A Roma la MIC Card diventa digitale

No comments

I fruitori dell’offerta culturale del Sistema Musei di Roma Capitale sono chiamati a confrontarsi con un’innovazione che prende ufficialmente il via da domani: la MIC Card, ossia la carta per accedere al sistema museale capitolino, diventa digitale dopo 4 anni di attività ossia dal 2018, anno del lancio da parte della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali insieme a Zètema Progetto Cultura.

Tramite il nuovo sito e l’applicazione dedicata, residenti e studenti di Roma e Città Metropolitana potranno acquistare l’accesso alle strutture e gestire online opzioni e sottoscrizioni legate al sistema museale: fra le funzioni previste vi sono la verifica dello storico di utilizzo, il controllo della scadenza oltre a poter consultare i luoghi dove accedere con tutte le informazioni utili quali indirizzo e orari comprensiva della segnalazione in tempo reale dei luoghi di cultura più vicini alla propria posizione.

La MIC Card digitale può essere acquistata direttamente online ma anche presso le biglietterie museali e nei Tourist Infopoint: fra i vantaggi più marcati vi è la possibilità di recarsi direttamente ai varchi di accesso senza dover transitare dalla biglietteria e, chiaramente, evitando le code.

Maggiori dettagli nel comunicato di Roma Capitale.

Smart NationA Roma la MIC Card diventa digitale
Vai all'articolo

Sidera Aurea, a Padova al via lo spettacolo digitale immersivo

No comments

A Padova tutto è pronto per Sidera Aurea, uno spettacolo immersivo basato su animazioni in 3D che verrà allestito 5 volte al giorno dal 3 novembre al 18 dicembre presso il Palazzo della Ragione di Padova: si tratta di un percorso storico che racconta il percorso che il più grande salone storico pensile al mond ha vissuto nel corso dei secoli, dalla fondazione dell’edificio dove è ospitato fino alla distruzione del ciclo pittorico di Giotto a causa di un incendio nel 1420.

La volta, caratterizzata da un soffitto ligneo a carena di nave rovesciata, è lunga 82 metri, larga 27 ed è situata a 40 metri dal pavimento: grazie all’uso del digitale, di luci e di suoni verranno esaltati gli affreschi e le cornici del salone che verrà sezionato virtualmente in 333 finestre con una proiezione su due livelli, tra soffitto e superfici affrescate, che ha lo scopo di restituire la sensazione di immergersi in un sistema fisico e astronomico nella cornice del XVI secolo.

La manifestazione immersiva è stata organizzata da Odd Agency in collaborazione con il Comune di Padova e in partnership con CoopCulture.

Il progetto, ideato e realizzato da Odd Agency in collaborazione con il Comune di Padova e in partnership con CoopCulture.

Maggiori dettagli nel comunicato della rete civica del Comune di Padova.

Smart NationSidera Aurea, a Padova al via lo spettacolo digitale immersivo
Vai all'articolo

Il Comune della Spezia propone un e-book animato multilingua per promuovere il turismo sostenibile

No comments

In coerenza con gli obiettivi di valorizzazione del turismo sostenibile stimolando l’impronta ecologica del settore, il Comune della Spezia ha deciso di realizzare un circuito culturale storico monumentale a valenza turistica a minor impronta ecologica: si tratta del cosiddetto turismo lento che consiste nel percorrere itinerari e cammini a piedi o utilizzando mezzi di trasporto ecologici caratteristici della mobilità dolce come bus elettrici, biciclette e skate in condivisione.

Per dare adeguata risonanza al progetto e valorizzare ulteriormente il territorio però l’Amministrazione ha deciso di affiancare anche un circuito culturale dedicato al progetto e proposto in forma dematerializzata: in particolare, oltre al ricorso agli strumenti digitali in dotazione all’Ente quali il sito web istituzionale, i canali social e le app dedicate all’accoglienza turistica, il Comune della Spezia punta sulla creazione di un e-book animato e multilingue dedicato ai ragazzi, con funzione di guida turistica digitale da poter diffondere nelle scuole dei paesi della Comunità europea.

L’iniziativa punta a mettere in luce la riscoperta dei borghi storici dell’entroterra, ricchi di testimonianze storiche e religiose valorizzando la ricettività del territorio spezzino.

Maggiori informazioni presso il Comune della Spezia.

Smart NationIl Comune della Spezia propone un e-book animato multilingua per promuovere il turismo sostenibile
Vai all'articolo

Sicilia Archeologica, online la nuova piattaforma digitale

No comments

La Regione Siciliana ha pubblicato il nuovo portale dedicato ai Parchi archeologici regionali: Sicilia Archeologica è la piattaforma digitale ideata per valorizzare il patrimonio culturale di 14 Parchi archeologici regionali.

