Torino, al via il nuovo sistema di pagamento contactless per i trasporti pubblici

No comments

Il Comune di Torino ha lanciato il nuovo sistema di pagamento contactless per la propria rete di trasporto pubblico: il servizio è già attivo sulla rete viaria metropolitana e sulle linee urbane 18, 55, 56 e 68 gestite da GTT, l’azienda dei trasporti cittadina.

Progressivamente è prevista l’estensione all’intera rete cittadina per consentire alla città di allinearsi agli standard europei.

Il nuovo sistema permette di pagare biglietti dei mezzi e ingressi alla metro con tutte le carte di pagamento dei circuiti Mastercard e Visa, siano essere carte di credito, prepagate o carte di debito come anche effettuare gli acquisti con PayPal sul sito E-Commerce GTT.

L’innovativa struttura di pagamento è stata possibile grazie al supporto tecnico di Intesa Sanpaolo e Nexi che hanno già seguito la realizzazione tecnica, lato pagamenti, per le aziende dei trasporti di Milano e Roma.

Smart NationTorino, al via il nuovo sistema di pagamento contactless per i trasporti pubblici
Vai all'articolo

Milano ospita il primo distributore automatico cashless

No comments

La rivoluzione digitale avanza inesorabile e i sistemi di pagamento evoluti si diffondono progressivamente anche in quegli ambiti dove il ricorso alle monete sembra essere una strada obbligata: è il caso del mondo della distribuzione automatica, le cosìddette vending machine.

A Milano, sulla pensilina del Passante Ferroviario di Porta Venezia, è stato infatti appena installato il primo distributore automatico interamente digitale e cashless: gli utenti possono acquistare i prodotti distruibiti solo grazie all’uso di carta di credito, carta di debito o con i sistemi di pagamento digitale via smartphone.

Le monete per acquistare bevande e snack sono inutilizzabili.

L’innovazione è frutto di una partnership fra l’azienda italiana Serim, specializzata nell’installazione di vending machine, Nescafé e Satispay.

Il sistema è completamente cashless ma soprattutto è contactless: ogni transazione si effettua in modo velocissimo anche perché i pagamenti solitamente sono inferiori ai 25 euro, soglia per cui non è prevista un’autorizzazione addizionale.

La rimozione dell’uso di contante porta anche alla soluzione di problemi di inceppamento, di mancata erogazione e soprattutto di resto: la transazione avviene solo quando il prodotto è stato effettivamente erogato e la vending machine non deve essere svuotata o rifornita periodicamente di monete. Grazie all’inaugurazione di questo nuovo servizio è inoltre possibile avviare un periodo di studio e sperimentazione destinato a raccogliere i dati di comportamento dei clienti per capire come diffondere l’opportunità delle vending machine cashless negli altri luoghi della città e del territorio italiano.

Smart NationMilano ospita il primo distributore automatico cashless
Vai all'articolo

Borgofuturo, a Ripe San Ginesio sono protagonisti i pagamenti cashless

No comments

Borgofuturo, la manifestazione dedicata alla sostenibilità giunta ormai alla sua sesta edizione, introduce un primato per il Comune che la ospita: Ripe San Genisio infatti diventa il primo borgo di tutta Italia completamente cashless.

Per l’occasione, grazie all’intervento di SumUp, il piccolo Comune di 800 abitanti si trova ad avere completamente automatizzati i sistemi di pagamento di tutti i propri servizi.

Tramite i lettori di carte SumUp Air, i bar, i negozi di artigianato e gli stand enogastronomici di Ripe San Ginesio sono in grado di offrire ai visitatori la possibilità di pagare con carte contactless e chip&pin o direttamente con lo smartphone, tramite Apple Pay o Google Pay.

L’iniziativa, che risponde ad un’espressa vocazione ambientale, si inserisce nel piano di tutela e conservazione dell’ambiente che vede la raccolta differenziata ad una copertura del 75%, la presenza di un impianto fotovoltaico che produce più della metà del fabbisogno di energia elettrica delle utenze comunali, scuola comunale ad alta efficienza energetica e solare termico che produce acqua calda per la palestra e per l’asilo nido.

L’interesse per la tutela dell’ambiente ha fatto si che durante la manifestazione di Borgofuturo vengano sserviti cibi a km 0, utilizzate solo stoviglie biodegradabili e sia attivato un servizio di carpooling.

Gli spettacoli sono a basso impatto ambientale e i giochi per bambini sono stati realizzati con materiale di riciclo e di recupero; in più le transazioni cashless permetteranno di abbattere l’impatto ambientale di ogni transazione che è pari a 4,6 g di Co2 equivalenti (Co2e).

smartnationBorgofuturo, a Ripe San Ginesio sono protagonisti i pagamenti cashless
Vai all'articolo