I Comuni del Trentino sempre più connessi grazie alla fibra ottica e alla tecnologia FWA

No comments

Con Ala, Carzano, Comano Terme, Fiavè, Mori e Porte di Rendena sono arrivati a quota 11 i Comuni del Trentino appartenenti alle aree bianche, quelle così chiamate perché a fallimento di mercato, che sono stati connessi nelle ultime settimane alla rete in fibra ottica FTTH di Open Fiber.

Attualmente sono 57 i Comuni del Trentino complessivamente cablati tramite infrastruttura a banda ultra larga per una copertura totale di 46mila utenti che possono rivolgersi agli operatori convenzionati con Open Fiber per rivendere il servizio.

Si tratta di un notevole risultato per il territorio anche in considerazione della diffusione della connettività FWA (Fixed Wireless Access) basata sulla tecnologia radio per collegare le utenze che, per collocazione in zone decentrate e poco servibili, risultano impossibilitate ad essere collegate tramite fibra ottica.

Fa i Comuni collegati in FWA vi sono Roncegno Terme, Borgo Valsugana, Brentonico, Ronchi Valsugana e Torcegno ma i progetto in corso riguardano 37 Comuni di cui 33 sono già stati conclusi anche grazie al supporto di Trentino Digitale, la società pubblica focalizzata sulla trasformazione digitale del territorio trentino.

Smart NationI Comuni del Trentino sempre più connessi grazie alla fibra ottica e alla tecnologia FWA
Vai all'articolo

Dolomiti, TIM porta in alta quota la connessione via satellite

No comments

Si tratta del primo caso, in Italia, di connessione in alta quota: a quasi 3.000 metri di altitudine è ora possibile beneficiare della connettività veloce tramite collegamento satellitare.

Protagonista dell’iniziativa è TIM che ha portato la banda ultralarga nl Rifugio Boé, un rifugio montano del Comune di Canazei a 2.873 metri di altezza sul versante delle Dolimiti del Trentino Alto-Adige.

La connettività è garantita dal satellite Konnect di Eutelsat che TIM utilizza in esclusiva sul territorio italiano come soluzione per portare la connettività nelle zone più impervie del Paese come testimonia la connessione del rifugio dolomitico.

L’intervento realizzato, reso possibile anche dalla collaborazione con Dolomites Network, è considerato un capolavoro tecnico in relazione al profilo orografico del territorio e la difficile situazione logistica del rifugio che è situato al centro del Gruppo montuoso del Sella.

La connettività è pienamente operativa con capacità di download pari a 50Mb al secondo, un traguardo importante considerando le caratteristiche della zona.

Maggiori informazioni nel comunicato di TIM.

Smart NationDolomiti, TIM porta in alta quota la connessione via satellite
Vai all'articolo

Il Comune di Pinerolo sigla la convezione con Open Fiber per la nuova rete in fibra ottica

No comments

Il Comune di Pinerolo ha sottoscritto l’accordo che lega la città piemontese con Open Fiber per il cablaggio del territorio comunale tramite la nuova rete in fibra ottica in modalità FTTH che punta a collegare, a fronte di un investimento complessivo di circa 5 milioni di euro, ben 14mila immobili fra case, imprese ed Enti pubblici.

La collaborazione è stata avviata per portare la città ai piedi delle Alpi Cozie nel futuro della connettività veloce attraverso un’infrastruttura di rete performante che, in circa 18 mesi, punterà alla copertura dell’intero territorio dell’Amministrazione di Pinerolo.

I lavori verranno avviati immediatamente e inizieranno dall’area nord est della cittadina dove verrà installata la centrale che accenderà l’intera rete cittadina.

Come nei precedenti interventi, le opere di scavo e ripristino per la posa della fibra, che si svilupperanno per circa 90 chilometri, terranno conto di logiche di riuso di cavidotti e reti sotteranee o aree esistenti: eventuali nuovi scavi saranno condotti privilegiando modalità innovative a basso impatto ambientale.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa di Open Fiber.

Smart NationIl Comune di Pinerolo sigla la convezione con Open Fiber per la nuova rete in fibra ottica
Vai all'articolo

A Bassano del Grappa arriva la fibra ottica di Open Fiber

No comments

Con un piano di investimento di 5 milioni di euro Open Fiber avvia a Bassano del Grappa i lavori per connettere almeno 16mila unità immobiliari con la fibra ottica in modalità FTTH.