Il portale, coordinato dal dipartimento dei Beni culturali, ha come obiettivo la comunicazione integrata in un unico contenitore delle aree archeologiche, dei musei, degli antiquaria e dei tanti reperti storici proposti e custoditi dalla Regione Siciliana.

Tramite la piattaforma tutti i visitatori possono ottenere informazioni, immagini e accedere ai servizi di ciascun luogo di cultura comprese le modalità di visita e quelle di acquisto dei biglietti.

I 14 Parchi archeologici ospitati sono: Valle dei Templi, Gela, Catania e Valle dell’Aci, Morgantina e della Villa Romana del Casale, Isole Eolie, Naxos e Taormina, Tindari, Himera, Solunto e Iato, Kamarina e Cava d’Ispica, Siracusa, Eloro e Villa del Tellaro, Leontinoi, Segesta, Selinunte e cave di Cusa, Lilibeo.

Inoltre tutti i parchi verranno progressivamente inseriti all’interno della piattaforma mobile Sicilia Virtual + per consentire la fruizione multimediale e in realtà aumentata dei contenuti disponibili.

Smart NationSicilia Archeologica, online la nuova piattaforma digitale
Vai all'articolo

Open Pompeii, online l’archivio digitale del Parco Archeologico di Pompei

No comments

Il Parco archeologico di Pompei digitalizza il proprio immenso patrimonio di dati raccolti nel corso degli anni: è stato infatti pubblicato Open Pompeii, l’archivio digitale delle informazioni con la possibilità da parte di studiosi e semplici cittadini di attingere, interagire e integrare i dati contenuti.

Open Pompeii rappresenta una rivoluzione informatica per il Parco in quanto consente una piena accessibilità ai dati relativi al patrimonio archeologico a visitatori, studiosi, operatori turistici e guide: online si possono quindi recuperare informazioni, immagini e video su ciascuna struttura archeologica ma anche reperti e affreschi corredati delle informazioni di provenienza, dislocazione nonché annotazioni storiche e bibliografiche per una più agevole fruizione e contestualizzazione.

Il sistema digitale di Open Pompeii rappresenta un’immensa banca dati di documenti e informazioni che il Ministero della Cultura sta restituendo alla popolazione in armonia con le linee strategiche che interessano tutti i luoghi della cultura statali nell’ottica della piena accessibilità e del miglioramento della tutela e della conoscenza del patrimonio archeologico e culturale.

Open Pompeii è accessibile da qualsiasi dispositivo tramite la piattaforma web oppure tramite l’app My Pompeii che funge anche da audioguida e consente al visitatore di interagire con il Parco: l’app permette di inviare segnalazioni nel corso della visita e ricevere feedback in tempo reale.

Tutte le informazioni consultabili sono facilmente ottenibili grazie ad un’interfaccia semplice e intuitiva basata su una mappa corredata di vari livelli informativi che consentono di muoversi regioni, insule, unità catastali e vani.

A corredo vi è anche un motore di ricerca tramite cui ricercare le informazioni desiderate circa unità catastali o reperti archeologici.

Il progetto è stato reso possibile dall’impegno del Ministero della Cultura e dalla collaborazione con il Consorzio CINI, la Scuola IMT Alti Studi Lucca e il Gran Sasso Science Institute dell’Aquila.

Maggiori informazioni sul sito di Open Pompeii.

Smart NationOpen Pompeii, online l’archivio digitale del Parco Archeologico di Pompei
Vai all'articolo

MISANODAMARE, il Comune di Misano Adriatico lancia l’app dedicata al lungomare

No comments

Un’app dedicata a promuovere un itinerario turistico, che si sviluppa sul lungomare da Piazzale Roma fino al porto turistico di Portoverde: questa è MISANODAMARE, la nuova applicazione che il Comune di Misano Adriatico ha lanciato per pubblicizzare la bellezza del proprio territorio e le tradizioni della marineria.

L’itinerario, suddiviso in otto tappe, è accompagnato da una cartellonistica che invita cittadini e turisti ad accedere all’app del progetto tramite cui approfondire vari aspetti del patrimonio storico, culturale e ambientale del Comune di Misano Adriatico.

Lo sviluppo del percorso è stato realizzato in armonia con il progetto finanziato nel piano d’azione FLAG Costa dell’Emilia-Romagna finalizzato alla creazione di luoghi e opportunità che richiamino la cultura delle marinerie ed è sostenuto dall’Unione Europea, dal Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, dal Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca e dalla Regione Emilia-Romagna.

Maggiori dettagli nel comunicato del Comune di Misano Adriatico.

Smart NationMISANODAMARE, il Comune di Misano Adriatico lancia l’app dedicata al lungomare
Vai all'articolo

Nasce la carta digitale per avvicinare gli studenti universitari al patrimonio artistico dei Musei Civici

No comments

Per favorire l’avvicinamento degli studenti dell’Ateneo fiorentino e delle università americane aderenti ad Aacupi al patrimonio artistico dei Musei Civici il Comune di Firenze ha varato una speciale carta digitale al prezzo di 10 euro.

