My Special Venice, la card digitale per vivere il turismo e la cultura di Venezia

No comments

Si chiama My Special Venice ed è la card creata da Confindustria Venezia per promuovere il turismo e la cultura nella città di Venezia.

Le realtà culturali associate a Confindustria Venezia hanno infatti progettato, sotto l’egida dell’associazione, una serie di percorsi che spaziano dalla Fondazione Peggy Guggenheim alla Fondazione Giorgio Cini passando per la Fondazione Querini Stampalia, il Teatro La Fenice e molti altri: tutti questi luoghi di cultura sono visitabili per tutto l’anno a condizioni particolarmente vantaggiose grazie appunto alla card digitale My Special Venice che li riunisce collegandoli in appositi pacchetti scoperta.

Alla base del progetto vi è l’intento di valorizzare la sinergia tra le tante istituzioni culturali del Comune di Venezia promuovendo percorsi turistici e culturali sostenibili che siano in grado di far conoscere la città in funzione dei gusti del pubblico con particolare sensibilità verso i più giovani.

Il turista infatti, partendo dalla tipologia di esperienza culturale che intende vivere, ha una serie di percorsi accessibili che si compongono per soddisfare le sue esigenze.

Utilizzare la card è semplice: basta verificare gli orari dei luoghi da visitare, valutare se sia richiesta la prenotazione quindi recarsi in biglietteria ed esibire il QR Code per usufruire dell’accesso veloce.

Smart NationMy Special Venice, la card digitale per vivere il turismo e la cultura di Venezia
Vai all'articolo

Milano Cathedral Remixed, il Duomo di Milano è online su Google Arts & Culture

No comments

Online Milano Cathedral Remixed, il nuovo progetto nato dalla collaborazione fra Veneranda Fabbrica e Google Arts & Culture per permettere a chiunque di scoprire online 80 mostre virtuali e oltre 500 immagini dedicate a Duomo di Milano.

Si tratta di un nuovo hub digitale che, tramite uso della realtà virtuale, è in grado di mostrare i segreti della Cattedrale meneghina raccolti in oltre 2 anni di lavori di digitalizzazione: la piattaforma presenta oltre 500 immagini e più di 50 vetrate digitalizzate nonché 15 percorsi su Street View nella Cattedrale e all’interno del Museo del Duomo.

Milano Cathedral: Remixed consente di esplorare i punti più nascosti come la Cripta o quelli più alti e conosciuti come le Terrazze ma anche i dettagli delle navate e le storie dei Santi scolpite nella pietra.

L’esperienza digitale si concentra sulla storia della Cattedrale gotica in marmo rosa puntando al massimo dettaglio dei vari elementi architettonici navigando nel Complesso Monumentale del Duomo e scoprendo ogni minimo particolare grazie all’elevatissima qualità di ricostruzione digitale.

Smart NationMilano Cathedral Remixed, il Duomo di Milano è online su Google Arts & Culture
Vai all'articolo

Rifugio digitale, a Firenze un rifugio antiaereo diventa una casa per l’arte digitale

No comments

Nel cuore di Firenze c’è un ex rifugio antiaereo risalente alla Seconda guerra mondiale che conosce oggi una nuova vita: il Rifugio della Fornace, questo il nome della fortificazione, rinasce infatti come Rifugio digitale.

La galleria sotterranea utilizzata in passato come rifugio antiaereo per gli abitanti del capoluogo toscano ora ospita realtà digitali di ogni genere e forma: lo spazio espositivo si trova sotto piazzale Michelangelo e conta circa 165 metri quadrati di galleria digitale dedicata a quadri, mostre d’arte e di fotografia ma anche a presentazioni e workshop.

Nella struttura compaiono 16 schermi che arricchiscono un ambiente unico e versatile predisposto come crocevia di cultura e innovazione a pochi passi dall’Arno.

Rifugio digitale ha aperto con la prima mostra dedicata alla videoarte di Fabrizio Plessi.

Smart NationRifugio digitale, a Firenze un rifugio antiaereo diventa una casa per l’arte digitale
Vai all'articolo

Il Museo Galileo di Firenze pubblica la versione digitale del Mappamondo di Fra Mauro

No comments

Il Museo Galileo di Firenze ha pubblicato un sito contenente il Mappamondo di Fra Mauro, la mappa monumentale del mondo conosciuto realizzata dal celebre frate veneziano.

