Il Parco Archeologico di Pompei accelera sull’innovazione

No comments

Il Parco Archeologico di Pompei è forse uno dei tesori culturali più importanti e celebri in Italia e, come tale, è il destinatario di molte attività per la sua corretta conservazione.

Fra queste c’è anche il ricorso alla tecnologia con il progetto pilota Smart@Pompei.

Si tratta di una serie di attività raccolte in un unico programma che ha come obiettivi il miglioramento della sicurezza generale, la possibilità di rendere più facile l’esperienza di visita da parte dei disabili ma soprattutto l’aumento della partecipazione da parte della comunità locale affinché migliori la percezione dell’importanza di essere i custodi di uno dei patrimoni dell’umanità.

Tutto questo grazie ovviamente al massiccio ricorso all’innovazione.

L’impiego della tecnologia nel progetto Smart@Pompei è significativo: una speciale piattaforma intelligente basata sull’integrazione di sensoristica evoluta permetterà infatti di gestire la videosorveglianza, il controllo degli accessi, le soluzioni antintrusione ma anche il monitoraggio degli eventi idrogeologici e sismici che potrebbero mettere a rischio il sito archeologico.

L’infrastruttura si basa su una rete in fibra ottica e wireless progettata per fornire specifici punti di accesso che fungano anche da erogatori di servizi specialmente per le persone affette da disabilità.

Civitates, un programma di innovazione sociale

In affiancamento alle soluzioni altamente tecnologiche, nel progetto Smart@Pompei si può annoverare anche Civitates, un programma di innovazione sociale della durata di 6 mesi nei quali i partecipanti potranno cooperare per promuovere iniziative di turismo culturale stimolando la nascita di nuovi modelli di impresa.

Il primo esperimento di Civitates coinvolgerà un gruppo di giovani under 35 che proveranno, in un semestre, a promuovere un evento riguardante le Residenze Creative di musicisti dopo aver assimilato opportune competenze gestionali.

Nella giornata del 19 ottobre è previsto un workshop Pompei Resiliente AD 2030, Insight Session, dove verrà effettuato il punto della situazione.

Smart NationIl Parco Archeologico di Pompei accelera sull’innovazione
Vai all'articolo

SUAP, crescono le pratiche online e i servizi digitali

No comments

Le imprese in Italia stanno progressivamente dimostrando di avere recepito l’importanza del digitale.

Il portale impresainungiorno, ossia la versione digitale dello Sportello unico per le attività produttive, registra infatti un nuovo record di pratiche processate interamente online.

La piattaforma, gestita dai Comuni in collaborazione con le Camere di commercio, si era recentemente rafforzata grazie all’accordo fra ANCI e Unioncamere.

Secondo gli ultimi dati, tra febbraio e giugno 2017 rispetto allo stesso periodo del 2016 sono aumentati del 38% gli adempimenti online svolti dagli imprenditori per l’avvio e l’esercizio d’impresa con una media di 34.737 pratiche.

In relazione al successo della piattaforma, InfoCamere, la società che si occupa per conto di Unioncamere dello sviluppo delle soluzioni digitali per il sistema camerale, ha progettato un’app dedicata ai Sindaci grazie alla quale monitorare in tempo reale le dinamiche imprenditoriali nel proprio Comune.

L’app, sviluppata per smartphone e tablet, riepiloga i dati statistici, aggiornati su base mensile, sulle imprese attive e quelle cessate nel Comune di pertinenza ma anche le varie caratteristiche con la possibilità di filtrarle per natura giuridica e settore di appartenenza oltre a poterle confrontare, in termini evolutivi, con altre imprese analoghe presenti in altre regioni o con il contesto nazionale.

