Telegram introduce i messaggi silenziosi e nuove funzioni per i gruppi

No comments

Telegram continua il miglioramento della propria applicazione confezionando un nuovo aggiornamento, particolarmente ricco di novità, destinato a rendere l’esperienza d’uso del servizio di messaggistica ancora più soddisfacente e versatile.

Da poche ore è infatti disponibile un insieme di funzioni che possono risultare estremamente utili per l’utente: prima fra tutte l’introduzione dei messaggi silenziosi.

Si tratta della possibilità da parte anche del mittente, e quindi non solo del destinatario, di disattivare la suoneria per uno specifico messaggio inviato.

Per attivare l’opzione è sufficiente tenere premuto sul tasto di invio e confermare il comando che apparirà contestualmente: è una funzione interessante nel caso in cui il mittente sappia che il destinatario non possa essere disturbato perché, per esempio, sta dormendo oppure è in un momento in cui un segnale sonoro risulterebbe sconveniente.

Viene poi introdotta la modalità lenta per i gruppi: si tratta di un nuovo potere per gli admin dei gruppi per una loro migliore gestione.

Infatti potrà essere impostata la frequenza di pubblicazione per ciascun membro di un gruppo limitando il numero di messaggi inviati, da un minimo di 30 secondi ad un massimo di 60 minuti.

Infine sono stati introdotti i titoli personalizzati per gli utenti, la riproduzione infinita degli adesivi animati e nuove emoji animate.

Maggiori informazioni sulla pagina ufficiale del blog di Telegram.

Smart NationTelegram introduce i messaggi silenziosi e nuove funzioni per i gruppi
Vai all'articolo

Camminaboschi, il patrimonio boschivo del Friuli Venezia Giulia è online

No comments

Nell’ambito delle celebrazioni per il 50° anniversario di fondazione del Corpo Forestale regionale del Friuli Venezia Giulia, grazie al coordinamento dal Centro didattico naturalistico di Basovizza insieme alle 27 stazioni forestali, è stata presentata una nuova guida che include un’app digitale georeferenziata per scoprire il patrimonio boschivo regionale.

Si tratta di Camminaboschi, un’applicazione accompagnata da una guida cartacea in grado di svelare contesti forestali e naturalistici unici tramite 27 itinerari presentati in diverse modalità di rappresentazione della mappa (stradale, aerea, OpenStreetMap, OpenTopMap) grazie al lavoro di Insiel che ne ha curato la piattaforma tecnologica.

L’applicazione, accessibile da tutti i tipi di dispositivi mobile ma anche desktop, fornisce la descrizione di ciascun itinerario che include il servizio di indicazione stradale con il punto di partenza e di arrivo del percorso scelto.

A corredo è prevista anche la segnalazione dei punti di interesse apprezzabili dall’escursionista attraverso schede con foto, servizi multimediali e l’altimetria del luogo.

La piattaforma è stata ideata per i cittadini del territorio e per i turisti interessati a temi ambientali: la localizzazione è in italiano ma è già prevista l’estensione multilingua.

La versione cartacea invece è in distribuzione gratuita nelle stazioni forestali regionali e negli Uffici per le relazioni con il pubblico (Urp) della Regione.

Maggiori informazioni nel comunicato di Regione FVG.

Smart NationCamminaboschi, il patrimonio boschivo del Friuli Venezia Giulia è online
Vai all'articolo

Amazon abbandona i propri Dash Button

No comments

Presentati come possibile soluzione al riordino veloce di prodotti ad alto consumo che si prestano ad essere immagazzinati in scorte, tipicamente cartucce per la stampante, detergenti, detersivi o alimentari, gli Amazon Dash Button hanno rappresentato una novità molto interessante nelle soluzioni IoT domestiche.

Il loro funzionamento era semplice: dopo una rapida configurazione collegandoli al proprio account Amazon era possibile semplicemente con il tocco del tasto inviare una richiesta di riordino per un dato articolo precedentemente indicato.

Gli Amazon Dash Button potevano essere apposti in prossimità del luogo in cui utilizzare i prodotti, come per esempio la lavatrice nel caso dei detersivi, e da lì provvedere agli acquisti qualora le scorte fossero state in rapido esaurimento.

Dei Dash Button ne avevamo parlato in questo articolo nel momento in cui erano sbarcati in Italia ma da allora le cose sono cambiate: con la rapida diffusione degli smart speaker e di altre tipologie di riordino veloce, Amazon ha deciso di interrompere il progetto a partire dal prossimo 31 agosto.

Lo stop alle vendite era arrivato all’inizio del 2019 in forza di altre opzioni di acquisto quali Virtual Dash Button, Dash Replenishment, Alexa Shopping e Iscriviti e Risparmia: da fine mese i clienti non saranno più in grado di effettuare ordini tramite i pulsanti fisici a livello globale.

Sarà però ancora possibile continuare a utilizzare quelli virtuali, sul sito e app, con i Button già creati per replicare gli esistenti.

