ATAC lancia la propria biblioteca digitale accessibile dalla rete del trasporto pubblico

No comments

Nel perimetro dell’iniziativa e-L.Ov. Leggere Ovunque, voluta dal Comune di Roma, ATAC ha sviluppato il progetto +Viaggi +Leggi per consentire ai viaggiatori che usano il trasporto pubblico di Roma Capitale di fruire gratuitamente di una biblioteca digitale.

Tutti i passeggeri che attendono presso le stazioni della metropolitana o presso le fermate dei mezzi di superficie possono infatti scaricare gratuitamente su smartphone o tablet libri, audiolibri e brandi musicali attinti dalla biblioteca digitale messa a disposizione dall’azienda di trasporto.

Non solo, sulla rete viaria è prevista la progressiva posa di oltre 18.000 QRCode per altrettanti punti di accesso alla biblioteca: i titoli messi a disposizione saranno ruotati integralmente con le novità ogni sei mesi.

La consultazione dei titoli avviene sui pannelli delle pensiline delle fermate dell’autobus, a bordo di alcuni dei treni delle linee metropolitane e in apposite bacheche nelle stazioni o sui pannelli dei box dei capolinea dei bus di Termini.

Proprio a Termini, nella zona di accesso alla metropolitana, i viaggiatori possono trovare una particolare raccolta di testi con sezioni speciali dedicate a Dante, a Trilussa e a poeti romaneschi.

L’idea alla base è ovviamente l’estensione della platea di lettori rendendo la cultura sempre più accessibile a tutti grazie ad un servizio capillare e gratuito che permette di elevare l’esperienza del trasporto pubblico.

L’innovazione proposta da ATAC è in collaborazione con Forum del Libro, Biblioteche di Roma, l’Associazione Liber Liber e Clear Channel Italia.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa di ATAC.

Smart NationATAC lancia la propria biblioteca digitale accessibile dalla rete del trasporto pubblico
Vai all'articolo

Online il Museo Nazionale della Resistenza

No comments

Il Museo Nazionale della Resistenza debutta online in occasione della Festa della Liberazione: da oggi è infatti attivo il sito internet che raccoglie e progressivamente si arricchirà delle memorie e della storia della lotta di Liberazione grazie a numerosissimi reperti e documenti d’epoca.

L’obiettivo è un percorso progettuale che dia i natali ad un luogo nazionale per conservare la memoria di quanto è accaduto nel secolo scorso per tramandare alle future generazioni gli avvenimenti che hanno portato alla liberazione dell’Italia.

Milano è stata scelta per ospitare fisicamente il Museo come luogo della memoria collettiva ma è all’online che si pensa per estendere l’opportunità a tutti di beneficiare del materiale raccolto nei decenni.

Oggi inizia un vero e proprio cantiere la cui fine è prevista in circa tre anni e mezzo quando sarà portato a compimento il Museo Nazionale della Resistenza nella sua forma fisica, con cinque piani di esposizioni e circa 3.800 metri quadrati di superficie occupata nell’area comunale tra via Montello e via Volta.

Il progetto è supportato dal Ministero della Cultura e dal Comune di Milano: maggiori dettagli nel comunicato stampa del Comune di Milano.

Smart NationOnline il Museo Nazionale della Resistenza
Vai all'articolo

Dante.Global, al via la piattaforma digitale per la promozione della lingua e la diffusione della cultura italiana

No comments

Nasce Dante.Global, la piattaforma digitale progettata per la promozione della lingua e la diffusione della cultura italiana nel mondo.

Il progetto si inserisce nel quadro delle iniziative commemorative dei 700 anni dalla scomparsa di Dante Alighieri ed è stato realizzato dalla Società Dante Alighieri che, con 132 anni di storia, affronta la sfida della promozione dell’Italia nel mondo tramite puntando sul dialogo e sul valore delle emozioni e della bellezza collegate alla cultura italiana.

La nuova piattaforma propone tre stanze tematiche: lingua, cultura e formazione.

In ciascuna di queste sono previste attività online e vengono messi a disposizione strumenti tecnologicamente avanzati a vantaggio di professionisti e imprese.

Smart NationDante.Global, al via la piattaforma digitale per la promozione della lingua e la diffusione della cultura italiana
Vai all'articolo

GoDIGITAL!, i Musei Reali di Torino varano il piano di innovazione e trasformazione digitale

No comments

Si chiama GoDIGITAL! ed è il piano di innovazione e trasformazione digitale a lungo termine approvato dai Musei Reali di Torino nel perimetro del bando SWITCH_Strategie e strumenti per la digital transformation nella cultura sostenuto dalla Fondazione Compagnia di San Paolo.

