Storie di Risorgimento Digitale, al via la serie dedicata al digitale di TIM e RaiPlay

No comments

Dalla collaborazione fra l’iniziativa Operazione Risorgimento Digitale di TIM e RaiPlay nasce Storie di Risorgimento Digitale, una serie tv con otto descrizioni delle esperienze di persone e strutture pubbliche e private che hanno trovato nel digitale un alleato per contrastare le problematiche indotte dalla pandemia.

Ciascuno dei documentari dura 25 minuti e racconta come le nuove tecnologie hanno comportato notevoli vantaggi alle aziende che hanno deciso di ricorrervi per mitigare i danni indotti dal Covid-19 all’economia e alla filiera produttiva.

L’intento è ovviamente divulgativo, ossia cercare di far aumentare il numero di persone che siano indotte ad acquisire o migliorare le proprie competenze digitali ma anche accelerare il processo di trasformazione digitale della società.

Maggiori informazioni nel comunicato di TIM.

Smart NationStorie di Risorgimento Digitale, al via la serie dedicata al digitale di TIM e RaiPlay
Vai all'articolo

TIM e Confesercenti Milano insieme per sviluppare le competenze digitali delle imprese

No comments

TIM e Confesercenti Milano hanno raggiunto un accordo per aiutare le piccole e medie imprese del territorio a sviluppare le necessarie competenze digitali per affrontare le sfide tecnologiche del presente ma soprattutto del futuro.

Tramite una serie di iniziative di formazione che hanno l’obiettivo di creare nuove opportunità di business, le imprese del territorio lombardo potranno, sfruttando le nuove tecnologie, affrontare tematiche utili per efficientare il proprio modo di lavorare e aprirsi al mondo online.

I due partner inizieranno ad organizzare una serie di eventi dedicati al tema della trasformazione digitale con inoltre la possibilità di fruire di contenuti formativi da remoto on demand.

Un capitolo viene dedicato all’accesso ai finanziamenti europei, anche nell’ambito delle attività che saranno promosse dai Poli Europei di innovazione digitale.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa di TIM.

Smart NationTIM e Confesercenti Milano insieme per sviluppare le competenze digitali delle imprese
Vai all'articolo

DESI 2021, l’Italia migliora e sale nella classifica

No comments

L’edizione 2021 del DESI, l’indice di digitalizzazione dell’economia e della società stilato dall’Europa, vede un balzo in avanti da parte dell’Italia che passa dal 25mo posto dell’edizione 2020 al 20mo posto su 27 Stati membri dell’Unione Europea.

L’incremento nel processo di trasformazione digitale del nostro Paese è sicuramente apprezzabile ma purtroppo c’è una nota dolente: l’Italia è ancora al palo per quanto riguarda il capitale umano ponendosi agli ultimi posti rispetto ad altri paesi dell’UE.

Il DESI 2021, rispetto alle edizioni precedenti, è stato rivisto per rispecchiare le iniziative collegate alla digitalizzazione indotte dalle norme per per la ripresa e la resilienza e la bussola per il decennio digitale.

C’è stata una semplificazione degli indicatori, che ora sono 4, e l’Italia risulta purtroppo ancora al 25mo posto per capitale umano: solo il 42% delle persone di età compresa tra i 16 e i 74 anni è dotata di competenze digitali di base contro il 56% della media UE e solo il 22% ha competenze digitali avanzate rispetto al 31% della media UE.

Maggiori dettagli nel report completo DESI 2021 in lingua italiana.

Smart NationDESI 2021, l’Italia migliora e sale nella classifica
Vai all'articolo

Scuola di Internet per Tutti, TIM e il Comune di Genova insieme per le competenze digitali dei cittadini

No comments

TIM e il Comune di Genova, in collaborazione con la Fondazione Mondo Digitale, lanciano un progetto di formazione digitale per i cittadini del territorio con lo specifico obiettivo di diffondere l’identità digitale SPID tra i residenti e potenziare la fruizione del Fascicolo del Cittadino, il centro nevralgico dei servizi online per la popolazione residente.

Il progetto, dedicato a persone di ogni età senza specifiche competenze digitali di base, è studiato per far comprendere ai cittadini come le applicazioni e i servizi digitali possano semplificare la vita quotidiana: si tratta, nella pratica, di un’evoluzione del corso Migliorare la vita con il Digitale.

Dal 16 novembre verranno presentati, a distanza di una settimana uno dall’altro, due incontri focalizzati rispettivamente il primo sull’attivazione e sull’uso di SPID mentre il secondo sull’accesso e fruizione del Fascicolo del Cittadino, punto unico per accedere ai servizi online del Comune di Genova e visualizzare le pratiche e documenti in modo semplice e veloce.

I partecipanti agli incontri, che sono ovviamente gratuiti, saranno sollecitati a compiere delle azioni pratiche per testimoniare l’avvenuto apprendimento: dopo il primo incontro verranno invitati ad attivare un’identità digitale SPID per poi utilizzarla fruendo dell’area personale del Fascicolo del Cittadino.

Per iscriversi è sufficiente seguire le istruzioni nella pagina dedicata.