Il Mappamondo di Fra Mauro è uno dei più conosciuti prodotti cartografici del Quattrocento il cui originale è conservato nella Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia e una copia invece presso il Museo Galileo di Firenze.

Da oggi una versione digitale è raggiungibile online tradotta in italiano, inglese e cinese grazie al lavoro del Laboratorio Multimediale del Museo Galileo di Firenze: chiunque potrà così, attraverso l’uso delle nuove tecnologie e la geolocalizzazione, navigare il mappamondo da qualsiasi dispositivo multimediale e seguire la rotta di Marco Polo esplorando nei dettagli, tramite foto e video, tutte le sue informazioni.

In totale sono visualizzabili oltre tremila cartigli che descrivono i regni e le province ma anche fiumi, mari, città e monumenti: tutti i riferimenti del Mappamondo sono georeferenziati e individuabili sulla mappa di Google.

Maggiori informazioni nella pagina dedicata sul sito del Museo Galileo di Firenze.

Smart NationIl Museo Galileo di Firenze pubblica la versione digitale del Mappamondo di Fra Mauro
Vai all'articolo

Fondazione di Venezia sostiene la cultura digitale

No comments

Fondazione di Venezia torna a sostenere la cultura digitale e la creatività con due bandi dedicati ad associazioni, organizzazioni culturali, musei e biblioteche della città con l’obiettivo di potenziare l’offerta territoriale di cultura e innovazione.

Da oggi è infatti possibile partecipare alle due call, per un totale di 300 mila euro per interventi innovativi, artistici o culturali.

L’iniziativa intende sostenere in particolare modo soluzioni destinate all’innovazione dei processi di archiviazione nelle biblioteche dei musei e allo sviluppo del capitale umano, favorendo la crescita professionale degli studenti e dei neolaureati introducendoli al mondo del lavoro.

La Fondazione di Venezia torna allo strumento erogativo dei bandi dopo 10 anni per sostenere un settore, quello della cultura, che versa in una crisi indotta dalla situazione contingente globale.

Maggiori dettagli sul sito di Fondazione di Venezia.

Smart NationFondazione di Venezia sostiene la cultura digitale
Vai all'articolo

A Padova nasce il gemello digitale dell’Oratorio di San Giorgio

No comments

Il sito dell’Oratorio di San Giorgio a Padova, inserito nel patrimonio Unesco di Urbs Picta, è stato completamente ricostruito digitalmente ed è disponibile al grande pubblico.

Con una nuvola di 300 milioni di punti georeferenziati creati per rappresentare l’edificio in ogni suo elemento, l’Oratorio di San Giorgio è stato modellizzato e riprodotto tramite una procedura di mappatura digitale che consentono permettendo indagini di tipo scientifico oltre alla possibilità di ammirare l’edificio in modalità virtuale insieme alle ricchezze integrate come gli affreschi di Altichiero da Zevio, inseriti dall’Unesco tra i patrimoni dell’umanità.

L’iniziativa si pone come strumento di conservazione e studio dell’edificio ma anche di promozione e valorizzazione.

Maggiori dettagli sul sito del Digital Twin.

Smart NationA Padova nasce il gemello digitale dell’Oratorio di San Giorgio
Vai all'articolo

Lepida e Fondazione Collegio San Carlo lanciano un ciclo di incontri sull’impatto del digitale sulla società

No comments

Lepida e Fondazione Collegio San Carlo lanciano il progetto culturale denominato “Futuro prossimo. Per un lessico del domani”: un format che prevede un ciclo di 6 incontri dedicati alla lettura dei cambiamenti contemporanei che la società odierna attraversa in funzione del progresso indotto dal digitale che si interseca con il lavoro, la formazione e la cura dei cittadini.

Il format è itinerante e propone, nelle città di Modena, Parma, Bologna e Cesena, la possibilità di accedere gratuitamente alle conferenze che intendono fornire gli strumenti per interpretare il presente e immaginare scenari più inclusivi e sostenibili per il futuro anche in funzione di quanto accaduto con l’emergenza sanitaria da COVID-19.

Al centro del programma, che vede il primo appuntamento per il giorno 11 febbraio, vi sono i nuovi modelli di mobilità, cultura e geopolitica della società tecnologica contemporanea.

Tutti gli incontri sono gratuiti e richiedono la registrazione online sulla pagina dedicata.

Maggiori informazioni nel comunicato di Lepida e nel comunicato di Fondazione Collegio San Carlo.