Uno strumento digitale indispensabile per gli imprenditori

Gli imprenditori, dalla loro parte, possono già ora interpellare il Smart NationSUAP, crescono le pratiche online e i servizi digitali

Vai all'articolo

A Borgomanero parte la sperimentazione di una classe interamente digitale

No comments

Sta volgendo al termine il tempo di cartelle, zaini o il ricorso sistematico alla lavagna nella didattica: la scuola a Borgomanero cambia radicalmente e punta sull’innovazione.

Una sezione della scuola media inferiore del Collegio Don Bosco di Borgomanero infatti ha dato il via alla sperimentazione di una classe interamente digitale: gli studenti sono dotati di un pc portatile e le lezioni vengono condivise.

Proprio l’uso sistematico delle nuove tecnologie influenza l’adozione di una metodologia didattica che fa largo impiego di materie condivise in rete e soprattutto studiate in modo collaborativo.
Gli stessi insegnanti riescono ad utilizzare in modo più proficuo le mappe concettuali che gli alunni possono seguire sul video: proprio il largo ricorso alle mappe concettuali predomina sulle forme di apprendimento tradizionale.

La sperimentazione è il frutto di diversi micro esperimenti didattici, effettuati negli anni scorsi suddivisi su più classi, che hanno raccolto moltissimi consensi dagli alunni ma anche da parte dei genitori.

Il digitale come mezzo alternativo per la didattica

La didattica non rimpiazza però totalmente i sistemi tradizionali: si usano ancora libri e quaderni ma gli alunni devono essere necessariamente dotati di computer portatile in classe.

Grazie alla tecnologia infatti si può puntare sul cooperative learning, ossia l’apprendimento cooperativo, e sulle modalità della flipped classroom, ossia la classe capovolta.

Questa particolare opportunità didattica prevede, per esempio, che i compiti si facciano a scuola e non a casa mentre l’insegnante diventa il regista delle esperienze e dei laboratori che si effettuano in classe.

Smart NationA Borgomanero parte la sperimentazione di una classe interamente digitale
Vai all'articolo

Unioncamere presenta Ultranet

No comments

Unioncamere presenta il progetto Ultranet, un laboratorio nazionale per contribuire alla riduzione del ritardo digitale italiano aiutando le imprese nei processi di trasformazione digitale.

Grazie al supporto triennale offerto attraverso il bando del MiSE che Unioncamere si è aggiudicata per ridurre il digital divide, Ultranet si prefigge di perseguire la sensibilizzazione e l’informzione per le aziende sulle possibilità offerte dalle nuove tecnologie e, in particolare, dalla connettività a banda ultralarga.

Il progetto infatti si inserisce nell’ambito delle attività collegate al piano per la Banda Ultra Larga al fine di stimolare la domanda dei servizi ad esso collegati.

Solo un terzo delle Pmi nazionali sono attive online, solo un quinto utilizzano strumenti social e per 4 imprenditori su 10 il mondo di internet non porta alcun tipo di vantaggio.

La cultura come strumento per la diffusione della banda ultralarga

In questa situazione, la diffusione di connettività ad ampia larghezza di banda è ostacolato non solo da problematiche tecniche ma anche da blocchi culturali che devono essere superati.

Per questo Ultranet utilizzerà i servizi delle Agenzie del sistema camerale, che collaborano con le 76 strutture camerali sul territorio già aderenti all’iniziativa, con l’obiettivo di erogare, a partire dal 5 ottobre, 160 seminari ed eventi informativi rivolti alle imprese, agli operatori economici, ai cittadini e alle altre pubbliche amministrazioni.

Un altro punto di forza di Ultranet è nell’utilizzo strumentale del Registro Imprese: attraverso i dati del Registro delle imprese delle Camere di Commercio infatti, il progetto Ultranet consentirà a Infratel, la società in house del Ministero dello Sviluppo Economico che è il soggetto attuatore dei Piani Banda Larga e Ultra Larga del Governo, di programmare ed effettuare lavori di infrastrutturazione rispondenti alla distribuzione delle imprese sul territorio.

Qui ulteriori dettagli sul progetto.