Smart NationAmazon abbandona i propri Dash Button
Vai all'articolo

Il Comune di Bergamo sceglie il digitale per contrastare i furti di biciclette

No comments

I furti di biciclette sono un problema sostanziale specie per i Comuni che incentivano la mobilità sostenibile per contrastare l’inquinamento e le conseguenze che porta un uso indiscriminato di auto e moto non elettriche.

Infatti, con un furto di biciclette ogni trenta secondi stando alle statistiche nazionali, il cittadino perde lo stimolo ad un comportamento funzionale ai bisogno della città e della comunità: è quindi dovere delle Amministrazioni trovare delle risposte per diffondere la volontà di ricorrere all’uso delle biciclette.

In tale direzione si è concretizzata l’azione del Comune di Bergamo che segue i Comuni di Rimini, Cortina d’Ampezzo e Jesolo – di cui abbiamo parlato – scegliendo una soluzione tecnologica per contrastare il fenomeno dei furti di biciclette.

Bikebee, la piattaforma digitale prescelta, permette di certificare la proprietà della propria bici con pochissimi clic: in questo modo la propria bicicletta viene registrata in un apposito registro digitale che ha la comodità di poter consentire il riconoscimento su tutto il territorio, comunale e nazionale qualora venga rubata.

I Comuni aderenti, fra cui appunto quello di Bergamo, sono dotati di un sito responsive e una app per Android e iOS personalizzabili con le proprie informazioni.

Smart NationIl Comune di Bergamo sceglie il digitale per contrastare i furti di biciclette
Vai all'articolo

Google Earth celebra i 50 anni dall’allunaggio

No comments

In occasione del cinquantesimo anniversario dallo sbarco sulla Luna, avvenuto il 20 luglio 1969 con la missione Apollo 11, Google ha predisposto una serie di novità tramite la propria piattaforma Google Earth.

L’obiettivo è quello di far rivivere la storica missione, ripercorrendone i momenti salienti, attraverso una serie di animazioni della Luna e di Marte ma anche tramite una presentazione animata con cui scoprire alcuni dei retroscena di Apollo 11.

Google Earth infatti permette di illustrare gli eventi e delle tappe che hanno permesso la riuscita della missione: dal discorso di John F. Kennedy fino alle fasi dell’allunaggio da parte di Neil Armstrong.

La presentazione ovviamente propone scatti satellitari e immagini virtuali della Luna e della Terra insieme ad una panoramica dei progetti della Nasa: le foto sono esplorabili in 3D ed è presente del materiale che ricostruisce inoltre le imprese di dieci degli astronauti che hanno scritto la storia dell’esplorazione spaziale a partire dai successi del russo di Yuri Gagarin.

Smart NationGoogle Earth celebra i 50 anni dall’allunaggio
Vai all'articolo

StorySign, l’app per i bambini non udenti espande il proprio catalogo di libri

No comments

Huawei annuncia oggi la disponibilità in Italia di due nuovi contenuti per la libreria di StorySign, l’app che ricorre all’intelligenza artificiale per consentire ai bambini non udenti un’esperienza di lettura semplificata.

Imparare a leggere per un bambino sordo infatti può essere più difficoltoso rispetto ad un bambino normodotato: la difficoltà risiede nella corrispondenza tra i suoni e i grafemi di questi suoni.

Ed è qui che interviene StorySign grazie ad uno speciale sistema di traduzione in tempo reale che permette di convertire i libri nel linguaggio dei segni.

Tutte le storie dei libri presenti su StorySign sono raccontate da un avatar animato: per utilizzare StorySign basta inquadrare con il dispositivo il libro desiderato perché l’avatar cominci a tradurre in lingua dei segni le pagine.

Disponibile in 11 lingue dei segni differenti, fra cui l’italiano, StorySign mette a disposizione da oggi due nuovi titoli: Questo (non) è un leone di Ed Vere e Il tuo amico Spotty di Eric Hill si aggiungono a Tre Piccoli Coniglietti di Beatrix Potter.

Con circa 32 milioni al mondo di bambini sordi nati prevalentemente da genitori udenti, Huawei cerca di aiutare l’integrazione dei piccoli non udenti anche in relazione al fatto che nel 48% dei casi i genitori non ha alcuna conoscenza della lingua dei segni e che un bambino sordo impiega poco meno del doppio di un bambino udente per completare una lettura con i propri genitori.

Inoltre Huawei per contribuire ulteriormente ad aiutare la comunità sorda ha effettuato una donazione di 500.000 dollari per sostenere numerosi progetti che avranno un impatto concreto sulla comunità.

Di StorySign avevamo già parlato al momento del suo lancio.

Smart NationStorySign, l’app per i bambini non udenti espande il proprio catalogo di libri
Vai all'articolo

Il Comune di Jesolo adotta il digitale per certificare la proprietà della biciclette

No comments

Le statistiche sono impietose: si calcola che ad oggi venga effettuato un furto di bicicletta ogni trenta secondi e questo è tanto più grave quanto la società tende ad abbracciare sempre più consapevolmente sistemi di mobilità integrata e alternativa che facciano ampio ricorso alle due ruote ecologiche.