L’intesa con l’Amministrazione bassanese è stata raggiunta per un rilascio a fasi progressive che termineranno nel 2022: inizialmente verranno interessati dal cablaggio in fibra ottica i quartieri di Santa Croce, San Bassiano, San Lazzaro, Merlo, Firenze e Pré.

Il piano, a regime, prevede la realizzazione di un’infrastruttura di 170 chilometri e la copertura complessiva di 16mila unità immobiliari anche grazie alla collaborazione degli amministratori condominiali che verranno progressivamente coinvolti durante l’espansione nei vari quartieri cittadini.

In programma il cablaggio anche di 30 edifici di pubblico interesse come le scuole di ogni ordine e grado, comprese le scuole dell’infanzia, nonché l’ufficio tecnico, il Municipio e la sede della Polizia locale.

Più dell’85% del piano di cablaggio prevede il riuso di cavidotti e reti sotterranee privilegiando modalità innovative e a basso impatto ambientale anche laddove siano necessari gli scavi.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa di Open Fiber.

smartnationA Bassano del Grappa arriva la fibra ottica di Open Fiber
Vai all'articolo

Aosta, cresce la rete in fibra ottica di Open Fiber

No comments

Il programma di posa della rete in fibra ottica FTTH di Open Fiber nella città di Aosta si sviluppa in modo sempre più capillare: dal prossimo mese e fino a fine anno è prevista un’accelerazione nel piano di posa con anche un piano di ripristini definitivi di circa 9.000 metri quadrati di strade attraversate dalla fibra ottica e da riasfaltare.

Le unità immobiliari già cablate con una connettività in fibra ottica fino a 1 Gigabit al secondo sono pari a 5mila unità nella Zona Est e nella parte Sud del centro storico: il completamento delle opere è previsto, per la nuova infrastruttura in fibra ottica FTTH, entro il 2022 con un investimento pari a 5 milioni di euro.

La connettività di Open Fiber permette di erogare servizi innovativi senza rallentamenti come lo streaming online, la didattica a distanza, lo smart working ma anche i servizi pubblici evoluti come la telesorveglianza della città o l’illuminazione urbana intelligente.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa di Open Fiber.

Smart NationAosta, cresce la rete in fibra ottica di Open Fiber
Vai all'articolo

Open Fiber porta la connettività a 10 Gbps

No comments

Open Fiber fa un balzo in avanti e propone, per la propria rete, un sostanziale incremento di velocità: da oggi gli operatori commerciali convenzionati possono commercializzare una connettività a ben 10 Gbps, 10 volte il picco di 1 Gbps precedentemente disponibile.

La rete di Open Fiber è disponibile agli utenti privati tramite la rivendita del servizio da parte degli operatori di telecomunicazioni che acquistano a loro volta la connettività da Open Fiber che si occupa semplicemente di posare e gestire l’infrastruttura di telecomunicazioni.

Il nuovo servizio prevede la fornitura di accesso broadband XGS-PON a 10 Gigabit simmetrici sull’infrastruttura di accesso FTTH che consente di portare direttamente a casa e in ufficio una connessione di pari velocità sia in downstream che in upstream.

La sperimentazione del servizio è iniziata oltre due anni e, ad esito positivo, è stato sufficiente predisporre gli aggiornamenti a terminale senza ulteriori interventi invasivi.

Essendo un operatore wholesale-only, Open Fiber mette a disposizione questa innovazione a tutti gli operatori convenzionati che, ad oggi, raggiungono oltre 11 milioni di unità immobiliari sul territorio nazionale.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa di Open Fiber.

Smart NationOpen Fiber porta la connettività a 10 Gbps
Vai all'articolo

La Puglia è la prima regione italiana a risolvere il digital divide infrastrutturale

No comments

Non senza sorpresa in relazione alle previsioni è la Puglia ad essere la prima regione d’Italia ad ultimare le attività che consentono di azzerare il digital divide per questioni infrastrutturali.

Si è infatti concluso in questi giorni il piano di copertura in banda ultralarga attraverso la rete FTTx (ovvero con tecnologie FTTC fino a 200 Mbps e FTTH fino a 1 Gigabit/s) da parte di TIM che tocca il 99,4% delle famiglie che utilizzano la rete fissa mentre il restante 0,6% viene coperto attraverso connessioni ultrabroadband FWA o satellitari.