Smart NationUnioncamere presenta Ultranet
Vai all'articolo

Veneto in digitale, un nuovo percorso formativo per le PMI venete

No comments

Per permettere una crescita di competenza in materia digitale le PMI venete hanno una nuova ulteriore possibilità.

Da Google in collaborazione con Unioncamere viene lanciato infatto il programma Veneto in digitale.

Si tratta di un’iniziativa che consiste in quattro appuntamenti formativi fra settembre e ottobre 2017.

Gli incontri, ad ingresso libero previa iscrizione sul sito, si svolgeranno a Treviso (14-15 settembre), Padova (21-22 settembre), Verona (28-29 settembre) e Venezia (5-6 ottobre).

La sede di ciascun appuntamento è la relativa Camera di Commercio grazie all’accordo con Unioncamere che offre supporto logistico e promozionale alle imprese del territorio.

Veneto in digitale, una finestra sulle opportunità del web

I temi affrontati saranno diversi: dalla creazione di un sito web all’avvio di un e-commerce utilizzando gli idonei strumenti di monitoraggio e promozione digitale.

Google inoltre offrirà un servizio di check-up digitale gratuito che consentirà agli imprenditori di illustrare le proprie esigenze al fine di capire la strategia digitale più adeguata al loro caso.

La tecnologia può contribuire a creare opportunità per le aziende e per il mondo del lavoro, in particolare per le PMI che hanno reso grande il Made in Italy, grazie a internet che rappresenta una vetrina sempre più importante.

Veneto in digitale è un’attività che nasce in seguito agli ottimi risultati del programma Eccellenze in digitale che Google ha portato avanti con Unioncamere su tutto il territorio nazionale.

Smart NationVeneto in digitale, un nuovo percorso formativo per le PMI venete
Vai all'articolo

AgroInnovation EDU arriva in Trentino per digitalizzare l’agricoltura

No comments

L’agricoltura può beneficiare in modo significativo delle nuove tecnologie, sia nell’ambito della produzione sia nella parte di organizzazione delle risorse.

Il problema principale è legato all’oggettiva difficoltà da parte di coloro che si occupano storicamente di agricoltura di abbracciare il cambiamento dettato dall’innovazione.

Se infatti l’interesse attorno all’agricoltura 4.0, come molti la definiscono mutuando in questo settore quanto sta avvenendo con l’industria 4.0, sta crescendo senza sosta, è pur vero che mancano operatori in grado di cogliere il cambiamento.

Il Trentino-Alto Adige però si dimostra nuovamente regione virtuosa nell’ambito di tutto ciò che riguarda l’innovazione.

Con la sottoscrizione di un protocollo di intesa tra Image Line e la Fondazione Edmund Mach, arriva nella regione un percorso formativo che vuole sensibilizzare e trasferire competenze digitali agli studenti interessati al panorama dell’agricoltura.

Agroinnovation EDU: la formazione per l’agricoltura digitale

Si tratta di AgroInnovation EDU, un percorso educativo, di durata triennale tenuto nel Centro istruzione e formazione di San Michele all’Adige.

L’obiettivo è la formazione degli studenti del terzo, quarto e quinto anno delle scuole superiori di indirizzo agrario per orientarli alla conoscenza delle opportunità offerte dall’agricoltura digitale e all’utilizzo dei più moderni software nell’ambito agricolo.

Il percorso fa specifico affidamento ai dettami dell’alternanza scuola-lavoro in linea con la direzione indicata dal programma Piano Nazionale Scuola Digitale per avvicinare gli studenti al mondo del lavoro.

Gli studenti avranno la possibilità di accedere ai servizi Quaderno di Campagna e Fitogest+ che consentono di ottimizzare la gestione dell’azienda agricola mentre ai docenti verrà riservata un’apposita formazione che rientra nelle attività di aggiornamento professionale per lo sviluppo dell’agricoltura digitale.

