Pubblicata la roadmap per il passaggio definitivo al digitale terrestre

No comments

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha ufficializzato la tabella di marcia che porterà allo switch-off dalla televisione analogica al digitale terrestre.
Il passaggio inizierà dal 1° gennaio 2020 e si concluderà entro il 30 giugno 2022 per tutte le Regioni italiane: durante tale periodo verrà abbracciato il nuovo standard MPEG4 per liberare le frequenze su cui si appoggia il digitale terrestre.

Dal 2020, infatti, la banda 700MHz non potrà essere più occupata perché destinata alla nuova rete 5G che permetterà agli italiani di fruire di nuovi servizi in mobilità su una rete super veloce.

Una tabella di marcia per evitare interferenze

Con l’obiettivo di evitare interferenze il MiSE ha deciso di accelerare il processo e di delineare una tabella di marcia che porterà allo switch-off completo entro il 30 giugno 2022.
L’Italia è stata quindi divisa in 4 macro-aree: le prime regioni interessate dalla migrazione al digitale terrestre in standard MPEG4 saranno Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania e Sardegna.

La tabella completa prevede:

  1. 1 gennaio 2020 – 31 maggio 2020: Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania, Sardegna.
  2. 1 giugno 2020 – 31 dicembre 2020: Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia (tranne la provincia di Mantova) la provincia di Piacenza, la provincia di Trento, la provincia di Bolzano.
  3. 1 gennaio 2021 – 30 giugno 2021: Sicilia, provincia di Reggio Calabria, Vibo Valentia e Catanzaro.
  4. 1 settembre 2021 – 31 dicembre 2021: Veneto, provincia di Mantova, Friuli – Venezia – Giulia, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, provincia di Cosenza e Crotone.

Si suggerisce di verificare se il proprio decoder supporta lo standard MPEG4 per il passaggio al cosiddetto DVBT-2 (digitale terrestre 2.0): la maggior parte dei televisori presenti nelle abitazioni è compatibile e sarà sufficiente solo effettuare nuovamente la sintonizzazione dei canali.

Smart NationPubblicata la roadmap per il passaggio definitivo al digitale terrestre
Vai all'articolo