Si tratta di un risultato storico che consente a cittadini e imprese pugliesi di accedere alle tecnologie di ultima generazione nonostante i problemi dettati dalla fase emergenziale legata alla pandemia.

Ad oggi sono stati realizzati interventi infrastrutturali in circa 200 Comuni pugliesi per costruire nuove reti o ammodernare e ampliare quelle esistenti al fine di poter spegnere la rete in rame (RTG) e migrare completamente tutta la connettività su rete a banda larga.

Smart NationLa Puglia è la prima regione italiana a risolvere il digital divide infrastrutturale
Vai all'articolo

A Trapani Open Fiber connette le prime unità immobiliari con la fibra ottica

No comments

A Trapani oltre 12mila unità immobiliari risultano ad oggi connesse alla rete veloce, fino a 1 Gigabit per secondo, di Open Fiber: dopo pochi mesi dall’avvio dei cantieri è stata aperta la prima fase di commercializzazione della fibra ottica FTTH in diverse zone della città.

I lavori a Trapani sono frutto di un investimento di circa 8 milioni di euro e permettono di realizzare un’infrastruttura di circa 126 chilometri di rete grazie al fattivo supporto del Comune di Trapani che ha contribuito a velocizzare la realizzazione dei vari cantieri in città.

Il piano prevede, alla sua conclusione, la copertura di 23mila tra case, negozi e uffici in modalità FTTH.

Grazie ai servizi garantiti dalla connettività di Open Fiber è possibile potenziare lo smart working, la didattica a distanza, i servizi e-health ma anche le opportunità tipiche della smart city.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa di Open Fiber.

Smart NationA Trapani Open Fiber connette le prime unità immobiliari con la fibra ottica
Vai all'articolo

Il portale dedicato al Piano BUL propone nuove funzionalità

No comments

Dopo aver pubblicato il nuovo sito alcuni mesi fa, il portale del Piano BUL si arricchisce di nuove funzionalità grazie all’impegno di Infratel Italia che continua l’implementazione di funzioni affinché i cittadini possano accedere in maniera trasparente e veloce ad un numero significativo di informazioni e dati.

Tra le recenti migliorie figura il nuovo motore del bot presente sul sito a cui si affianca l’accesso anche tramite gli altri canali tra cui Facebook Messenger, l’Assistente vocale Google e Alexa e Telegram.

Sempre sul portale viene aggiornata la mappa interattiva per visualizzare lo stato dei lavori per comune interessato dal piano, identificando velocemente le sezioni sub-comunali delle città italiane più grandi, i tracciati e la posizione delle tratte in fibra e le unità immobiliari raggiunte.

Chiaramente è stato implementato anche l’aggiornamento dei dati di copertura del territorio nazionale al settembre 2020 e, tramite una dashboard unica nel suo genere, è stata sviluppata una sintesi grafica che permetta di comprendere velocemente i risultati conseguiti e gli obiettivi di completamento del piano.

Inoltre è stata integrata anche la Dashboard Voucher con aggiornamenti quotidiani sui fondi prenotati, i voucher attivati ed i fondi residui per Regione.

I lavori sono stati eseguiti dal Dipartimento Ingegneria e Data Integration di Infratel Italia in collaborazione con Accurat.

Smart NationIl portale dedicato al Piano BUL propone nuove funzionalità
Vai all'articolo

Al via il tour digitale dedicato al Piano BUL

No comments

Iniziano oggi ufficialmente da Matera gli incontri territoriali dedicati al Piano Banda Ultra Larga: si tratta di una serie di attività divulgative e di confronto per la diffusione della potenzialità della banda ultralarga e il rafforzamento della capacità amministrativa in ambito locale, coerente con la strategia individuata dal Governo.

Sono cinque gli appuntamenti online calendarizzati con l’obiettivo di sensibilizzare e informare imprese, operatori economici e cittadini sulle opportunità offerte dalla banda ultralarga: fra queste soprattutto la capacità di abilitare l’adozione di servizi innovativi.

Gli appuntamenti, dopo quello odierno di Matera, prevedono le tappe di Bari, il 5 novembre, Ancona, il 18 novembre, Catania, il 30 novembre, e infine Napoli il 15 dicembre.

Smart NationAl via il tour digitale dedicato al Piano BUL
Vai all'articolo