Safer Internet Day, oggi si celebra la giornata mondiale per la sicurezza in rete

No comments

Come ogni anno ricorre una data importante per l’uso consapevole della rete: si celebra oggi infatti il Safer Internet Day (SID), la giornata mondiale per la sicurezza in rete istituita e promossa dalla Commissione Europea.

Lo scopo è quello di far riflettere le persone, in particolare i giovani e gli studenti, sull’uso consapevole della rete e sul ruolo attivo di ciascuno per contribuire a rendere internet un luogo positivo e sicuro: non a caso il motto dell’edizione del 2020 è “Insieme per una internet migliore”.

La celebrazione consiste in una serie di iniziative in tutta Italia volte a sensibilizzare le persone sul tema della sicurezza in rete.

ll Ministero dell’Istruzione è coordinatore del Safer Internet Centre italiano, il centro italiano per la sicurezza in Rete, che ha il compito di promuovere e supportare eventi a carattere locale su tutto il territorio nazionale insieme all’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, la Polizia di Stato, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, gli Atenei di Firenze e l’Università La Sapienza di Roma ma anche Save the Children Italia, SOS il Telefono Azzurro, la cooperativa EDI onlus, Skuola.net, l’Agenzia di stampa DIRE e l’Ente Autonomo Giffoni Experience.

Fra i temi affrontanti vi sono il bullismo e cyberbullismo identificati come piaghe da contrastare con un lavoro di squadra fra le scuole, le famiglie, le associazioni e le istituzioni che si occupano di questi temi: a tale proposito sicuramente un programma diffuso di educazione digitale può aiutare a combattere il fenomeno grazie a comportamenti migliori.

Per tutte le scuole che vogliono partecipare alla celebrazione del Safer Internet Day 2020 è possibile caricare online i propri eventi da realizzare per la giornata del SID ma anche durante tutto il mese fino all’11 marzo sul sito dedicato.

Smart NationSafer Internet Day, oggi si celebra la giornata mondiale per la sicurezza in rete
Vai all'articolo

BullyBuster, l’app universitaria per segnalare episodi di bullismo e cyberbullismo

No comments

Si chiama BullyBuster, ossia l’AcchiappaBulli, ed è un’app studiata per permettere alle persone di segnalare e individuare episodi di bullismo e cyberbullismo con la particolarità di essere stata progettata da un gruppo di università italiane che si sono spalleggiate nell’iniziativa.

Gli Atenei di Bari, Cagliari, Foggia e Napoli hanno infatti deciso di scendere in campo e affrontare insieme il problema provando a contrastarlo anche grazie ad un corposo finanziamento del MIUR.

L’app prevede la disponibilità di una mappa online che permette di annotare in tempo reale segnalazioni relative a fenomeni di bullismo commessi per strada o in edifici oltre alla possibilità di richiedere interventi.

Il progetto è supportato dalla Polizia Postale che si occuperà dei casi di cyberbullismo raccolti dalla piattaforma oltre a mettere a disposizione degli sviluppatori dell’app anche mezzi e l’esperienza su campo.

BullyBuster, in funzione delle segnalazioni raccolte e grazie a speciali algoritmi, sarà poi in grado di proteggere le vittime oggetto di un attacco di bullismo o cyberbullismo riconoscendo la minaccia e segnalandola a chi di competenza.

Ciò è possibile grazie alla specializzazione dei gruppi di ricerca appartenenti alle rispettive università partecipanti al progetto che sono specializzati non solo nel settore tecnologico ma anche in quello giuridico e psicologico.

Smart NationBullyBuster, l’app universitaria per segnalare episodi di bullismo e cyberbullismo
Vai all'articolo

Il Comune di Follonica promuove la diffusione del patentino digitale di Corecom Toscana

No comments

Il Comune di Follonica si dimostra particolarmente sensibile alle tematiche del buon utilizzo delle nuove tecnologie e per questo motivo ha presentato l’iniziativa del Patentino digitale: si tratta di un progetto nato dalla collaborazione di Corecom Toscana, Regione Toscana, Istituto degli Innocenti, Polizia postale e Ufficio scolastico regionale.

Ne avevamo già parlato diffusamente come iniziativa intrapresa dal Corecom Toscana proprio per contrastare il proliferare delle fake news e degli atteggiamenti lesivi online incentivando, nel contempo, un comportamento virtuoso e responsabile da parte degli utenti del web e soprattutto da parte dei più giovani.

Non a caso l’iniziativa prevede la diffusione di competenze digitali di base, che contemplano soprattutto l’approfondimento di aspetti comportamentali corretti, nelle scuole secondarie di primo grado per migliorare la capacità degli studenti di interagire in rete e sui social network.