Il progetto punta ad adottare nuovi strumenti e tecnologie ripensando i servizi digitali per il visitatore al fine di portarlo al centro dell’azione dei Musei Reali nell’ottica di un’interazione omnicanale.

Lo sviluppo, che avverrà nei prossimi mesi, prevede l’adozione di una rete gratuita Wi-Fi nei Giardini Reali, innovative segnaletiche digitali e uno speciale totem digitale per il rilevamento del gradimento e della soddisfazione.

Alle azioni svolte nel perimetro fisico della superficie dei Musei Reali vi sarà un intervento online con la realizzazione di un nuovo sito web e una web app per arricchire l’esperienza della visita da parte del pubblico con elementi di realtà aumentata e gamification.

Anche la parte gestionale subirà un importante intervento di razionalizzazione con una governance data-driven in grado di fornire dati per suggerire le migliori scelte e decisioni strategiche.

Maggiori dettagli nel comunicato dei Musei Reali.

Smart NationGoDIGITAL!, i Musei Reali di Torino varano il piano di innovazione e trasformazione digitale
Vai all'articolo

AGIS e Facebook insieme per sostenere la cultura tramite il digitale

No comments

AGIS e Facebook hanno sottoscritto un accordo per sostenere, tramite l’uso di soluzioni digitali, le imprese italiane del mondo della cultura e dello spettacolo che stanno soffrendo particolarmente le conseguenze della pandemia da COVID-19.

La collaborazione intende sfruttare la digitalizzazione come strumento idoneo alla ripartenza del settore dello spettacolo dal vivo mediante un progetto integrato in grado di mettere a disposizione alle imprese di questo ambito un canale dedicato alla cultura all’interno dell’hub online denominato #piccolegrandimprese.

Questa sezione è studiata per contenere numerosi materiali formativi e video training on-demand per comprendere gli strumenti che il digitale consente di utilizzare nella promozione e nel rilancio delle attività culturali.

Inoltre, l’accordo punta a creare un ciclo di webinar gratuiti, presidiati da esperti contattabili tramite live chat, denominati Facebook Culture Open Days: questi incontri sono realizzati in collaborazione con AGIS, Cultura Italiae e PA Social e l’iscrizione è possibile direttamente dal sito dedicato.

La presentazione dell’iniziativa è disponibile, in video, a questo link.

Ad oggi le imprese attive nel settore culturale hanno registrato, in riferimento all’annualità precedente, un calo del fatturato pari al 76,7% con una flessione relativa agli ingressi di circa l’80% passando dai quasi 31 milioni di persone del 2019 ai poco più di 6 milioni del 2020.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa di AGIS.

Smart NationAGIS e Facebook insieme per sostenere la cultura tramite il digitale
Vai all'articolo

Open Fiber e South Working insieme per la diffusione della cultura digitale e il lavoro agile

No comments

Open Fiber e South Working hanno siglato un memorandum d’intesa per diffondere la cultura digitale tra cittadini e amministratori con l’intenzione di innescare, in ambito pubblico e privato, iniziative volte a favorire il lavoro agile soprattutto nelle aree meno urbanizzate e in quelle montane che normalmente soffrono un disagio in termini di densità abitativa e connettività.

Tramite una mappatura utile ai lavoratori intenzionati a operare secondo i principi dello smart working, l’impegno delle due realtà verte da una parte nel creare i prerequisiti infrastrutturali che consentano di lavorare agilmente da remoto come per esempio la disponibilità di un’adeguata connessione, dall’altra invece di sdoganare le opportunità professionali e la piena cittadinanza digitale.

Tali interventi intendono permettere di rendere comunemente accettabile e percorribile il modello del lavoro agile oltre a combattere il fenomeno del digital divide tra aree infrastrutturalmente diverse del Paese con una diretta positiva ricaduta nel fenomeno di riurbanizzazione soprattutto dei piccoli borghi.

Nel corso del lockdown pandemico ben 6,58 milioni di italiani hanno sperimentato questa forma occupazionale: al termine dell’emergenza si stima che gli smart worker che manterranno, completamente o in parte, questa modalità di lavoro saranno pari a 5,35 milioni, dato decuplicato rispetto ai circa 570mila lavoratori prima della pandemia.

Smart NationOpen Fiber e South Working insieme per la diffusione della cultura digitale e il lavoro agile
Vai all'articolo

Pirelli HangarBicocca lancia Bubbles

No comments

Pirelli HangarBicocca ha lanciato oggi Bubbles, il progetto digitale che vuole trasformare il sito del museo di arte contemporanea milanese tramite una mappa di contenuti dinamica che ruota attorno all’arte e agli artisti.