Prima che in Trentino, AgroInnovation EDU è già statp proposto all’inizio dell’estate in Emilia-Romagna ed è stato adottato da parte dell’Ufficio Scolastico Regionale e la Rete degli Istituti Agrari.

Smart NationAgroInnovation EDU arriva in Trentino per digitalizzare l’agricoltura
Vai all'articolo

La Sicilia accelera la digitalizzazione attraverso i piccoli Comuni

No comments

Nelle ultime settimane la Sicilia è risultata estremamente attiva sul fronte del digitale grazie ad una serie di accordi e programmazioni che hanno l’obiettivo di accelerare la diffusione della digitalizzazione nell’isola.

In particolare c’è stata una notevole accelerazione relativamente agli obiettivi dell’Agenda Digitale siciliana.

L’Agenda Digitale è una delle iniziative a livello europeo e recepita dagli Stati membri che ha come obiettivo lo sfruttamento del potenziale delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione per favorire l’innovazione, la crescita economica e la competitività.

In Sicilia il programma dell’Agenda Digitale ruota attorno alla possibilità di abilitare digitalmente i piccoli Comuni con il fine ultimo di ottenere la piena digitalizzazione della PA raggiungendo l’Obiettivo Tematico 2 del Programma Operativo Fesr 2014-2020.

ANCI Sicilia e Regione Siciliana insieme per la digitalizzazione

Per farlo, ANCI Sicilia e la Regione Siciliana hanno sottoscritto un protocollo d’intesa per incentivare l’aggregazione e la condivisione delle piattaforme.

Tramite l’adozione di piattaforme comuni e la razionalizzazione delle banche dati pubbliche infatti, è possibile creare un’efficiente rete tecnologica che agisca di concerto con la disponibilità di strutture fisiche di collegamento come la nuova rete WiFi°Italia°it che ha visto recentemente l’adesione della Sicilia.

Il protocollo prevede anche azioni di supporto per i Comuni nella gestione dei tributi locali e la revisione dell’attuale PGT attraverso lo studio di norme che favoriscano le aggregazioni volontarie tra comuni.

Smart NationLa Sicilia accelera la digitalizzazione attraverso i piccoli Comuni
Vai all'articolo

ProM Facility, a Rovereto un laboratorio di prototipazione meccatronica unico in Italia

No comments

Nell’area del Polo Meccatronica di Rovereto, un business innovation center che è stato avviato sulle ceneri della produzione manufatturiera di fibre di cotone per le intelaiature dei pneumatici Pirelli e di sneaker per Superga, è nata una nuova iniziativa fortemente votata all’open innovation.

Con un investimento di 90 milioni di euro distribuiti su due cicli da sette anni grazie anche ai fondi Fesr dell’Unione Europea è infatti sorta ProM Facility un laboratorio di prototipazione avanzata che mette a disposizione delle aziende soluzioni e macchinari d’avanguardia.

ProM Facility è una piattaforma capace di combinare la meccanica tradizionale con i più moderni controlli elettronici, sensori e sistemi di prototipazione virtuale.

Il progetto ProM Facility infatti nasce per intervenire su sei macroaree riconducibili ai crismi dell’industria 4.0: elettronica e prototipazione di piccole quantità di schede integrate, Ict & IoT, cybersecurity, metrologia, integrazione, stampa 3D e taglio laser.

All’interno figurano infatti stampanti 3D metalliche e polimeriche, una macchina da taglio laser combinata per tubi e lamiere di diversi materiali, uno scanner 3D, un centro di fresatura in grado di combinare lavorazioni additive e sottrattive, una linea di prototipazione semi-automatica di schede elettroniche, un manipolatore per robotica cooperativa, un banco prove motori e un supercomputer per addestramento reti neurali profonde.

L’iniziativa, voluta e supportata da Trentino Sviluppo, Fondazione Bruno Kessler, Università di Trento e Confindustria locale, punta a creare entro il 2022, oltre alla sede definitiva di ProM Facility anche nuovi laboratori e due istituti scolastici: l’Itt Marconi e il Cfp Veronesi con i loro 1.400 studenti.