Al termine del percorso formativo che coinvolge anche le famiglie degli studenti è previsto il rilascio di un patentino digitale, segno tangibile di una maggiore consapevolezza acquisita.

Maggiori informazioni nella sezione di riferimento del sito del Comune di Follonica.

Smart NationIl Comune di Follonica promuove la diffusione del patentino digitale di Corecom Toscana
Vai all'articolo

Villaggio Digitale, l’educazione digitale è protagonista ad Appignano

No comments

L’uso improprio della tecnologia può generare pericolose conseguenze: la cronaca, anche nera, ricorda numerosi episodi il cui triste epilogo è dovuto a comportamenti scorretti circa l’uso degli smartphone.

Per questo motivo l’educazione digitale ha una primaria importanza e dovrebbe essere affrontata anche a scuola per preparare i giovani a mantenere un comportamento idoneo quando navigano sulla rete e quando utilizzano i dispositivi elettronici.

Nel frattempo però esistono degli eventi che puntano a diffondere il corretto uso della tecnologia: fra questi c’è Villaggio Digitale, una due giornate di formazione che tiene la propria seconda edizione nella città di Appignano.

L’evento, atteso per le giornate del 22 e 23 novembre, è un festival realizzato da Red – Rete Educazione Digitale, l’associazione maceratese che si occupa di educazione digitale in collaborazione con il Comune di Appignano: il tema centrale è relativo ai rischi e alle opportunità del web cercando di fornire agli utenti (con una attenzione particolare nei confronti dei più giovani) strumenti utili ad affrontare diversi aspetti critici legati alle interazioni online con altre persone.

Nella due giorni si parlerà di cittadinanza digitale e delle buone pratiche per un uso consapevole e sicuro dei nuovi mezzi tecnologici ma anche di cyberbullismo con la testimonianza di Paolo Picchio, padre di Carolina e presidente dell’omonima Fondazione, che racconterà il suicidio della figlia appena 14nne dopo essere stata suo malgrado protagonista di un video circolato su WhatsApp che l’ha esposta a settimane di ingiurie e scherno: da allora è divenuta simbolo della lotta al cyberbullismo.

Smart NationVillaggio Digitale, l’educazione digitale è protagonista ad Appignano
Vai all'articolo

Vivi Internet, al meglio: la campagna per sensibilizzare ad un uso responsabile del web

No comments

Parte la campagna di Google, in collaborazione con Altroconsumo e Telefono Azzurro, per sensibilizzare ad un uso responsabile del web.

Con Vivi internet, al meglio, iniziativa promossa nell’ambito del progetto Safer Internet Centre – Generazioni Connesse coordinato dal MIUR, l’obiettivo è quello di affrontare le tematiche relative alla sicurezza in Rete e rendere sano il rapporto tra giovani e nuovi media promuovendo un percorso formativo che si rivolge ai ragazzi, alle famiglie e agli educatori.

Il format riprende Vivi internet, al sicuro, già lanciata da Google nel 2016.

Vivi Internet, al meglio punta a diffondere il concetto di mettersi nei panni altrui come regola aurea per affrontare le interazioni online con altre persone: per farlo sfrutta una massiva campagna di comunicazione display online e microvideo su YouTube e i social network

Cinque aree di interesse per usare correttamente la rete

Sono cinque le tematiche attorno a cui ruota l’iniziativa: reputazione online, phishing e truffe, privacy e sicurezza, molestie e bullismo online, segnalazione di contenuti inappropriati.
Tali aree sono state rilevate come di primario interesse nel quotidiano da parte di giovani, genitori e docenti: per questo motivo sono state introdotte modalità efficienti per permette di acquisire competenze fondamentali nelle suddette aree anche attraverso la formazione all’interno di appositi moduli ad uso delle scuole.

Inoltre Google ha aggiornato le risorse disponibili nel nuovo Centro per la sicurezza offrendo maggiori informazioni sugli strumenti disponibili per tutelare la sicurezza dei dati, i controlli sulla privacy e la navigazione sicura.

Smart NationVivi Internet, al meglio: la campagna per sensibilizzare ad un uso responsabile del web
Vai all'articolo

Parole Ostili, torna a Trieste l’appuntamento sui temi dei linguaggi ostili online

No comments

Il cyberbullismo e l’istigazione all’odio sulla rete tramite modalità comunicative offensive e persecutorie sono sicuramente fra i comportamenti più difficili da arginare e che richiedono un notevole sforzo educativo da parte della società.

Fra le iniziative nate per contrastare questi fenomeni c’è sicuramente Parole Ostili, un progetto di sensibilizzazione nato a Trieste nel 2017 sottoforma di evento che ha visto la presentazione di un manifesto di regole contro la comunicazione aggressiva.