Tramite una piattaforma digitale di archiviazione di contenuti, di facile fruizione, Bubbles punta a rendere facilmente accessibile per esplorare l’universo dell’arte contemporanea grazie ad un innovativo sistema a bolle, da cui il nome dell’iniziativa, dedicate ad altrettante aree denominate Watch, Read, Listen, Connect ed Experience.

Ciascuna delle aree presenta video ed estratti di articoli e cataloghi per esplorare le mostre di Pirelli HangarBicocca da una prospettiva diversa consentendo di ascoltare le playlist musicali di artisti, connettersi a progetti collaterali o partecipare in tempo reale agli eventi realizzati in streaming.

Maggiori dettagli nella pagina Facebook di Pirelli HangarBicocca.

Smart NationPirelli HangarBicocca lancia Bubbles
Vai all'articolo

L’Università di Cagliari lancia un percorso online per i 400 anni di storia

No comments

In occasione dei 400 anni dalla fondazione dell’Ateneo, l’Università di Cagliari lancia il percorso multimediale chiamato “400: una storia UniCa”: si tratta di un racconto virtuale, attraverso contenuti e oggetti digitali, dell’intensa vicenda storica che ha permesso la nascita e l’evoluzione dell’Ateneo cagliaritano.

Il percorso digitale che illustra la nascita e la vita di UniCa è ospitato all’interno dell’ecosistema digitale del Centro interdipartimentale dell’Ateneo per l’Umanistica digitale (DH UniCa) ed è parte integrante di un progetto più ampio che punta ad utilizzare la tecnologia per sviluppare l’integrazione delle scienze umanistiche con le tecnologie emergenti partendo dal ricco patrimonio culturale e artistico disponibile.

La presentazione del lancio avverrà in diretta streaming sul sito e sulle pagine social dell’Università di Cagliari; maggiori informazioni nel comunicato dell’Ateneo.

Smart NationL’Università di Cagliari lancia un percorso online per i 400 anni di storia
Vai all'articolo

Castel del Monte, l’esperienza del museo diventa digitale

No comments

La visita a Castel del Monte, la celebre fortezza del XIII secolo edificata per volere di Federico II di Svevia e riconosciuta patrimonio UNESCO nel 1996 come capolavoro dell’architettura medievale, è da oggi rivoluzionata dalla tecnologia.

Nel perimetro del progetto Piazza Wi-Fi Italia del Ministero dello Sviluppo Economico e Infratel Italia per sostenere la diffusione di connettività e la valorizzazione del patrimonio culturale del nostro Paese, Castel del Monte diventa un HoloMuseum, ossia un museo potenziato dalle tecnologie Microsoft di cloud computing, intelligenza artificiale e realtà mista (realtà virtuale e realtà aumentata): si tratta di un’amplificazione dell’esperienza che l’utente può sperimentare durante la visita della fortezza fruendo di livelli informativi ed esperienziali aggiuntivi rispetto a quelli previsti dall’allestimento fisico.

La nuova modalità è completamente personalizzabile in base alle esigenze e agli obiettivi curatoriali del comitato scientifico dell’ente museale: il visitatore usando il proprio smartphone durante il percorso potrà accedere, tramite un’app dedicata, ad una serie di contenuti in realtà aumentata che vanno dal servizio di guida dedicata offerta da un avatar 3D di Federico II di Svevia che illustra le aree di Castel del Monte arricchite di contenuti multimediali e materiali audio-visivi unici con ampio uso a modelli 3D per meglio comprendere l’architettura dell’edificazione.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa del progetto Piazza Wi-Fi Italia.

Smart NationCastel del Monte, l’esperienza del museo diventa digitale
Vai all'articolo

ITsArt, la piattaforma digitale pubblica dedicata alla cultura

No comments

Si chiama ITsArt ed è la nuova piattaforma digitale pubblica voluta dal Governo per rilanciare online la cultura a causa della pandemia da COVID-19.

La nuova iniziativa, promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, è stata realizzata grazie al joint venture fra Cassa Depositi e Prestiti, che detiene il 51% della nuova società, e CHILI.

Si tratta della creazione di un palcoscenico virtuale che consentirà di promuovere spettacoli inerenti al teatro, all’opera, alla musica, al cinema, alla danza e ad ogni forma d’arte, live e on-demand: tutto ruota attorno al concetto che l’Italia rappresenti l’arte, da cui il nome, e che possa esprimere questa forte rivendicazione grazie all’uso del digitale.

Tramite questa nuova piattaforma, che verrà lanciata nei primi mesi del 2021, verrà offerta al pubblico un nuova modalità di fruizione multilingua per attirare le persone verso la produzione artistica nazionale e sostenere così il settore delle performing e visual arts con particolare attenzione alle realtà minori maggiormente colpite dall’emergenza Covid-19.

Smart NationITsArt, la piattaforma digitale pubblica dedicata alla cultura
Vai all'articolo