Smart NationLepida e Fondazione Collegio San Carlo lanciano un ciclo di incontri sull’impatto del digitale sulla società
Vai all'articolo

Ludoteca 4.0, il Comune di Folignano apre un nuovo spazio culturale tecnologico

No comments

Il Comune di Folignano arricchisce la propria città con un nuovo spazio dedicato alla cittadinanza ma anche, o forse soprattutto, per i più piccoli: si tratta di Ludoteca 4.0, uno spazio di comunità polivalente multimediale destinato all’aggregazione dei giovani e di tutti coloro che sono interessati a misurarsi con svariate attività correlate alle nuove tecnologie.

Realizzato con il contributo della Fondazione Carisap, Ludoteca 4.0 raccoglie in un unico spazio una serie di laboratori che vanno dalla fabbricazione digitale all’utilizzo di postazioni multimediali e stampanti 3D: lo spazio è dotato anche di una piccola biblioteca per ragazzi che rappresenta il primo luogo di questo tipo sul territorio comunale.

Il Comune di Folignano è capofila nell’iniziativa che raccoglie una rete di organizzazioni non profit del territorio che animeranno la struttura e contribuiranno alla coesione sociale.

Ludoteca 4.0 si candida ad essere un vero e proprio centro culturale, tecnologico e ludico espressamente indirizzato ai bambini e ai ragazzi fino a 16 anni.

Smart NationLudoteca 4.0, il Comune di Folignano apre un nuovo spazio culturale tecnologico
Vai all'articolo

Il Palazzo del Quirinale approda su Google Arts & Culture

No comments

Google Arts & Culture, la celebre piattaforma dedicata all’arte e alla cultura che si occupa di digitalizzare i più stupefacenti ambienti e percorsi culturali al mondo, lancia un percorso online interamente dedicato al Palazzo del Quirinale.

Gli utenti possono infatti visitare digitalmente l’edificio della Presidenza della Repubblica direttamente da pc, tablet e smartphone: grazie ad oltre un anno di lavoro effettuato da un team di oltre 30 esperti, il progetto offre 100km di percorsi digitali del Palazzo del Quirinale, della Tenuta di Castelporziano, della caserma dei Corazzieri e di Villa Rosebery con 13 opere digitalizzate in altissima definizione, 60 storie digitali create su misura e oltre 1000 immagini.

L’iniziativa, accessibile dalla pagina dedicata, permette di utilizzare la realtà virtuale per immergersi in ambientazioni particolari quali il Salone delle Feste o il Salone dei Corazzieri camminando lungo i corridoi e le stanze di cui sono composti i luoghi digitalizzati compresa la possibilità di affacciarsi su Roma secondo la prospettiva unica garantita dal Quirinale.

Tutti i contenuti sono in continuo aggiornamento e disponibili in italiano e inglese. in un continuo work in progress con contenuti in italiano e in inglese sempre aggiornati.

Maggiori dettagli nel comunicato della Presidenza della Repubblica.

Smart NationIl Palazzo del Quirinale approda su Google Arts & Culture
Vai all'articolo

Mudimed, il museo digitale dedicato alla storia dell’evoluzione della medicina

No comments

La storia dell’evoluzione della medicina ha un nuovo luogo dove poter essere raccontata: il 20 ottobre è infatti stato lanciato il Mudimed, un museo digitale interamente dedicato all’evoluzione della medicina e della farmacologia che è stato realizzato da Novartis Italia in collaborazione con il Ministero della Cultura, la partecipazione del Ministero dell’Università e della Ricerca e grazie al supporto tecnologico di Google Arts & Culture.

Il Mudimed, che ha sede a Roma, presenta un percorso culturale che attraversa le tappe fondamentali della pratica medica dall’antichità fino ai giorni nostri grazie alla raccolta e alla catalogazione di oltre 2mila istituzioni culturali in 80 Paesi nel mondo.

Il percorso si articola in diverse sale che verranno aperte progressivamente al pubblico: per ora è disponibile solo la prima che però racchiude ben 19 opere provenienti da celebri istituzioni culturali di tutto il Paese, come il Museo archeologico nazionale di Napoli o il Museo della storia della medicina de La Sapienza, oltre ovviamente al materiale disponibile su Google Arts & Culture: si possono infatti osservare i manufatti in terracotta degli scavi di Pompei simbolo di una medicina votiva fino agli affreschi del 1600 dedicate alle grandi epidemie.

Maggiori dettagli sul sito dedicato.

Smart NationMudimed, il museo digitale dedicato alla storia dell’evoluzione della medicina
Vai all'articolo