Maggiori dettagli nel comunicato del Comune di Genova.

Smart NationScuola di Internet per Tutti, TIM e il Comune di Genova insieme per le competenze digitali dei cittadini
Vai all'articolo

Connessioni Digitali, Save the Children e Crédite Agricole insieme per lo sviluppo delle competenze digitali degli studenti

No comments

Nasce Connessioni Digitali, il nuovo progetto di lungo termine di Save the Children e Crédite Agricole ideato per sviluppare le competenze digitali degli studenti delle scuole secondarie di primo grado in tutta Italia.

L’iniziativa parte con la collaborazione di 100 scuole diffuse soprattutto nei territori più svantaggiati per rappresentare un elemento di contrasto alla povertà educativa digitale.

Quasi un quinto dei ragazzi non è in grado di eseguire semplici operazioni utilizzando gli strumenti informatici senza contare la scarsa disponibilità di dispositivi come tablet e computer desktop: quasi 1 ragazzo su 3 non possiede un tablet e 1 su 7 nemmeno un PC.

Le scarse competenze digitali di base si riflettono anche sull’inadeguatezza di provvedere ad una serie di attività piuttosto centrali come la definizione di password sicure per complessità, la tutela della propria privacy online tramite l’utilizzo delle opzioni messe a disposizione dai vari siti e software utilizzati o ancora la capacità di riconoscere le fake news e la disinformazione online.

Tramite Connessioni Digitali si intende, nell’arco di tre anni, formare circa 6.000 studenti tra i 12 e i 14 anni, e circa 250 docenti fornendo le competenze digitali tramite la creazione di prodotti comunicativi, anche grazie all’allestimento nelle scuole, di apposite newsroom crossmediali.

Il progetto si avvale della collaborazione e della supervisione scientifica del CREMIT e dell’ausilio della cooperativa E.D.I. Onlus.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa di Save the Children.

Smart NationConnessioni Digitali, Save the Children e Crédite Agricole insieme per lo sviluppo delle competenze digitali degli studenti
Vai all'articolo

Digital Skill Voyager, le competenze digitali degli italiani sono ancora basse

No comments

Solo un italiano su due è dotato delle competenze digitali di base per interagire con internet mentre circa un terzo ha raggiunto un discreto livello di competenze che però sono ben lontane dall’essere considerabili come avanzate: nella pratica, ciò avviene solo per circa il 3,8% del campione considerato.

Questo spaccato, certamente poco confortante, emerge dai dati raccolti dallo strumento per la valutazione delle competenze digitali Digital Skill Voyager che viene offerto gratuitamente dai Punti Impresa Digitale (PID) di Unioncamere.

Il percorso di transizione digitale dell’Italia si sta concentrando soprattutto su infrastrutture e tecnologie ma il capitale umano latita: senza competenze infatti la tecnologia non può esprimersi e, di conseguenza, gli effetti positivi della trasformazione digitale verrebbero grandemente ridimensionati o vanificati.

Degli oltre 2mila tra studenti, lavoratori e manager che hanno portato a termine il percorso valutativo offerto tramite Digital Skill Voyager, sembra che i laureati siano leggermente avvantaggiati nelle competenze digitali rispetto ai diplomati così come i manager, pari a poco meno del 10% dei partecipanti, risultano una preparazione generalmente più avanzata rispetto agli impiegati pari al 51,3% del campione.

Peggiore appare il posizionamento degli imprenditori, circa il 11% del campione, con un 70% alle prime armi con internet e solo un terzo di questi ha competenze digitali avanzate.

Smart NationDigital Skill Voyager, le competenze digitali degli italiani sono ancora basse
Vai all'articolo

Operazione Risorgimento Digitale, TIM entra nella Digital Skills and Jobs Coalition della Commissione Europea

No comments

TIM è entrata formalmente come membro attivo nella Digital Skills and Jobs Coalition, l’iniziativa avviata dalla Commissione Europea per contrastare il deficit delle digital skills in Europa.

L’importante riconoscimento è avvenuto a seguito dell’iniziativa Operazione Risorgimento Digitale e dei risultati raggiunti nel cercare di ridurre il tasso di analfabetismo digitale che interessa il nostro Paese: quello delle competenze digitali di base è un tema molto sentito perché è propedeutico per la digitalizzazione della popolazione e la trasformazione digitale della società.

Del resto la Digital Skills and Jobs Coalition si pone l’obiettivo di facilitare la collaborazione tra Stati membri, aziende, parti sociali, Ong e realtà attive nell’ambito della formazione per sostenere le competenze digitali a tutti i livelli a partire da quello basico per esercitare i propri diritti nell’era digitale fino a quello più elevato tipico degli specialisti nel settore ICT.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa di TIM.