La carta, di validità annuale per gli studenti dell’Università di Firenze e semestrale per gli studenti delle università americane aderenti ad Aacupi, è un pass nominativo che permette di esplorare l’offerta culturale dei Musei Civici a condizioni privilegiate.

La platea dei beneficiari dell’iniziativa è rappresentata da circa 50mila studenti.

Maggiori informazioni nel comunicato del Comune di Firenze.

Smart NationNasce la carta digitale per avvicinare gli studenti universitari al patrimonio artistico dei Musei Civici
Vai all'articolo

My Special Venice, la card digitale per vivere il turismo e la cultura di Venezia

No comments

Si chiama My Special Venice ed è la card creata da Confindustria Venezia per promuovere il turismo e la cultura nella città di Venezia.

Le realtà culturali associate a Confindustria Venezia hanno infatti progettato, sotto l’egida dell’associazione, una serie di percorsi che spaziano dalla Fondazione Peggy Guggenheim alla Fondazione Giorgio Cini passando per la Fondazione Querini Stampalia, il Teatro La Fenice e molti altri: tutti questi luoghi di cultura sono visitabili per tutto l’anno a condizioni particolarmente vantaggiose grazie appunto alla card digitale My Special Venice che li riunisce collegandoli in appositi pacchetti scoperta.

Alla base del progetto vi è l’intento di valorizzare la sinergia tra le tante istituzioni culturali del Comune di Venezia promuovendo percorsi turistici e culturali sostenibili che siano in grado di far conoscere la città in funzione dei gusti del pubblico con particolare sensibilità verso i più giovani.

Il turista infatti, partendo dalla tipologia di esperienza culturale che intende vivere, ha una serie di percorsi accessibili che si compongono per soddisfare le sue esigenze.

Utilizzare la card è semplice: basta verificare gli orari dei luoghi da visitare, valutare se sia richiesta la prenotazione quindi recarsi in biglietteria ed esibire il QR Code per usufruire dell’accesso veloce.

Smart NationMy Special Venice, la card digitale per vivere il turismo e la cultura di Venezia
Vai all'articolo

Milano Cathedral Remixed, il Duomo di Milano è online su Google Arts & Culture

No comments

Online Milano Cathedral Remixed, il nuovo progetto nato dalla collaborazione fra Veneranda Fabbrica e Google Arts & Culture per permettere a chiunque di scoprire online 80 mostre virtuali e oltre 500 immagini dedicate a Duomo di Milano.

Si tratta di un nuovo hub digitale che, tramite uso della realtà virtuale, è in grado di mostrare i segreti della Cattedrale meneghina raccolti in oltre 2 anni di lavori di digitalizzazione: la piattaforma presenta oltre 500 immagini e più di 50 vetrate digitalizzate nonché 15 percorsi su Street View nella Cattedrale e all’interno del Museo del Duomo.

Milano Cathedral: Remixed consente di esplorare i punti più nascosti come la Cripta o quelli più alti e conosciuti come le Terrazze ma anche i dettagli delle navate e le storie dei Santi scolpite nella pietra.

L’esperienza digitale si concentra sulla storia della Cattedrale gotica in marmo rosa puntando al massimo dettaglio dei vari elementi architettonici navigando nel Complesso Monumentale del Duomo e scoprendo ogni minimo particolare grazie all’elevatissima qualità di ricostruzione digitale.

Smart NationMilano Cathedral Remixed, il Duomo di Milano è online su Google Arts & Culture
Vai all'articolo

Rifugio digitale, a Firenze un rifugio antiaereo diventa una casa per l’arte digitale

No comments

Nel cuore di Firenze c’è un ex rifugio antiaereo risalente alla Seconda guerra mondiale che conosce oggi una nuova vita: il Rifugio della Fornace, questo il nome della fortificazione, rinasce infatti come Rifugio digitale.

La galleria sotterranea utilizzata in passato come rifugio antiaereo per gli abitanti del capoluogo toscano ora ospita realtà digitali di ogni genere e forma: lo spazio espositivo si trova sotto piazzale Michelangelo e conta circa 165 metri quadrati di galleria digitale dedicata a quadri, mostre d’arte e di fotografia ma anche a presentazioni e workshop.

Nella struttura compaiono 16 schermi che arricchiscono un ambiente unico e versatile predisposto come crocevia di cultura e innovazione a pochi passi dall’Arno.

Rifugio digitale ha aperto con la prima mostra dedicata alla videoarte di Fabrizio Plessi.

Smart NationRifugio digitale, a Firenze un rifugio antiaereo diventa una casa per l’arte digitale
Vai all'articolo