L’INPS si prepara a sbarcare sull’app IO

No comments

I servizi della Pubblica Amministrazione sono destinati a passare direttamente negli smartphone degli utenti tramite l’app IO.

IO è l’applicazione, disponibile su App Store e Play Store, che il Governo ha pubblicato, attualmente in versione beta benché pienamente utilizzabile, per concentrare i servizi della PA nei dispositivi mobile degli utenti al fine di rendere più facile e fruibile il rapporto con la PA.

L’applicazione al momento eroga solo alcuni dei servizi che verranno rilasciati dalle varie PA, nazionali e locali: per questo motivo i cittadini non trovano ancora tutti i Comuni e tantomeno tutte le PA nazionali all’interno della lista degli Enti aderenti.

C’è, per esempio, ACI con il suo servizio di notifica e pagamento bollo auto come anche è possibile, sempre tramite l’app IO, riscattare il bonus vacanze.

Il prossimo Ente che si prepara ad essere presente sull’applicazione è l’INPS con parte dei propri servizi: l’obiettivo è uniformare l’esperienza utente garantendo al cittadino

Per gestire i servizi tramite app IO è necessario accedere tramite un’identità digitale SPID, ormai diffusa a più di 8 milioni di cittadini italiani, o attraverso alla CIE 3.0 e applicazione CIEid.

Maggiori dettagli nel commento al DL Semplificazioni sul blog del partito attualmente reggente il Dicastero del Ministero dell’Innovazione Tecnologica e della Digitalizzazione.

Smart NationL’INPS si prepara a sbarcare sull’app IO
Vai all'articolo

L’Istituto Poligrafico Zecca dello Stato estende la disponibilità di CIEid a tutti i dispositivi

No comments

La CIE, la nuova Carta d’Identità Elettronica che i cittadini possono richiedere in sostituzione del precedente documento di identità, si presta a identificare i cittadini anche tramite il digitale.

Molti ignorano infatti che è possibile effettuare l’accesso sui portali della Pubblica Amministrazione anche con la CIE tramite il proprio smartphone: chiaramente deve la PA interessata deve consentire questa opportunità al pari dell’accesso con SPID.

Uno dei limiti più grandi alla diffusione di questa modalità di autenticazione risiedeva nello smartphone: come avevamo precedentemente indicato infatti, gli unici dispositivi ad supportare questa metodologia erano quelli con sistema operativo Android che potevano scaricare l’app CIEid rilasciata dall’Istituto Poligrafico Zecca dello Stato.

Ora però anche i titolari di dispositivi iOS possono scaricare una versione dell’app: tutti i 15 milioni di cittadini che già possiedono una CIE hanno dunque l’opportunità di autenticarsi in sicurezza ai servizi digitali di pubbliche amministrazioni.

Maggiori informazioni nel comunicato dell’Istituto Poligrafico Zecca dello Stato.

Smart NationL’Istituto Poligrafico Zecca dello Stato estende la disponibilità di CIEid a tutti i dispositivi
Vai all'articolo