Smart NationOperazione Risorgimento Digitale, TIM entra nella Digital Skills and Jobs Coalition della Commissione Europea
Vai all'articolo

37100Lab, il Comune di Verona apre il primo innovation lab di Regione Veneto

No comments

Il Comune di Verona ha avviato 37100Lab, il primo innovation hub del progetto Percorsi digitali veronesi finanziato da Regione Veneto: aperto presso gli spazi dell’ex scuola Scuderlando di Borgo Roma, che viene così riqualificata e torna a vivere, il laboratorio dedicato all’innovazione ha come scopo la divulgazione di conoscenze in ambito STEM ponendosi come punto di incontro intergenerazionale di cultura digitale e come luogo per la diffusione di competenze digitali di base e avanzate.

L’hub dispone di spazi per attività di co-working, laboratori e corsi di formazione da dedicate all’incremento della conoscenza in ambito tecnologico e per sviluppare nuove idee che possano impattare positivamente sulla società: il centro è aperto 5 giorni la settimana, con orari diversificati la mattina e il pomeriggio per rispondere alle diverse necessità della popolazione.

A trainare il progetto è in prima fila il Comune di Verona che guida una cordata composta dai Comuni di San Giovanni Lupatoto, San Pietro in Cariano e Buttapietra: i Comuni hanno avuto accesso al finanziamento di Regione Veneto e sono supportati da Fondazione Edulife, impresa sociale Fablab e associazione Aloud.

Tutte le iniziative offerte da 37100LAB sono gratuite per la cittadinanza con l’intento di stimolare il più possibile la partecipazione.

Grazie ai fondi disponibili verranno aperti alcuni centri periferici a Veronetta nel palazzo Bocca Trezza, a Parona nel centro anziani di largo Stazione Vecchia, a Casa Novarini a San Giovanni Lupatoto, nella biblioteca comunale di San Pietro in Cariano e nel centro anziani di Buttapietra.

L’iniziativa punta quindi a far incontrare percorsi di formazione digitale con lo sviluppo di un piano di rigenerazione urbana e di riscoperta di spazi per la comunità.

Maggiori informazioni sul sito del Comune di Verona e nella pagina dedicata agli innovation lab di Regione Veneto.

Smart Nation37100Lab, il Comune di Verona apre il primo innovation lab di Regione Veneto
Vai all'articolo

LV8, l’app di Fondazione Vodafone dedicata ai NEET per sviluppare competenze digitali

No comments

Si chiama LV8, acronimo per Level8, ed è la nuova applicazione che Fondazione Vodafone Italia ha lanciato per incentivare la formazione digitale dei NEET, ossia i giovani che non studiano e non lavorano.

Il termine NEET, Not in Education, Employment or Training, è ormai molto conosciuto in una società che ha un tasso di disoccupazione giovanile e di abbandono dei percorsi formativi drammaticamente alto: l’Italia, fra l’altro, è il primo Paese in Europa per incidenza di questo fenomeno che, solo nel 2020, ha interessato oltre 2 milioni di ragazzi.

Per questo motivo Fondazione Vodafone ha deciso di puntare su un learning game che permette, attraverso l’esperienza videoludica, di sviluppare competenze digitali: 8 crescenti livelli di difficoltà permette al giovane utilizzatore di confrontarsi con percorsi formativi che riguardano nuove tecnologie, come per esempio la blockchain, e arricchire così il proprio bagaglio culturale utile per la propria carriera formativa e lavorativa.

L’app LV8 si inserisce in un filone di applicazioni lanciate da Fondazione Vodafone Italia per supportare diversi temi e ambiti di interesse sociale: precedentemente infatti era stata creata l’applicazione Dreamlab, per la ricerca contro il COVID-19 e il cancro, e Bright Sky per contrastare la violenza contro le donne.

Maggiori dettagli nel sito dedicato dell’applicazione.

Smart NationLV8, l’app di Fondazione Vodafone dedicata ai NEET per sviluppare competenze digitali
Vai all'articolo

Google Career Certificates, al via la nuova formazione digitale di Google in Italia

No comments

Sbarca in Italia la nuova proposta formativa in ambito digitale firmata Google: si tratta di Google Career Certificates e consiste in una serie di programmi di formazione professionale studiate per sviluppare competenze in ambito digitale.

L’arrivo in Italia avviene in collaborazione con Rete Fondazioni ITS Italia e Fondimpresa, che si aggiungono alle partnership strette con UPA, UNA, e IAA.

I corsi sono distribuiti tramite la piattaforma online Coursera e sono a pagamento: l’erogazione avviene in lingua inglese ed è ideata per studenti, persone in cerca di lavoro o professionisti che vogliono potenziare le proprie competenze digitali.

I Google Career Certificates sono organizzati attorno a quattro macroaree strategiche: Supporto IT, Project Management, UX Design e Data Analytics.

Se le competenze in ambito tecnologico erano importanti prima della crisi pandemica, ora sono divenute ancora più necessarie per avviare la ripartenza considerando i cambiamenti che ha subito il mondo.

Per aiutare la diffusione della proposta formativa Google mette però a disposizione ben 4.000 borse di studio che consentono di frequentare i percorsi proposti del tutto gratuitamente.

I Google Career Certificates saranno a disposizione anche sul portale Giovani 2030 del Dipartimento Politiche Giovanili.

Smart NationGoogle Career Certificates, al via la nuova formazione digitale di Google in Italia
Vai all'articolo