno tutte le PA nazionali all’interno della lista degli Enti aderenti.

C’è, per esempio, ACI con il suo servizio di notifica e pagamento bollo auto come anche è possibile, sempre tramite l’app IO, riscattare il bonus vacanze.

Il prossimo Ente che si prepara ad essere presente sull’applicazione è l’INPS con parte dei propri servizi: l’obiettivo è uniformare l’esperienza utente garantendo al cittadino

Per gestire i servizi tramite app IO è necessario accedere tramite un’identità digitale SPID, ormai diffusa a più di 8 milioni di cittadini italiani, o attraverso alla CIE 3.0 e applicazione CIEid.

Maggiori dettagli nel commento al DL Semplificazioni sul blog del partito attualmente reggente il Dicastero del Ministero dell’Innovazione Tecnologica e della Digitalizzazione.

Smart NationL’INPS si prepara a sbarcare sull’app IO
Vai all'articolo

App IO, al via l’erogazione del Bonus vacanze

No comments

Da oggi 1 luglio è possibile accedere al Bonus vacanze, una misura del decreto Rilancio nata con l’intento di dare uno stmolo al turismo nazionale per fare uscire il settore dalla crisi seguita all’emergenza COVID-19.

Il turismo in Italia vale crica il 13% del PIL e il 14% dell’occupazione: una fetta consistente della produzione del sistema Paese che non può essere lasciata al suo destino.

Il provvedimento prevede, per le famiglie con ISEE al di sotto della soglia dei 40 mila euro, di chiedere un bonus da 500 euro se il nucleo è di almeno 3 persone, 300 euro con 2 persone e 150 euro per i single, per pagare strutture ricettive come alberghi, b&b o campeggi.

L’80% della misura si attua in uno sconto immediato mentre la restante parte arriva come detrazione con la dichiarazione reddituale.

Per richiedere il Bonus vacanze è necessario inoltrare la richiesta tramite “Io”, l’app per i servizi pubblici, accessibile tramite SPID o CIE: l’app infatti genera un codice qr da presentare alle strutture che aderiscono all’iniziativa.

Una guida completa è disponibile in un’apposita sezione dell’Agenzia delle Entrate oltre che ovviamente nella sezione dedicata del sito dell’app IO.

Ad oggi la misura è stata accolta con favore dalle famiglie, meno invece dagli esercenti che giudicano l’intervento poco incisivo per come è stato ideato.

Smart NationApp IO, al via l’erogazione del Bonus vacanze
Vai all'articolo