Per questo motivo alcuni Comuni come Rimini e Cortina d’Ampezzo hanno abbracciato soluzioni digitali in grado di aiutare i cittadini a tutelare il proprio mezzo di trasporto tramite un sistema che consente, in pochi clic, di certificare la proprietà della propria bici.

La due ruote entra quindi a far parte di un registro digitale che ha la comodità di poter consentire il riconoscimento su tutto il territorio, comunale e nazionale in relazione all’infausta eventualità che venga sottratta al legittimo proprietario.

Il sistema si chiama Bikebee e i Comuni aderenti possono contare su un sito responsive e una app per Android e iOS che il Comune può personalizzare con le proprie informazioni.

Smart NationIl Comune di Jesolo adotta il digitale per certificare la proprietà della biciclette
Vai all'articolo

A2A Energia adotta Plick come soluzione digitale per le operazioni di rimborso

No comments

A2A Energia ha inserito fra i servizi dedicati ai propri clienti un’innovazione che consente di ottenere i rimborsi direttamente sul conto corrente tramite cellulare o indirizzo e-mail senza la necessità di installare alcuna applicazione e senza domiciliazione bancaria.

Tramite Plick, un servizio digitale integrato grazie ad una collaborazione con UniCredit, il cliente che deve ottenere un rimborso può, in pochi passaggi, trasformare una nota di credito in un bonifico diretto su conto corrente: lo strumento digitale infatti consente alle aziende di disporre i pagamenti destinati a un grande numero di soggetti lasciando al beneficiario la scelta del conto su cui essere accreditato e potendo raggiungere un qualunque beneficiario in Area SEPA.

Per riscuotere un credito da A2A Energia è quindi sufficiente accedere all’Area Clienti del sito, selezionare Plick come modalità di rimborso e scegliere il contatto preferito tra indirizzo e-mail e numero di cellulare.

Il cliente riceverà un messaggio con alcune semplici indicazioni per completare la procedura di rimborso che sarà accreditato con la prima data valuta utile, senza doversi recare in banca.   

Smart NationA2A Energia adotta Plick come soluzione digitale per le operazioni di rimborso
Vai all'articolo

Amazon Prime Day, al via la due giorni di offerte

No comments

Le offerte di Amazon riservate ai clienti Amazon Prime sono di nuovo attive per l’Amazon Prime Day che in realtà dura due giorni.

Si tratta di un periodo promozionale in cui Amazon propone ai propri affezionati clienti abbonati al servizio Amazon Prime una serie di offerte che risultano particolarmente appetibili al punto da innescare dei veri e propri record giornalieri di vendite sul proprio e-commerce.

Le offerte riguardano tutti i principali settori merceologici con scontistiche davvero appetibili e variabili nella due giorni.

Alcune sono disponibili fino alla fine di domani mentre altre valgono solo per oggi, lunedì: di queste alcune andranno avanti per tutto il giorno, altre solo per qualche ora, con la possibilità che i prodotti scontati vadano velocemente ad esaurirsi.

Per poter approfittare delle offerte dedicate è possibile utilizzare un servizio di notifica ideato appositamente per rendere all’utente la vita più semplice: è sufficiente scaricare Amazon Assistant che invia notifiche direttamente sul browser del PC o alternativamente scaricare l’app di Amazon.

smartnationAmazon Prime Day, al via la due giorni di offerte
Vai all'articolo

Google potenzia il proprio traduttore istantaneo per smartphone

No comments

Google ha lanciato un interessante aggiornamento per la propria soluzione di traduzione istantanea integrata che sfrutta tecnologie come la realtà aumentata e l’intelligenza artificiale per tradurre svariate tipologie di contenuti nel mondo reale: in particolare la piattaforma consente di leggere nella propria lingua insegne, cartelli stradali e menu quando ci si trova all’estero.

La funzione, già operativa da diversi mesi, è stata ulteriormente potenziata aggiungendo altre 60 lingue, dall’arabo al vietnamita, per un totale di 88 idiomi supportati.

A prescindere dalla propria posizione, sarà quindi sufficiente inquadrare, dopo avere attivato l’app di Google Translate, la scritta che si intende tradurre tramite la fotocamera dello smartphone per vederla comparire nella propria lingua.

A questo si aggiunge la localizzazione nativa dell’app Google Translate, in italiano Google Traduttore, che è ora disponibile in oltre 100 lingue con la possibilità di tradurre dall’arabo al francese o dal giapponese al cinese, ad esempio, e ovviamente da qualsiasi lingua all’italiano.

L’app automaticamente è in grado di riconoscere l’idioma e provvedere alla traduzione tramite la funzione rileva lingua.

Maggiori dettagli sul blog ufficiale di Google.

Smart NationGoogle potenzia il proprio traduttore istantaneo per smartphone
Vai all'articolo