Ad un anno di distanza la seconda edizione di Parole Ostili torna a Trieste e sarà focalizzata sul tema “Quando le parole sono un ponte”: oltre 1.000 esperti della rete si riuniscono per promuovere un confronto atto a contrastare il linguaggio dell’odio in rete e non solo.

In un anno di attività Parole Ostili è diventata una vera e propria community fondata sul Manifesto della comunicazione non ostile che articola dieci principi di stile per arginare e combattere i linguaggi ostili in Rete.

Tantissime le adesioni in scuole, università, uffici e aziende d’Italia e in Europa: centinaia di migliaia infatti sono state le persone, da ogni parte d’Italia, che in poco più di un anno hanno aderito spontaneamente al Manifesto per contribuire alla crescita di una società civile consapevole e responsabile.

Una seconda edizione nata all’insegna della collettività

La seconda edizione di Parole Ostili intende sostenere un progetto collettivo che possa proporre pensieri e spunti per contrastare e contrapporsi a messaggi di chiusura, divisione ed esclusione che si assistono sulla rete.

Il programma dell’evento è disponibile qui.

Smart NationParole Ostili, torna a Trieste l’appuntamento sui temi dei linguaggi ostili online
Vai all'articolo

Safer Internet Day, torna la giornata mondiale per la sicurezza in rete

No comments

Oggi cade la ricorrenza annuale del Safer Internet Day, la giornata mondiale dedicata alla sicurezza in rete istituita nel 2004.

Si tratta di una giornata dedicata alla sensibilizzazione sui rischi connessi ad internet: dalla cybersecurity al cyberbullismo passando per i pericoli generati dalle fake news.

Il tema della sicurezza informatica è molto complesso e, nell’ultimo anno, ha sollevato pesanti interrogativi ed esposto i navigatori a gravi problematiche: si ricorderanno ad esempio WannaCry, il ransomware che ha minacciato milioni di computer, o il suo “successore” Petya.

Ma anche l’avvenuta compromissione del protocollo Wi-Fi WPA2, uno dei pilastri su cui si è basata per anni la sicurezza delle connessioni wireless o ancora Meltdown e Spectre, la vulnerabilità che riguarda le CPU.

Tra le problematiche legate all’uso sicuro della rete compaiono anche i fenomeni di spam e phishing o l’accesso a contenuti non adatti ai minori.

Una giornata dedicata ad un internet migliore

Lo slogan del Safer Internet Day 2018, hashtag #SID2018, è “Crea, connetti e condividi il rispetto: un internet migliore comincia da te” o, nella versione inglese, “A better Internet starts with you”.

L’impegno è appunto quello che un internet migliore inizi dal comportamento efficace e civile del singolo, come auspicato dal progetto del MIUR Parole O-stili per sensibilizzare contro la violenza delle parole utilizzate online.

Il Safer Internet Day (Sid) è l’occasione, da parte di diverse realtà, per lanciare in varie parti d’Italia iniziative dedicate alla sicurezza in Rete con particolare interesse per la tutela dei giovani fra i 13 e i 18 anni per cui è dedicata “Un Nodo Blu – le scuole unite contro il bullismo”, ossia la seconda Giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo a scuola

Numerose altre informazioni e attività dedicate alla sicurezza in internet si trovano sul sito generazioniconnesse.it voluto dal MIUR per promuovere un utilizzo responsabile della rete.

Va menzionato anche l’impegno di Google che offre il servizio Google Play Protect che verifica automaticamente le app per mantenere i vostri dati e il vostro dispositivo al sicuro oltre ad una serie di servizi riassunti nel blog ufficiale dell’azienda.

Smart NationSafer Internet Day, torna la giornata mondiale per la sicurezza in rete
Vai all'articolo

Il MIUR pubblica un sillabo per l’educazione civica digitale

No comments

Nella lotta al cyberbullismo e alle fake news, il MIUR scende in campo con una nuova iniziativa atta ad educare i ragazzi alle regole di convivenza civile nella società digitale.

In affiancamento ad altri strumenti come il decalogo per l’utilizzo dello smartphone a scuola, il MIUR presenta un Sillabo dedicato all’educazione civica digitale.

La piattaforma tecnologica ha lo scopo di fornire materiali e contenuti utili a coloro che vogliono imparare a vivere in modo civile la vita online: si tratta a tutti gli effetti di una nuova dimensione che aggiorna ed integra l’educazione civica tradizionale.

L’obiettivo è quello di formare cittadini in grado di partecipare attivamente alla vita democratica attraverso all’uso consapevole delle nuove tecnologie.