ProM Facility ospita player importanti

All’interno di ProM Facility vi sono ad oggi 29 società tra cui Bonfiglioli, Aermec, Zeiss, Watts, Dana e Ducati Energia.
Inoltre figurano anche quattro startup in un clima di open innovation e di contaminazione basata sulla condivisione di competenze e sulla formazione per gli studenti superiori e universitari ma anche per chi è già inserito nel mondo del lavoro e necessita di una sorta di riqualificazione digitale.

Smart NationProM Facility, a Rovereto un laboratorio di prototipazione meccatronica unico in Italia
Vai all'articolo

Spesa online, cresce l’acquisto di alimentari

No comments

La trasformazione digitale interessa da vicino il settore del cibo, in particolare grazie all’innovazione tecnologica il settore dell’eGrocery è in crescita continua.

Nel 2016 una fetta rilevante di italiani ha acquistato generi alimentari online grazie a varie tipologie di eCommerce, non esclusivamente quelli della grande distribuzione organizzata, grazie a PC, laptop ma anche da tablet e da smartphone.

eGrocery: non solo alimentare di eccellenza

Il ricorso all’eCommerce per acquistare alimentari non è però un fenomeno che riguarda esclusivamente alimenti di eccellenza come i prodotti DOP, ossia eccellenze culinarie di una certa regione o zona d’Italia che sarebbero difficilmente reperibile nei supermercati.

La digitalizzazione infatti ha coinvolto anche le grandi catene di supermercati che oggi permettono agli acquirenti di fare la spesa online sfruttando soluzioni sempre più avanzate e di ultima generazione.

Il settore digitale del food&grocery è in fortissima crescita: nel 2016 il 22% delle famiglie italiane ha acquistato almeno una volta alimentari tramite eCommerce specializzati e il 74% delle famiglie vorrebbe che l’esperienza di acquisto online fosse ancora più semplice ed intelligente manifestando un’evidente propensione a reiterare l’attività di acquisto.

Inoltre l’80% dei consumatori sarebbe ben felice ad ottenere ancora più sconti e facilitazioni dato che gli acquirenti digitali sono mossi prevalentemente dalla logica del prezzo per orientare le proprie scelte.

Smart NationSpesa online, cresce l’acquisto di alimentari
Vai all'articolo

Il Ministero della Difesa adotta SPID

No comments

Grazie ad una convenzione con l’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID), il Ministero della Difesa adotta SPID per permettere ai cittadini in possesso dell’identità digitale SPID di accedere ai concorsi on line.

SPID, acronimo per Sistema Pubblico di Identità Digitale, è la piattaforma tecnologica che consente di accedere a tutti i servizi online della Pubblica Amministrazione tramite un’accoppiata di username e password.

La Difesa passa a SPID per i concorsi on line

Con l’adesione della Difesa, i possessori di identità digitale SPID possono, senza più obbligo di registrazione, fruire di tutti i servizi offerti sul portale dei concorsi on line come ad esempio presentare la domanda di partecipazione ai concorsi per il reclutamento nelle Forze Armate o ancora avviare le procedure relative al personale civile della Difesa.

Il servizio SPID è utilizzabile sul sito del Ministero della Difesa da computer, tablet e smartphone: si tratta di un lavoro congiunto fra la Direzione Generale per il Personale Militare e lo Stato Maggiore della Difesa.

Mentre la Direzione Generale ha stabilito i requisiti necessari per adeguare il portale concorsi e seguito le fasi esecutive dell’intervento, lo Stato Maggiore si è incaricato di rendere disponibili le risorse per la realizzazione, ha curato la stipula della convenzione e gli aspetti tecnico-operativi.

Maggiori informazioni sul sito di AgID.

Smart NationIl Ministero della Difesa adotta SPID
Vai all'articolo