Educazione civica digitale: spirito critico e responsabilità

Come per il decalogo, massima attenzione allo spirito critico e alla responsabilità nell’uso delle nuove tecnologie: lo spirito critico è fondamentale perché permette di individuare le profonde implicazioni sociali, culturali ed etiche che si nascondono dietro alle potenzialità del digitale.

La responsabilità invece è altrettanto importante perché i nuovi media non permettono solo di fruire di contenuti ma rendono l’utente in grado di produrre autonomamente informazioni che possono condizionare altre persone.

La piattaforma si concentra su alcune aree tematiche fra cui l’architettura della rete e la questione dei diritti, l’educazione ai media, l’educazione a cercare, analizzare e usare correttamente l’informazione (information literacy), il ruolo e valore dei big data e dell’intelligenza artificiale e infine la creatività digitale.

Smart NationIl MIUR pubblica un sillabo per l’educazione civica digitale
Vai all'articolo

La Commissione Internet arriva nelle scuole

No comments

La Commissione per i diritti e i doveri relativi ad Internet nasce come Commissione di studio focalizzata su Internet ed il suo ruolo non solo come media ma come dimensione essenziale per il presente e il futuro della società contemporanea in virtù delle sue caratteristiche che proiettano la rete ad essere un immenso spazio di libertà, di crescita, di scambio e di conoscenza.

Istituita il 28 luglio 2014, la Commissione è stata impegnata, con il coordinamento del Professor Stefano Rodotà, sui temi dell’’innovazione tecnologica e del suo impatto sulla società moderna.

Ha prodotto documenti importanti come la Carta dei diritti e dei doveri in Internet presentata nel luglio del 2015 e oggetto di una mozione approvata in Aula a novembre del medesimo anno.

La Commissione Internet arriva nelle scuole con un progetto di ascolto itinerante

Dal 23 marzo la Commissione per i diritti e i doveri relativi ad Internet inizierà un progetto di ascolto bottom-top: punterà cioé ad ascoltare gli studenti delle scuole per meglio comprendere le esigenze delle nuove generazioni in relazione a Internet.

La Commissione per i diritti e i doveri relativi ad Internet incontra i nativi digitali

L’attenzione al fenomeno della interazione fra i giovani e la rete è significativo anche in virtù di come comportamenti errati possano sfociare in problematiche serie quali quelle del cyberbullismo.

Il primo appuntamento è all’I.I.S. Amedeo Avogadro dalle ore 10 alle ore 13 con un intervento e successivo dibattito in cui gli studenti e i docenti dell’Istituto si confronteranno con l’Onorevole Antonio Palmieri, il Professor Juan Carlos de Martin, Codirettore del Centro Nexa su Internet & Società del Politecnico di Torino e la giornalista Anna Masera.

Smart NationLa Commissione Internet arriva nelle scuole
Vai all'articolo

Cyberbullismo, nasce il Centro Nazionale Anti-Cyberbullismo

No comments

Il fenomeno del cyberbullismo accompagna inevitabilmente la diffusione di internet.
In particolare modo per i giovani che stanno crescendo a contatto con le nuove tecnologie, il cyberbullismo è un pericolo reale nel quale possono cadere come vittime o, al contrario, senza un’adeguata educazione all’uso della rete ne possono essere gli artefici.

In questi ultimi mesi si stanno susseguendo le attività indicate come la campagna di sensibilizzazione indirizzata ai giovani Una vita da social, promossa dalla Polizia di Stato.

Sul tema c’è massima attenzione anche da parte della politica: il Senato ha approvato il disegno di legge contro il cyberbullismo.

Ma il fenomeno è osservato speciale anche da parte dell’Istituto Italiano per la Privacy che ha deciso di scendere in campo creando il CNAC, ossia il Centro Nazionale Anti-Cyberbullismo, grazie anche al supporto di Facebook.

Il Centro Nazionale Anti-Cyberbullismo è un’iniziativa soprattutto legale

Si tratta di un’iniziativa permanente per aiutare, principalmente dal punto di vista legale, le vittime di questo grave fenomeno e i loro parenti ma anche per fare prevenzione con guide legali e tramite la formazione degli operatori.

In attesa della nuova legge di contrasto al cyberbullismo ormai prossima all’approvazione, i progetto è stato presentato al Centro alla Camera dei Deputati durante una tavola rotonda tra istituzioni e stakeholder per la tutela dei dati personali dei minori alla luce del Regolamento Privacy Europeo.

Il CNAC dispone di il numero verde dedicato 800642377 e sta sondando eventuali collaborazioni con diversi progetti di taglio psico-sociale promossi da organizzazioni di tutela dei diritti dei bambini in Italia e in Europa.

Smart NationCyberbullismo, nasce il Centro Nazionale Anti-Cyberbullismo
Vai all'articolo